La patrie dal Friul

Giugno 2014

 

LA VÔS DE CISL.

Detassazion des sumis di produtivitât dai lavoradôrs dipendents

La detassazion des sumis corispuindudis ai dipendents lavoradôrs leadis aes incressitis di produtivitât dal lavôr, di cualchi an in ca e ven riproponude in maniere periodiche, patint però di une volte in chê altre modificazions normativis.

E je une tassazion agjevolade al 10% secje, in sostituzion de tassazion ordenarie Irpef che e je peade a scaions di alicuotis (minime 23% massime 43%) e al redit complessîf dal contribuent (efiet sume di ducj i redits cun tassazion plui alte a pet de tassazion dai redits singui).

Ai 29 di Avrîl di chest an, a son stadis publicadis lis modalitâts atuativis de agjevolazion pal 2014.

A son di podê subietâ ae impueste sostitutive dal 10% lis sumis erogadis:
- a titul di retribuzion di produtivitât;
- in fuarce di acuardis coletîfs aziendâi o teritoriâi;
- ai dipendents dal setôr privât (chei dal setôr public a son escludûts);
- ai dipendents che intal 2013 a àn cjapât un redit di lavôr dipendent no superiôr a € 40.000, al sporc dai premis di produtivitât dal an stes.

L’impuart massim di premis di produtivitât che su chei la aziende e pues aplicâ la impueste agjevolade al è di € 3.000 al sporc. A varan di fâ atenzion particolâr i dipendents che dilunc dal 2014 a cambiin datôr di lavôr. Se a fin dal an si cjatassin cun impuarts distassâts superiôrs ai 3.000 € a varan l’oblic di presentazion de declarazion dai redits par podê paiâ la impueste dovude.

Il singul dipendent al pues rinunziâ a chest regjim agjevolât domande par iscrit al propri datôr di lavôr. Di fat, in cualchi câs al pues risultâ no convenient aplicâ la detassazion al 10% pitost che la tassazion ordenarie Irpef. A son i câs là che il dipendent al cjape redits tant bas (par esempli plui bas di € 8.000 par 365 dîs lavorâts) che su chei l’efiet de detrazion di lavôr e anule ad implen la impueste al sporc dovude.

O i câs là che il dipendent al presente detrazions tant altis (cjamis di famee impuartantis pe presince di tancj fîs, o grandis spesis medichis o di ristruturazion) che di fat ancje in chest câs a anulin la impueste al sporc.

Intai câs che si à fevelât la tassazion Irpef e sarès pâr a zero, intant che la detassazion e sarès dal 10%: ve duncje che al conven no optâ pal regjim sostitutîf di tassazion dai premis di produtivitât e lassâju a tassazion ordenarie.

Marianninna Rocco, Responsabile Fiscâl CAF CISL Udin

 

************************

 

Detassazione somme produttivita’ dei lavoratori dipendenti

La detassazione delle somme corrisposte ai lavoratori dipendenti legate agli incrementi di produttività del lavoro da alcuni anni viene periodicamente riproposta, subendo però di volta in volta modifiche normative.

Si tratta di una tassazione agevolata al 10% secca in sostituzione della tassazione ordinaria Irpef che è legata a scaglioni di aliquote (minima 23% massina 43%) e al reddito complessivo del contribuente (effetto cumulo di tutti i redditi con tassazione più elevata rispetto alla tassazione dei singoli redditi).

Il 29/04/2014 sono state pubblicate le modalità attuative dell’agevolazione per il 2014.

Sono assoggettabili all’imposta sostitutiva del 10% le somme erogate:
- a titolo di retribuzione di produttività
- in forza di accordi collettivi aziendali o territoriali
- ai dipendenti del settore privato (settore pubblico sono esclusi)
- a dipendenti che nel 2013 hanno percepito un reddito da lavoro dipendente non superiore a euro 40.000 al lordo dei premi di produttività dell’anno stesso

L’importo massimo di premi di produttività sui quali l’azienda può applicare l’imposta agevolata è di euro 3.000 lordo. Particolare attenzione dovranno farla i dipendenti che nel corso del 2014 cambiano datore di lavoro. Se a fine anno si trovassero con importi detassati superiori ai 3.000 euro avranno l’obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi per poter versare la maggiore imposta dovuta.

Il singolo dipendente può rinunciare al regime agevolato in esame facendone richiesta per iscritto al proprio datore di lavoro. Infatti in alcuni casi può risultare non conveniente applicare la detassazione al 10% piuttosto che la tassazione ordinaria Irpef.

Sono i casi in cui il dipendente percepisce redditi molto bassi (ad esempio inferiori a 8.000 euro per 365 giorni lavorati) sui quali l’effetto della detrazione da lavoro azzera completamente l’imposta lorda dovuta.

Oppure i casi in cui il dipendente presenta detrazioni molto alte (carichi di famiglia importanti per la presenza di tanti figli, oppure ingenti spese mediche o di ristrutturazione) che di fatto anche in questo caso azzerano l’imposta lorda.

Nei casi su riportati la tassazione Irpef sarebbe pari a zero, mentre la detassazione sarebbe pari al 10%: ecco che conviene non optare per il regime sostitutivo di tassazione dei premi di produttività e lasciarli a tassazione ordinaria.

Mariannina Rocco Responsabile Fiscale CAF CISL Udine

Caf Cisl Udine
Caf Cisl Udine
archivio

altre risorse: