Messaggero Veneto

Venerdì 15 Giugno 2012

 

I sindacati: mai suggerito riduzioni di stipendio

Caso Vidussi

Nella vertenza Vidussi, che già registra una non facile trattativa tra azienda e lavoratori con l’obiettivo di salvare i posti dei 52 dipendenti, si inserisce ora una presa di posizione delle organizzazioni sindacali Filcams Cgil e Fisascat Cisl, le quali in una nota congiunta «ribadiscono con assoluta fermezza e senza dubbio alcuno di non aver mai condiviso con l’Azienda Vidussi Spa, né tantomeno suggerito, alcun accordo che implicasse la riduzione delle retribuzioni delle maestranze». La nota, firmata dai segretari Francesco Buonopane e Paolo Duriavig, prosegue affermando «siamo infatti convinti che l’unico strumento da utilizzarsi sia il ricorso agli ammortizzatori sociali, così come già espresso nell’assemblea dei lavoratori e nei due incontri avuti».

Le segreterie sindacali ritengono inoltre «che anche un eventuale accordo di natura conciliativa e individuale, seppur stipulato in una sede istituzionale quale la Direzione provinciale del Lavoro, sia da considerarsi nullo e pertanto impugnabile» dicendosi fduciose «che il parere richiesto dalla DpL di Udine al Ministero potrà confortare la nostra tesi». Nell’invitare «l’azienda a evitare strumentalizzazioni e dichiarazioni che possano risultare fuorvianti e ambigue» le due organizzazioni «ribadiscono la propria disponibilità, mai per altro negata, a ricercare soluzioni condivise e collettive che consentano di gestire l’attuale momento di difficoltà aziendale, nel rispetto però dei contratti, delle norme e dei diritti».

Paolo Duriavig
archivio

altre risorse: