La patrie dal Friul

Marzo 2015

 

Disavualance e puaretât

di Roberto Muradore

Intal lengaç di vuê, il tiermin ”avualance” al è dal dut in disusance. Chest, ancje se la stesse nestre democrazie e cjape legjitimazion, fondis e aliment de aspirazion e de vocazion a ufrî a ducj i citadins lis stessis oportunitât di cundizions, par podê cussì esercitâ la partecipazion politiche, civîl, economiche e sociâl.

Si è afermade une acetazion passive dal fat che areis largjis dal planet, Paîs intîrs e fintremai i nestris concitadins e vicins di cjase a puedin vivi in cundizions di dibisugne.

Vuê il sintî comun nol è plui chel che al stime impuartant il benstâ di ducj e no dome chel di cualchidun, parcè che e à vinçût la pulsion egoiste e avide dal individui.

Si è abdicât al principi de justizie sociâl e in chest mût si ofindin une dì daûr chê altre chei plui puars.

No si capìs nancje che la disavualance e je une menace par ducj, stant che e puarte cun se rabie, violence e insigurece, cun coscj sociâi dramatics e cressints.

Cun di plui, un alt nivel di disavualance al rapresente un impediment reâl ae cressite economiche, e si varès di capî che “eficience sociâl” e eficience economiche a van cul stes pas, e che nol pues jessi cressite in cheste situazion inicue.

In chest contest culturâl e di valôrs corot e in disfasiment, e va funzione une inedite “lote di classe”, condusude dal alt viers il bas, dai siôrs cuintri i puars, dai prins cuintri i ultins.

I risultâts di cheste lote di classe stranie e crudêl a son micidiâi.

Intai ultins trente agns, l’1% dai plui siôrs dal mont al à viodût a cressi il propri redit dal 275% e, di cuintri, il 20% di chei plui puars a àn vût un misar 18% in plui. Un cuint de popolazion mondiâl al gjolt dal 75% dal redit anuâl di dut il planet e il cuint plui puar si contente dal 2%. Il 60% de popolazion mondiâl al vîf cun 1 o 2 dolars in dì.

Intai paîs ocidentâi, simpri intai ultins trente agns, si è vût il moviment di redit plui imponent che si sedi mai verificât viers chei plui siôrs.

In Italie, la inicuitât economiche e je sore de medie dai Paîs de OCSE. Il patrimoni dai 10 talians plui siôrs al è compagn di chel dai 3 milions plui puars. Il 10% des fameis plui sioris al deten plui o mancul il 45% de ricjece nazionâl. Il 50% des fameis al à mancul dal 10% de ricjece complessive.

Si è vuastât l'assensôr sociâl e la situazion e je al pont di roture.

E la CISL teritoriâl e stime che la coesion sociâl e puedi jessi dome se si aferme une vere justizie sociâl.

Il teme de puaretât, cun di plui, nol à nissun spazi intal dibatiment politic, nol è in assolût une prioritât cemût che, invezit, al varès di jessi.

Vuê, intal mont, un miliart di oms a son in cundizions di puaretât, 900 milions no disponin di aghe potabile, 2 miliarts e 600 mil no gjoldin di nissun servizi sanitari.

In Europe, a son 120 milions lis personis in puaretât e, di chês, 42 milions a son inte miserie assolude.

In Italie, a son plui di 3 milions lis personis che a vivin in cundizions di puaretât assolude e al è triplicât il numar di fameis cence cjase.

Il nestri Paîs al è l'ultin sui finanziaments ae fameis, dal sigûr il piês cuntun vergognôs 1,3% dal PIL.

Un frut su cuatri al vîf in fameis che no puedin garantîi il necessari par une sô buine cressite fisiche, psicologjiche, inteletuâl e sociâl. A son 500 mil i fantaçuts che a son in cundizions di puaretât assolude. L'abandon scolastic al cres, e il 30% di cui che si iscrîf aes superiôrs nol rive ae maturitât. Dome il 20% dai fîs di operaris al rive ae Universitât, cuintri plui dal 60% des classis abenadis.

In Friûl Vignesie Julie, intal ultin deceni, e je comparide la puaretât alimentâr. Un aspiet dal sigûr gnûf, chest dal bisugn di mangjative, che al è daûr a cjapâ dimensions tant preocupantis. Intai ultins 5 agns, in Regjon, il numar dai bisugnôs di mangjative al à passât lis 50 mil unitâts; e je dopleade la cuantitât di mangjative distribuide e la incressite dai assistîts al lenç lis 24 mil personis (+ 85,8%). Chescj a son segns tangjibii e estrems dal impuariment de societât regjonâl e ancje de grande dignitât che cun chê lis fameis e lis personis lu stan patint e frontant. Il fenomen nol ven evidenziât pal pudôr des fameis coinvoltis.

La CISL locâl e stime ridutîf resonâ dome su la crisi di chê che i disin classe medie, intant che al va ricuardât, di un continui, che a son pardabon tancj chei che a àn sorpassât za il limit de puaretât o che a son li li par passâlu.

La CISL di Udin, cun di plui, e je convinçude che la politiche, duncje il Stât, e la societât, duncje lis comunitâts, a scuegnin in maniere urgjente e responsabile fâsi cjame dal drame de puaretât, se di no par milions di citadins cheste e sarà une condane cence apel.

La CISL furlane, infin, e pense che si vedi di tornâ a jessi une “comunitât di destin” là che il destin di un al è il destin di ducj e la puaretât no je il probleme dal singul ma de coletivitât.

Za intal 1977 Bonsignôr Alfredo Battisti al diseve che “di une societât dal consum e dal profit, tocje passâ a une societât de condivision e de gratuitât. E je une civiltât che e à di cambiâ; e je une gnove mentalitât che e à di nassi; al è un impegn straordenari di revision personâl e comunitarie, sociâl, economiche e politiche che e à di disflorî”.

********************************

Diseguaglianza e povertà

di Roberto Muradore

Nell’attuale linguaggio il termine ”eguaglianza” è decisamente in disuso. Questo nonostante la stessa nostra democrazia tragga legittimazione, fondamento e alimento dall’aspirazione e dalla vocazione a offrire a tutti i cittadini pari opportunità di condizioni, per poter così effettivamente esercitare la partecipazione politica, civile, economica e sociale.

Si è affermata una passiva accettazione del fatto che vaste aree del pianeta, interi Paesi e financo i nostri concittadini e vicini di casa possano vivere in condizioni di bisogno.

Oggi il sentire comune non è più quello per cui conta il benessere di tutti e non solo quello di qualcuno, perchè ha vinto la pulsione egoista e avida dell’individuo.

Si è abdicato al principio della giustizia sociale e in questo modo si insultano giorno dopo giorno i più poveri.

Non si comprende neppure che la diseguaglianza è una minaccia per tutti in quanto porta con sè rabbia, violenza e insicurezza con drammatici e crescenti costi sociali.

Un alto livello di diseguaglianza, inoltre, rappresenta un reale impedimento alla crescita economica e andrebbe capito che “efficienza sociale” ed efficienza economica vanno di pari passo e che non può esserci crescita in questa situazione iniqua.

In questo contesto culturale e valoriale corrotto e in disfacimento sta andando alla grande una inedita “lotta di classe” condotta dall’alto verso il basso, dai ricchi contro i poveri, dai primi contro gli ultimi.

I risultati di questa strana e crudele lotta di classe al contrario sono micidiali.

Negli ultimi trent’anni l’1% dei più ricchi al mondo ha visto crescere il proprio reddito del 275% e, di contro, il 20% dei più poveri ha avuto un misero 18% in più. Un quinto della popolazione mondiale gode del 75% del reddito annuale dell’intero pianeta e il quinto più povero si accontenta del 2%. Il 60% della popolazione mondiale vive con 1 o 2 dollari al giorno.

Nei paesi occidentali, sempre negli ultimi trent’anni, si è avuto il più imponente spostamento di reddito verso i più ricchi mai verificatosi.

In Italia l’iniquità economica è al di sopra della media dei Paesi dell’OCSE. Il patrimonio dei 10 italiani più ricchi è uguale a quello dei 3 milioni più poveri. Il 10% delle famiglie più ricche detiene circa il 45% della ricchezza nazionale. Il 50% delle famiglie possiede meno del 10% della ricchezza complessiva.

Si è guastato l’ascensore sociale e la situazione è al punto di rottura.

E la CISL territoriale ritiene che la coesione sociale sia possibile solamente se si afferma una vera giustizia sociale.

Il tema della povertà, inoltre, non ha alcuno spazio nel dibattito politico, non è assolutamente una priorità come, invece, dovrebbe essere.

Oggi, nel mondo, un miliardo di esseri umani versano in condizioni di povertà, 900 milioni non dispongono di acqua potabile, 2 miliardi e 600 mila non sono coperti da alcun servizio sanitario.

In Europa sono 120 milioni le persone in povertà delle quali 42 milioni nell’indigenza assoluta.

In Italia sono più di 3 milioni le persone che vivono in condizioni di povertà assoluta ed è triplicato il numero di famiglie senza casa.

Il nostro Paese è l’ultimo relativamente ai finanziamenti alla famiglia, decisamente il peggiore con un vergognoso 1,3% del Pil.

Un bambino su quattro vive in famiglie che non possono garantirgli il necessario per una sua buona crescita fisica, psicologica, intellettuale e sociale. Sono 500 mila i ragazzini che versano in condizioni di povertà assoluta. L’abbandono scolastico cresce e il 30% di chi si iscrive alle superiori non giunge alla maturità. Solo il 20% dei figli di operai arriva all’Università contro il più del 60% delle classi agiate.

In Friuli Venezia Giulia, nell’ultimo decennio, è comparsa la povertà alimentare. Un aspetto sicuramente nuovo, questo del bisogno di cibo, che sta assumendo dimensioni decisamente preoccupanti. Negli ultimi 5 anni, in Regione, il numero dei bisognosi di cibo ha superato le 50 mila unità, è raddoppiata la quantità di cibo distribuito e l’incremento degli assistititi sfiora le 24 mila persone (+ 85,8%). Questi sono segni tangibili ed estremi dell’impoverimento della società regionale ed anche della grande dignità con cui le famiglie e le persone la stanno subendo e fronteggiando. Il fenomeno non viene evidenziato per il pudore delle famiglie coinvolte.

La CISL locale ritiene riduttivo ragionare solo sulla crisi del cosiddetto ceto medio, mentre va rammentato, continuamente, che sono davvero tanti quelli che hanno già oltrepassato la soglia della povertà o che sono lì lì per varcarla.

La CISL di Udine, inoltre, è convinta che la politica, quindi lo Stato, e la società, quindi le comunità, debbano urgentemente e responsabilmente farsi carico del dramma della povertà altrimenti per milioni di cittadini questa sarà una condanna senza appello.

La CISL friulana, infine, pensa che si debba ritornare ad essere una “comunità di destino” nella quale il destino di uno è il destino di tutti e la povertà non è il problema del singolo ma della collettività.

Già nel 1977 Monsignor Alfredo Battisti diceva che “da una società del consumo e del profitto, bisogna passare ad una società della condivisione e della gratuità. E’ una civiltà che deve cambiare; è una nuova mentalità che deve nascere; è un impegno formidabile di revisione personale e comunitaria, sociale, economica e politica che deve fiorire”.

Roberto Muradore
archivio

altre risorse: