La patrie dal Friul

Ottobre 2014

 

Apel de Cisl: plui atenzion ai problemis sociâi

Inte Segretarie de CISL di Udin o ai la deleghe a chel che al ven definît il “sociâl”, e duncje o ai il compit di monitorâ lis dibisugnis sociâls, e di cirî di dâur cualchi rispueste.

O ai verificade sul cjamp une cressite esponenziâl de “domande” di protezion sociâl e la dificoltât consecuente di rivâ a organizâ une “ufierte” che e podès rispuindi aes mil e une esigjencis, vecjis o gnovis che a sedin.

Insiemi cui agjents sociâi de FNP, sindicât dai pensionâts, pardabon ben organizât tal teritori, mi cjati cun istituzions locâls come Provincie, Ambits e Comuns propit par ufrîur il nestri bagai di cognossincis e di propuestis, dutis finalizadis a fâ front a cheste situazion simpri plui complicade, ancje tal nestri Friûl.

Di fat, si confrontìn cu lis istituzions dal teritori propit inte fase di predisposizion dai belançs par orientâ lis scjarsis risorsis publichis viers obietîfs socialmentri rilevants, tant che la sanitât, il socioassistenziâl, la fiscalitât locâl, i presits, lis tarifis e v.i.

I temis frontâts de CISL di Udin e de FNP a son une vore, e a van des fameis in crisi pe mancjance di lavôr e duncje di redit a chês in dificoltât par vie che no rivin a garantî, se no cun sacrificis grandonons, une juste cure e assistence ai lôr familiârs no autosuficients, de solitudin dai vielis aes mensis scolastichis dai scuelârs, e v.i.

Chest lavôr continui e indurant di “concertazion sociâl” al smire a fâ in maniere che lis istituzions locâls, chês che a “incuintrin” i citadins, a sedin inmò plui atentis a chei che plui a àn di bisugne, e che a doprin lis lôr risorsis massime par dâ rispuestis a chestis categoriis di personis. Dut chest par fâ in mût che lis nestris comunitâts a sedin pardabon comunitâts, e che si cjapin sù il caric di chei che a son in pericul di restâ indaûr e di pierdis dal dut.

Par dî la veretât, o ai cjatade atenzion e scolte di bande di cualchi aministrazion su lis tematichis sociofamiliârs, de cjase, e v.i., e di fat o vin rivât a firmâ diviers Protocoi di Intese che a svilupin il welfare locâl e/o di comunitât, come a Udin, Martignà, Puçui, Pavie, Sant Zorç, Çarvignan, Tavagnà.

O pensi che e sedi dibisugne di plui atenzion ai problemis sociâi, stant che cheste crisi economiche e lavorative cence fin - ben lontane dal cjatâ inmò une soluzion – ju stice simpri di plui.

Ancje tal nestri Friûl la gravitât des cuistions e impon di fâ scuadre par frontâlis miôr e par risolvilis. Nissun (ni lis istituzions, ni la economie, ni la societât), di bessôl, al pues rivâ. Al covente il concors responsabil e solidari di ducj.

Par chest, la CISL e fasarà di dut par jessi scoltade ancje in chês realtâts che, pal moment, no àn stimât di vê di confrontâsi cul sindicât.

**********************

All’interno della Segreteria della CISL di Udine ho la delega al cosidetto “sociale”, per cui ho il compito di monitorare i bisogni sociali e di tentare di dare loro una qualche risposta.

Ho riscontrato sul campo una crescita esponenziale della “domanda” di protezione sociale e la conseguente difficoltà a riuscire ad organizzare una “offerta” in grado di rispondere alle mille e una esigenze, nuove o vecchie che siano.

Insieme agli agenti sociali della FNP, sindacato dei pensionati davvero per organizzato nel territorio, incontro le istituzioni locali quali la Provincia, gli Ambiti e i Comuni proprio per offrire loro il nostro bagaglio di conoscenze e di proposte, tutte finalizzate a fronteggiare questa situazione sempre più complicata anche nel nostro Friuli.

Infatti ci confrontiamo con le istituzioni del territorio proprio nella fase di predisposizione dei bilanci per orientare le “scarse” risorse pubbliche verso obiettivi socialmente rilevanti quali la sanità, il socio-assistenziale, la fiscalità locale, i prezzi, le tariffe, ecc.

I temi affrontati dalla CISL di Udine e dalla FNP sono molteplici e vanno dalle famiglie in crisi per la mancanza di lavoro e quindi di reddito a quelle in difficoltà perchè non riescono a garantire, se non con sacrifici immani, un’adeguata cura e assistenza ai propri famigliari non autosufficienti, dalla solitudine dei vecchi alle mense scolastiche degli scolari, ecc.

Questo continuo, incessante lavoro di “concertazione sociale” è mirato a far sì che le istituzioni locali, quelle che “incontrano” i cittadini, siano ancor di più attente ai più bisognosi e utilizzino le proprie risorse principalmente per dare risposte a questi. Tutto ciò per fare in modo che le nostre comunità siano davvero tali e si facciano carico di quanti rischiano di restare indietro e di perdersi definitivamente.

A dire il vero ho trovato attenzione e ascolto presso alcune amministrazioni sulle tematiche socio-familiari, della casa, ecc. ed infatti siamo riusciti a siglare diversi Protocolli di Intesa che sviluppano il welfare locale e/o di community come a Udine, Martignacco, Pozzuolo, Pavia, San Giorgio, Cervignano, Tavagnacco.

Penso ci sia bisogno di un di più di attenzione ai problemi sociali in quanto questa interminabile crisi economica e lavorativa, ben lungi dall’essere risolta, li acuisce sempre più.

Anche nel nostro Friuli la gravità delle questioni impone di fare squadra per meglio affrontarle e risolverle. Nessuno (nè le istituzioni, nè l’economia, nè la società), da solo, può farcela. Serve il concorso responsabile e solidale di tutti.

Ecco perchè la CISL farà di tutto per essere ascoltata anche in quelle realtà che, per il momento, non hanno ritenuto di doversi confrontare con il sindacato.

Renata Della Ricca - Segretario UST CISL di Udine

Renata Della Ricca
Renata Della Ricca
archivio

altre risorse: