La patrie dal Friul

Settembre 2015

 

Eletrodot: nissune posizion radicâl iperambientaliste, ma dome considerazions e indicazions di sintiment


La CISL di Udin si è interessade di lavôr e di economie reâl, soredut di manifaturîr, ancje cuant che masse politics, sindicaliscj e imprenditôrs a jerin inceâts de new economy, gnûf “soreli dal futûr”. E à ribatût in maniere ossessive, e lu fâs ore presint, che il sisteme produtîf provinciâl e regjonâl al va difindût e rilançât costruint un contest di riferiment ancje locâl che al judi e che nol complichi la vite aes impresis, cemût che masse dispès al sucêt. Chest parcè che i fatôrs competitîfs di contest a son fondamentâi pe riessude di une aziende. Lis impresis, di fat, a àn sucès prin di dut par capacitâts propriis ma ancje, in part consistente, par resons a lôr esternis.

E esist e e je basilâr chê che i disin competitivitât di sisteme.

Dai tancj e cognossûts fatôrs competitîfs di contest la infrastruturazion, materiâl e imateriâl, indi je une componente decisive. Secont ciertis stimis, un adeguament des infrastruturis al puartarès cun se, intal arc di une desene di agns, un aument di cirche il dodis par cent dal PIL nazionâl.

Al va fissât, però, cualis oparis a vedin pardabon un sens e une utilitât sistemiche e cualis che a sedin dome che un afâr pes lobbies dai costrutôrs, cence ufrî nuie e, anzit, gjavant aes comunitâts e ai teritoris coinvolts.

Une volte aciertade la utilitât di une opare, cheste e va costruide intal mût plui sigûr e che al impate mancul pussibil, doprant lis tecnologjiis plui inovativis.

Al è necessari che i procès decisionâi che a rivuardin lis infrastruturis a sedin tâi di cjapâ dentri pardabon i sogjets sociâi, economics e istituzionâi che si cjatin intes areis coinvoltis fin dal principi, dal studi di fatibilitât ae progjetazion e ae programazion. Fâ partecipâ e responsabilizâ par fâ in mût che la proteste di pôcs no impedissi la realizazion di oparis necessariis, ma ancje par fâ sì che la opare e sedi pardabon utile e ancje rivuardose des Comunitâts e dai teritoris.

Proceduris seriis e ciertis ancje par fâ in mût che lis decisions cjapadis no puedin jessi metudis simpri in discussion.

Intal câs dal eletrodot Redipulie-Udin la CISL di Udin, duncje la CISL de aree interessade, e je stade cjapade dentri dome intal Jugn dal 2012, prime dai Sindics e dopo, in maniere masse svelte, de Regjon.

Al è ancje par esperience direte, duncje, che la CISL di Udin e sosten che il metodi, cuant che e je in bal la costruzion di une grande opare, al è impuartant cuasi tant che il merit. Une procedure, al va sotlineât di gnûf, che e sedi impuestade a un rûl efetîf di ducj i atôrs. Cussì nol è stât, almancul pe CISL di Udin.

Intal merit, dome ciertis precisazions.

La CISL di Udin no je contrarie al eletrodot, ma a chest gjenar di eletrodot parcè che al impate masse. E si viôt! Covential par razionalizâ e meti in sigurece la rêt eletriche regjonâl? Al covente prin di dut a Terna par deventâ simpri plui une imprese di nivel european. Chest al è un obietîf plui che condivisibil. Ma al va precisât, par amôr di veretât, che in Friûl-V.J. di energjie a ’nd è a suficience e che l'eletrodot nol puartarà nissun benefici di presit de energjie ai citadins e aes impresis locâls par vie des normis europeanis coercitivis su la concorence.

Si varès di interogâsi, dopo, sul parcè che - cundut dai tant sbandierâts problemis di manutenzion e di plui servitûts - si puedin costruî eletrodots intierâts in dut il mont, fale in Friûl.

Al è indiscutibil, infin, che lis Açalariis Bertoli-Safau, tant che ogni aziende energjvore, a vedin un bisugn assolût di ciertecis in fat di continuitât di provision e di impegn di potence eletriche. Cheste dibisugne, però, no scuen par fuarce jessi sodisfate propit di un eletrodot aeri.

De bande de CISL di Udin, in definitive, nissune posizion radicâl iperambientaliste, ma dome considerazions e indicazions di assolût sintiment.

Roberto Muradore Segretari Gjenerâl UST CISL Udin

 

**************************

 

La CISL di Udine si è interessata di lavoro e di economia reale, soprattutto di manifatturiero, anche quando troppi politici, sindacalisti e imprenditori erano abbagliati dalla new economy, novello “sol dell’avvenire”. Ha ossessivamente ribadito, e lo fa tuttora, che il sistema produttivo provinciale e regionale va difeso e rilanciato costruendo un contesto di riferimento anche locale che aiuti e che non complichi la vita alle imprese, come troppo spesso accade. Questo perché i fattori competitivi di contesto sono fondamentali per la riuscita di un’azienda. Le imprese, infatti, hanno successo innanzitutto per capacità proprie ma anche, in parte consistente, per ragioni esterne a loro.

Esiste ed è basilare la cosiddetta competitività di sistema.

Dei tanti e noti fattori competitivi di contesto l’infrastrutturazione, materiale e immateriale, ne è una componente decisiva. Secondo alcune stime un adeguamento delle infrastrutture porterebbe con sé, nell’arco di una decina di anni, un aumento di circa il dodici per cento del PIL nazionale.

Va stabilito, però, quali opere abbiano davvero un senso e una utilità sistemica e quali siano solo un affare per le lobbies dei costruttori, senza offrire nulla e, anzi, togliendo alle comunità e ai territori coinvolti.

Una volta accertata l’utilità di un’opera, essa va costruita nel modo più sicuro e meno impattante possibile, utilizzando le tecnologie più avanzate.

E’ necessario che i processi decisionali riguardanti le infrastrutture siano tali da coinvolgere realmente i soggetti sociali, economici ed istituzionali che insistono nelle aree coinvolte fin dall’inizio, dallo studio di fattibilità alla progettazione e alla programmazione. Far partecipare e responsabilizzare per fare in modo che la protesta di pochi non impedisca la realizzazione di opere necessarie, ma anche per far sì che l’opera sia davvero utile e anche rispettosa delle Comunità e dei territori.

Procedure serie e certe anche per far si che le decisioni assunte non possano essere sempre messe in discussione.

Nel caso dell’elettrodotto Redipuglia-Udine la CISL di Udine, quindi la CISL dell’area interessata, è stata coinvolta soltanto nel giugno del 2012, prima dai Sindaci e poi, frettolosamente, dalla Regione.

E’ anche per esperienza diretta, quindi, che la CISL di Udine, sostiene che il metodo, quando è in ballo la costruzione di una grande opera, è rilevante quasi quanto il merito. Una procedura, va nuovamente sottolineato, che sia improntata a un effettivo ruolo di tutti gli attori. Così non è stato, almeno per la CISL di Udine.

Nel merito solo alcune precisazioni.

La CISL di Udine non è contraria all’elettrodotto, ma a questo tipo di elettrodotto perché troppo impattante. E si vede! Serve per razionalizzare e mettere in sicurezza la rete elettrica regionale? Serve principalmente a Terna per diventare sempre più un’impresa di livello europeo. Questo è un obiettivo più che condivisibile. Ma va puntualizzato, per amor di verità, che in Friuli V.G. di energia ce n’è a sufficienza e che l’elettrodotto non porterà alcun beneficio di prezzo dell’energia ai cittadini e alle imprese locali a causa delle cogenti norme europee sulla concorrenza.

Ci si dovrebbe interrogare, poi, perché, nonostante i tanto sbandierati problemi di manutenzione e di maggiori servitù, si possano costruire elettrodotti interrati in tutto il mondo, fuorchè in Friuli.

E’ indiscutibile, infine, che le Acciaierie Bertoli-Safau, come ogni azienda energivora, abbiano assolutamente bisogno di certezze in fatto di continuità di approvvigionamento e di impegno di potenza elettrica. Questa necessità, però, non deve necessariamente essere soddisfatta proprio da un elettrodotto aereo.

Da parte della CISL di Udine, in definitiva, nessuna posizione radicale iperambientalista, ma solo considerazioni e indicazioni di assoluto buon senso.

Roberto Muradore - Segretario Generale UST CISL Udine

Roberto Muradore
archivio

altre risorse: