La patrie dal Friul

Novembre 2013

 

A coventin politichis ativis pal lavôr, no dome assistence

Roberto Muradore - Segretari Gjenerâl Cisl di Udin

Intai ultins agns, par colpe di cheste crisi teribile che no motive di calâ, si à fat dispès ricors ai amortizadôrs sociâi, ven a stâi ae casse integrazion vuadagns ordenarie, straordenarie e in deroghe, ae disocupazion, ae mobilitât, e vie indenant.

Al è plui che just che la coletivitât e vedi sostignût e ancjemò e sostegni i tancj che a son sospindûts dal lavôr o che lu pierdin in maniere definitive.

Chescj intervents necessaris di poie al redit dai cence lavôr, però, no àn ufiert ai interessâts plui pussibilitâts di une gnove ocupazion.

No son stâts previodûts, di fat, percors di cualificazion e/o di ricualificazion struturâts par fâur acuisî chês competencis e abilitâts che ju infuartissin sul “marcjât” (definizion oribile) dal lavôr, duncje che ur permetin di jessi ocupâts.

Ancje se par chei metûts in casse integrazion in deroghe a son stâts tignûts cors di formazion su temis tant che - par esempli - la informatiche, l’inglês e la comunicazion, chescj a son servîts a pôc o a nuie, stant che si son limitâts a furnî cualchi cognossince elementâr e gjeneriche di base.

Duncje, di concret e di util nuie.

Si à di dî a clâr che il lavôr al è e al è disponibil se la economie e va ben – robe che no je - ma e je impuartante ancje une cressite professionâl personâl, par vê plui pussibilitâts di cjatâ ocupazion.

E, invezit, si à limitât i intervents ae - pûr necessarie e dovude – assistence.

Si son metûts in cjamp tancj intervents di politiche passive dal lavôr e si è fat masse pôc in materie di politiche ative.

Si à, in definitive, sostignût - e dome in part - il redit di chei che a jerin cence lavôr, cence acompagnâju in maniere minime intun percors di orientament e di inzornament professionâl par tornâju a impleâ.

Ancje par chescj motîfs, la discussion in cors su la introduzion eventuâl di un “redit minim di citadinance” no convinç, stant che si larès a pericul di bati dûr su la strade dome de tutele - par altri minime - dal redit, cence però creâ une prospetive positive par cui che al domande e che al cîr lavôr, no dome assistence.

In Friûl e à di jessi riproponude e valorizade la culture inlidrisade dal lavôr e dal impegn, adatantle, dal sigûr, a un contest che al è cambiât e che ancjemò al cambiarà.

No simpri in miôr, magari cussì no.

Che si pensi a cemût che e je corutore in maniere pericolose dai valôrs profonts e che a fondin la nestre comunitât la difondude idee dal “vinci facil” cence sacrifici, dal fâ i bêçs cui bêçs e no cul sudôr, dal primât dal jo su chel altri, e vie indenant.

Al covente, prin di dut, fermâ daurman chê derive desolante che e fâs simpri plui dispès afermâ che studiâ nol covente a nuie: il studi no dome al forme citadins cussients e madûrs ma al ufrìs ancje oportunitât plui grandis di lavôr.

Al va, intal stes timp, recuperât ancje il rûl e la considerazion pal lavôr manuâl, sedi dipendent che autonom.

Soredut lis fameis, ma no dome, a àn di passâ ai zovins chei valôrs di laboriositât e di sacrifici che a àn simpri contrassegnade la int furlane.

Dome creant un “capitâl uman e sociâl” responsabil, solit e afidabil, si pues sperâ intun futûr di benstâ pe nestre tiere.

Societât e economie, zovins e futûr, lavôr e benstâ che a tornin a insiemi, a jessi un dut un!

 

*****************************

 

A causa di questa terribile crisi che non accenna a diminuire, negli ultimi anni si è fatto un massiccio ricorso agli ammortizzatori sociali, cioè alla Cassa Integrazione Guadagni ordinaria, straordinaria e in deroga, alla disoccupazione, alla mobilità, ecc…

E’ più che giusto che la collettività abbia sostenuto e ancora sostenga quanti sono sospesi dal lavoro o lo perdono definitivamente.

Questi doverosi interventi di sostegno al reddito dei senza lavoro, però, non hanno offerto agli interessati una maggiore possibilità di una nuova occupazione.

Non sono stati previsti, infatti, percorsi di qualificazione e/o riqualificazione strutturati per far acquisire loro quelle competenze e abilità tali da renderli più forti sul “mercato” (definizione orribile) del lavoro, quindi occupabili.

Anche se per chi era posto in cassa integrazione in deroga si sono tenuti corsi di formazione su temi quali, ad esempio, l'informatica, l’inglese e la comunicazione, questi sono serviti a poco o a nulla in quanto si sono limitati a fornire qualche elementare e generica conoscenza di base.

Di concreto e di utile niente, quindi.

Va detto chiaramente che il lavoro c’è ed è disponibile se l’economia va bene, cosa che non è, ma è importante anche una personale crescita professionale per avere più possibilità di trovare occupazione.

E, invece, ci si è limitati alla, pur necessaria e doverosa, assistenza.

Si sono messi in campo tanti interventi di politica passiva del lavoro e si è fatto troppo poco in materia di politica attiva.

Si è, in definitiva, sostenuto, e solo in parte, il reddito di quanti erano senza lavoro senza accompagnarli minimamente in un percorso di orientamento e di aggiornamento professionale finalizzato al loro reimpiego.

Anche per questi motivi la discussione in corso sulla eventuale introduzione di un “reddito minimo di cittadinanza” non convince poiché si rischierebbe di perseverare sulla strada della sola tutela, per altro minima, del reddito senza, però, creare una prospettiva positiva per chi chiede e cerca lavoro, non mera assistenza.

In Friuli deve essere rieditata e valorizzata la radicata cultura del lavoro e dell’impegno, adattandola, ovviamente, a un contesto che è cambiato e che ancora cambierà.

Non sempre in meglio, purtroppo.

Si pensi a come è pericolosamente corruttrice dei valori profondi e fondanti della nostra comunità la diffusa vulgata del “vincere facile” senza sacrificio, del fare i soldi con i soldi e non con il sudore, del primato dell’io sull’altro, ecc…

Serve, innanzitutto, fermare subito quella devastante deriva per cui sempre più spesso si sente affermare che studiare non serve a niente: lo studio non solo forma cittadini consapevoli e maturi ma offre anche maggiori opportunità di lavoro.

Va, nel contempo, recuperato pure ruolo e considerazione per il lavoro manuale, sia esso dipendente o autonomo.

Soprattutto le famiglie, ma non solo, trasmettano ai giovani quei valori di laboriosità e di sacrificio che hanno da sempre contraddistinto la gente friulana.

Soltanto creando un responsabile solido e affidabile “capitale umano e sociale” si può sperare in futuro di benessere per la nostra terra.

Società ed economia, giovani e futuro, lavoro e benessere ritornino a camminare insieme, ad essere un tutt'uno!

Roberto Muradore
archivio

altre risorse: