FNP

dell'Udinese e della Bassa Friulana
Via C. Percoto, 1 - UDINE
Tel. 0432-246491 - Fax 0432-204046
E-mail: pensionati.udine@cisl.it
Sito internet: www.pensionaticisludine.it

Il Friuli

Venerdì 17 Luglio 2015

 

Anche i pensionati guardano al futuro dei giovani

Il segretario generale di Fnp Cisl Pensionati dell’Udinese e della Bassa friulana, Ennio Toniutti, è soddisfatto della ripresa del dialogo col governo, ma vorrebbe che si trovassero soluzioni concrete anche per dare maggiore serenità alle famiglie

Anche i l sindacato dei pensionati Fnp-Cisl, attende la conversione in legge del decreto del Governo sulle pensioni. Fnp, Spi e Uilp chiedono che il decreto sia migliorato per renderlo più equo e rispondente alla sentenza della Corte Costituzionale che ha sancito l’incostituzionalità del blocco della rivalutazione delle pensioni di importo superiore a tre volte il minimo per il biennio 2012-2013.

Tavolo di confronto
In particolare, i sindacati chiedono al Parlamento che sia ristabilito il montante delle pensioni in essere e che sia incrementato il loro importo mensile per impedire che il danno verso i pensionati diventi permanente. Prosegue il tavolo di confronto tra i sindacati dei pensionati e il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, per dare risposte a milioni di persone che in questi ultimi anni di crisi economica, aggravata dalle errate e unilaterali decisioni dei Governi, con le loro modeste pensioni e con il loro lavoro di cura hanno sostenuto figli e nipoti disoccupati e inoccupati, sostituendosi a un welfare troppo spesso insufficiente.

Visto dal Friuli
Questo quanto si legge sul sito dei Fnp Cisl Pensionati. Ma il segretario generale di Fnp Cisl Pensionati dell’Udinese e della Bassa friulana, Ennio Toniutti, punta il dito anche sulla situazione dei giovani.

“L’assenza di lavoro – spiega Toniutti -, ma anche il lavoro precario, saltuario, gli spazi lunghi di inoccupazione o sottoccupazione comportano una discontinuità nel versamento dei contributi. E’ necessario fare qualcosa di nuovo per far ripartire il mondo del lavoro. Il governo dovrebbe trovare intuizioni e avere la capacità, per rimettere in moto il mercato. Ma non c’è l’impegno di tutti e si continua a privilegiare la finanza. Non sono soluzioni continuare a comprimere il lavoro dipendente o il blocco delle perequazioni, che hanno avuto l’unico risultato di dimezzare i consumi. E non si può pensare che il mercato riparta soltanto grazie alle esportazioni”.

Percezione sbagliata
Altra nota dolente, per il sindacalista, “è l’accusa di rubare agli altri, che viene fatta ai pensionati. In questi momenti di crisi – spiega Toniutti -, i pensionati sono un aiuto indispensabili e coprono i buchi del welfare pubblico. Noi pensionati ci dedichiamo al ‘babysitteraggio’, facciamo i ‘nonni vigile’, e ci prestiamo all’assistenza delle persone bisognose. Insomma, alleggeriamo anche i giovani, che altrimenti sarebbero soli. Insomma, siamo un aiuto per le famiglie, che non tutti ci riconoscono”.

Ennio Toniutti
Ennio Toniutti
archivio

la federazione:

altre risorse: