La patrie dal Friul

Novembre 2013

 

LA VÔS DE CISL

Il Reditometri

Il Reditometri, o aciertament sintetic di gjenar indutîf, al è il strument che midiant di chel il Fisc al pues stimâ il redit presumût di une persone, su la fonde des spesis che cheste e à fat, midiant di une schirie di indiçs fissâts a priori.

I indiçs doprâts a son coeficients peâts ae “classe” assegnade al contribuent, su la fonde di trê carateristichis:

• composizion familiâr (singui, cubiis cun o cence fîs, monoparentâi);
• etât (fin a 35 agns; 35-64 agns; plui di 65 agns);
• aree gjeografiche (Nord, Centri, Sud).

La moltiplicazion des spesis pai coeficients e puarte ae determinazion dal redit presumût.

Tra lis spesis controladis, no son dome bens di lus tant che avions, yachts o zoiei, ma ancje spesis comuns tant che il paiament dai asîi nît o di masters universitaris, abonaments ae pay tv o donazions in beneficence. Duncje, dut chel che al puedi meti a lûs une discrepance tra chel che si declare e il propri tenôr di vite.

Lis spesis controladis a saran chês ciertis, che a risultin ae Anagrafe tributarie a non dal contribuent o di familiârs fiscalmentri a caric. Par esempli, si dopraran lis spesis segnadis dal stes contribuent te declarazion dai redits, ma si fasaran ancje “suposizions” di spesis, doprant elements sigûrs presints in Anagrafe tributarie, tant che potence des machinis, lungjece des barcjis e altris parametris rigjavâts par esempli di analisis dai operadôrs che a partegnin ai setôrs economics.

Il reditometri al esist za dal 1973; tal 2010 al jere stât potenziât e dal prin di Avost dal 2013 al à vude une gnove modifiche.

L’obietîf al è chel di cjatâ fûr lis situazions plui eclatantis, evitant azions “opressivis”.

L’aciertament sintetic al scate dome cuant che il redit complessîf aciertabil (redit presumût) al risulte superiôr di almancul il 20% a pet di chel declarât (te version precedente dal reditometri, chê percentuâl e jere dal 25%).

Ce fâ se e rive la letare dal fisc?

Il control basât sul gnûf reditometri si aplicarà tacant dal an di impueste 2009, duncje dal Model Unic o dal 730 dal 2010, e si fonde su dôs fasis.

La prime fase e je costituide propit de spedizion dal cuistionari cun dentri l’invît a furnî justificazions su lis incongruencis cjatadis dai uficis de Agjenzie des Jentradis.

Il contribuent che al ricêf il cuistionari al à 15 dîs di timp de date di notifiche par rispuindi ae Agjenzie des Jentradis (si pues dut câs domandâ une proroghe dal tiermin di consegne cun richieste motivade al funzionari indicât tal at).

Se il contribuent al da une buine rispueste par convinci il fisc de coretece dal propri redit, il control al pues sierâsi dal moment cu la archiviazion dal procediment.

La seconde fase e je costituide dal aciertament vêr e propri. Se lis justificazions dadis dal contribuent no saran stimadis buinis dal Fisc, di fat si instaurarà un vêr e propri contraditori cu la cuantificazion dal plui alt redit aciertabil e des plui altis impuestis, e la propueste di adesion/paiament.

In fase di contraditori, i spiete al contribuent di furnî la prove che lis spesis sostignudis tal periodi di impueste a son stadis finanziadis cun redits diviers di chei che si à o cun redits legalmentri escludûts de formazion de base imponibile.

Al sarà ancje pussibil dimostrâ che lis spesis ciertis atribuidis a àn un totâl diviers o che a son stadis sostignudis di altris sogjets.

I contribuents a puedin prevignî i efiets dal reditometri doprant “Redditest”, un software de Agjenzie des Jentradis che al covente par discuvierzi se il propri tenôr di vite al è coerent cun chel che al è stât declarât al Fisc. Il Redditest al è dal dut anonim e si cjate sul sît de Agjenzie des Jentradis.

Mariannina Rocco - Responsabile fiscâl dal CAF CISL di Udin

 
 

LA VOCE DELLA CISL

Il Redditometro

Il Redditometro, o accertamento sintetico di tipo induttivo, è lo strumento attraverso il quale il Fisco può stimare il reddito presunto di una persona, sulla base delle spese che quest'ultima ha effettuato, grazie ad una serie di indici fissati a priori.

Gli indici utilizzati sono dei coefficienti legati alla "classe" attribuita al contribuente, sulla base di tre caratteristiche:
- composizione famigliare (single, coppie con e senza figli, monoparentali);
- età (fino a 35 anni; 35-64 anni; oltre 65 anni);
- area geografica (Nord, Centro, Sud).

La moltiplicazione delle spese per i coefficienti porta alla determinazione del reddito presunto.

Tra le spese controllate non solo beni di lusso, come aerei, yacht o gioielli, ma anche spese comuni come il pagamento di asili nido o master universitari, abbonamenti alla pay tv o donazioni in beneficenza. Quindi tutto quanto possa mettere in luce una discrepanza tra quanto si dichiara e il proprio tenore di vita.

Le spese controllate saranno quelle certe, risultanti all’Anagrafe tributaria a nome del contribuente o di familiari fiscalmente a carico. Ad esempio si useranno le spese indicate dal contribuente stesso in dichiarazione dei redditi, ma anche verranno fatte delle “supposizioni” di spese usando elementi certi presenti in Anagrafe tributaria come potenza delle auto, lunghezza delle barche e altri parametri ricavati per esempio da analisi degli operatori appartenenti ai settori economici.

Il redditometro esiste già dal 1973, nel 2010 era stato potenziato e dal 1 agosto 2013 ha subito una ulteriore modifica.

L’obiettivo è quello di individuare le situazioni più eclatanti, evitando azioni “vessatorie”.

L'accertamento sintetico scatta solo quando il reddito complessivo accertabile (reddito presunto) risulta superiore di almeno il 20 per cento rispetto a quello dichiarato (nella versione precedente del redditometro tale percentuale era pari del 25 per cento).

Cosa fare se arriva la lettera del fisco?

Il controllo basato sul nuovo redditometro si applicherà a partire dall’anno di imposta 2009, quindi dal Modello Unico o dal 730 del 2010 e si basa su due fasi.

La prima fase è costituita proprio dall’invio del questionario contenente l’invito a fornire giustificazioni sulle incongruenze riscontrate dagli uffici dell’Agenzia delle Entrate.

Il contribuente che riceve il questionario ha 15 giorni di tempo dalla data di notifica per rispondere all’Agenzia delle Entrate (si può comunque chiedere una proroga del termine di consegna con richiesta motivata al funzionario indicato nell’atto).

Se il contribuente fornisce adeguata risposta per convincere il fisco della correttezza del proprio reddito, il controllo può chiudersi immediatamente con l’archiviazione del procedimento.

La seconda fase è costituita dall’accertamento vero e proprio. Se le giustificazioni fornite dal contribuente non saranno ritenute soddisfacenti dal Fisco, di fatto si instaurerà un vero e proprio contraddittorio con la quantificazione del maggior reddito accertabile e delle maggiori imposte e la proposta di adesione/pagamento.

In fase di contraddittorio spetta al contribuente fornire la prova che le spese sostenute nel periodo d’imposta sono state finanziate con redditi diversi da quelli posseduti o con redditi legalmente esclusi dalla formazione della base imponibile.

Sarà anche possibile dimostrare che le spese certe attribuite hanno un diverso ammontare o che sono state sostenute da soggetti terzi.

I contribuenti possono prevenire gli effetti del redditometro utilizzando "Redditest", un software dell'Agenzia delle Entrate che serve a scoprire se il proprio tenore di vita è coerente con quanto dichiarato al Fisco. Il Redditest è completamente anonimo ed è reperibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Mariannina Rocco - Responsabile fiscale dal CAF CISL di Udine

Caf Cisl Udine
Caf Cisl Udine
archivio

altre risorse: