Giovedì 11 Ottobre 2012

 
 

Femminicidio

 
     

Dall'inizio dell'anno sono già molte le donne uccise in Italia (94), oggi, l'ultimo caso a Torino, un marito ha ucciso la moglie davanti al figlio.

L'Italia rincorre questo nuovo primato. Donne vittime di violenza, uccise dal marito, compagno, fidanzato, fratello. I dati sono raccapriccianti pure nel 2011 con ben 137 donne uccise e 127 nel 2010.

Leggendo questi dati è difficile rimanere indifferenti, lo sconcerto e l'indignazione salgono di fronte ai racconti di donne vittime di omicidi o ridotte in fin di vita per le percosse e le botte subite.

La violenza di genere è la violenza perpetrata contro donne e minori, basata sul genere, ed è ritenuta una violazione dei diritti umani.

Parlare di violenza di genere in relazione alla diffusa violenza su donne e minori significa mettere in luce la dimensione “sessuata” del fenomeno in quanto manifestazione di un rapporto tra uomini e donne storicamente diseguali, determinando la discriminazione delle donne.

Oggi viene considerato, anche se in modo insufficiente e lacunoso, come un grave problema sociale e si cercano delle forme di intervento per ridurlo ed eliminarlo.

Ogni giorno accendendo il televisore si può constatare un nuovo caso di una vita spezzata.

Il coordinamento donne della CISL FVG chiede li rafforzamento della rete dell’agire comune e, la capacità degli stakeholder di adottare pratiche condivise che siano propedeutiche le une alle altre, al fine di creare sinergie adeguate a garantire l’applicazione delle disposizioni di legge.

E' fondamentale l’apporto delle istituzioni, ma anche delle associazioni datoriali e sindacali nel proporre campagne informative e di pubblicizzazione. Occorre evidenziare le modalità con le quali tale violenza viene inferta e le soluzioni possibili mediante un sistema di rete condiviso tra i diversi attori coinvolti. E’ quindi necessario predisporre percorsi di recupero partecipati, finalizzati al pieno miglioramento psicosociale della vittima, ivi incluso l’inserimento lavorativo e professionale del soggetto.

Non dimenticatevi di questo fenomeno.

 

Renata Della Ricca
Coordinamento Donne CISL Udine

Renata Della Ricca
archivio

altre risorse: