La patrie dal Friul

Dicembre 2015

 

Il belanç dal 2015 e lis prospetivis pal futûr in cjamp economic

Di Roberto Muradore, segretari de Cisl di Udin

Cemût isal stât l'an che al è daûr a finî?

I parês si stracin, a son tra di lôr contraditoris, dispès a son fîs di visions masse interessadis e masse di part.

La CISL di Udin, di simpri, cuant che e trate i temis dal lavôr, de societât e de economie, e partìs di un “principi di realtât” san e che no si pues rinunziâi, evitant di fâsi imbroiâ de propagande e vint miôr, a pet di cheste, la informazion oneste.

La CISL di Udin e à sielt simpri, cun di plui, di stâ fûr dal “zûc” de politiche che, se e je al Guvier e edulcore lis situazions e che, se e je ae oposizion, lis piture di neri.

I contignûts, lis analisis e lis propuestis de CISL di Udin no àn mai vût il fin di ingraciâsi cheste o chê bande politiche. L'unic obietîf al è stât e al è chel di perseguî il ben dai nestris rapresentâts, lavoradôrs e pensionâts, duncje dai teritoris e des comunitâts là che a son a stâ e a vivin.

Par fâ chest cun serietât, si impon une proprie capacitât - cence la presunzion di jessi esaustîfs - di leture, di analisi e di propuestis.

IL PONT. Ve, alore, che al va afermât in maniere esplicite cemût che la tant declarade riprese de economie, pardabon di podê auspicâ, si sedi daûr a concretizâ ben planc, masse plan, no tant pes sieltis di politiche economiche e industriâls propriis, ma par fatôrs esogjens, internazionâi. E, cun di plui, la riprese economiche no puartarà cun se une riprese ocupazionâl, stant che dutis, propit dutis lis tecnologjiis di procès e di prodot, a son job killer, ven a stâi a sparagnin lavôr.

E, in efiets, la disocupazion no je in calâ, ma in cressite. Dal rest, prime di assumi cualchidun, lis aziendis a àn di doprâ a plen i propris implants e vendi dopo la plui part de produzion. Al moment, no je ancjemò cheste situazion.

TORNÂ A PENSÂ AI OBIETÎFS. Al è, alore, di meti pardabon al prin puest, e daurman, no dome la cressite de economie, ma la ripartizion de ricjece esistente stant che nol podarà jessi, tant che intal passât, un plui grant benstâ par ducj che al derive dal disvilup. Il disvilup e la cressite no son ni infinîts e nancje bogns in se. Chescj concets a son di tornâ a pensâ.

La nestre provincie e je, in Regjon, chê che e à paiât il presit plui alt ae crisi par vie de crisi industriâl che e à colpît in misure significative sedi il setôr des manifaturis che chel edilizi.

IL RÛL DE REGJON. Al devente culminatîf il rûl che i tocje ae Aministrazion Regjonâl e aes sôs politichis industriâls. E à fat ben la Aministrazion Regjonâl a varâ chel che i disin “Rilanç des Impresis”. Cumò i struments e i intervents che finalmentri, e in maniere meritorie, a son stâts metûts a sisteme a àn di jessi doprâts pe inovazion des filieris regjonâls principâls, pe agregazion des impresis e pe lôr cressite di dimension, pe internazionalizazion des stessis e in particolâr pal aument des capacitâts gjestionâls des piçulis e mediis impresis.

UN OSSERVATORI. Al sarès pardabon util, cun di plui, un Osservatori Regjonâl des impresis che, tacant dai dâts impuartants e utii des Cjamaris di Cumierç e des variis Associazions Datoriâls, al struturi un lavôr di ricercje e di aprofondiment cun intervistis aes singulis impresis sui lôr bisugns e su lis lôr spietis. Dal sigûr al è impuartant cognossi lis situazions economichis e finanziariis, ma al è ancjetant necessari cognossi chês produtivis, di marcjât, di invistiment, de ocupazion e dai profîi professionâi di ogni singule realtât.

E je necessarie une aleance sedi cul sisteme bancjari plui internazionalizât che cul sisteme bancjari locâl, par che e sedi pardabon pussibile la internazionalizazion des nestris piçulis e mediis impresis. Si puedin sperimentâ colaborazions cu lis bancjis za presintis intai paîs plui dinamics e interessants, ancje par cirî compagns industriâi e compagns finanziaris internazionâi. Al reste dal fondamentâl sigûr un aprofondiment dal leam, par altri za in jessi, cu lis bancjis locâls, par aprofitâ des oportunitâts di finanziament ancje public e par gjestî te maniere miôr la partide finanziarie.

La Segretarie de Cisl di Udin no pense, insume, che e sedi buine robe rimetisi ai regâi fats in maniere spontanie dal marcjât, parcè che no viôt inte comissure di cumò e intal prossim futûr nissune indicazion di chest gjenar che e puedi confuartâ. E stime, duncje, che al sedi necessari il riordin dai struments finanziaris publics (Friulia, Mediocredito, Finest) par che no drenin risorsis ma che a sostegnin il sfuarç di ricapitalizazion, di inmodernament e di internazionalizazion dal sisteme di manifaturis regjonâl. Chescj struments a àn di jessi metûts a servizi dal rilanç de economie regjonâl, tacant dal setôr des manifaturis.

L'an che al è daûr a finî nol è stât un an positîf pal lavôr e pe economie. Impegnìnsi, ducj, par che il 2016 al sedi pardabon l'an de riprese.

*******************

Come è stato l’anno che sta finendo?

I pareri si sprecano, sono tra loro contraddittori, spesso sono figli di visioni troppo interessate e troppo di parte.

La CISL di Udine, da sempre, quando tratta i temi del lavoro, della società e dell’economia parte da un sano e irrinunciabile “principio di realtà”, evitando di farsi abbindolare dalla propaganda e preferendo a questa la onesta informazione.

La CISL di Udine ha sempre scelto, inoltre, di star fuori dal “gioco” della politica che, se al Governo, edulcora le situazioni e che, se all’opposizione, le dipinge di nero.

I contenuti, le analisi e le proposte della CISL di Udine non hanno mai avuto lo scopo di ingraziarsi questa o quella parte politica. L’unico obiettivo è stato ed è quello di perseguire il bene dei nostri rappresentati, lavoratori e pensionati, quindi dei territori e delle comunità in cui abitano e vivono.

Per fare seriamente ciò si impone una propria capacità, senza la presunzione di essere esaustivi, di lettura, di analisi e di proposte.

Ecco, allora, che va esplicitamente affermato come la tanto declarata ripresa dell’economia, davvero auspicabile, si stia concretizzando pian piano, troppo piano, non tanto per scelte di politica economica e industriale proprie, ma per fattori esogeni, internazionali. E, di più, la ripresa economica non porterà con sé una ripresa occupazionale in quanto tutte, proprio tutte le tecnologie di processo e di prodotto sono job killer, cioè risparmiano lavoro.

E, in effetti, la disoccupazione non è in calo, bensì in crescita. Del resto prima di assumere qualcuno le aziende devono utilizzare pienamente i propri impianti e vendere poi la maggior produzione. Al momento non c’è ancora questa situazione.

E’, allora, da mettere al primissimo posto, e subito, non solo la crescita dell’economia, ma la ripartizione della ricchezza esistente poiché non ci potrà essere, come nel passato, un maggior benessere per tutti derivante dallo sviluppo. Lo sviluppo e la crescita non sono né infiniti né buoni in sé. Questi concetti sono da ripensare.

La nostra provincia e, in Regione, quella che ha pagato il prezzo più alto alla crisi a causa della crisi industriale che ha colpito in misura significativa sia il settore manifatturiero che quello edilizio. Diventa cruciale il ruolo che spetta all’Amministrazione Regionale ed alle sue politiche industriali.

Ha fatto bene l’Amministrazione Regionale a varare il cosiddetto “Rilancio Imprese”. Ora gli strumenti e gli interventi finalmente e meritoriamente messi a sistema devono essere utilizzati per l’innovazione delle principali filiere regionali, per l’aggregazione delle imprese e per la loro crescita dimensionale, per l’internazionalizzazione delle stesse e in particolare per l’aumento delle capacità gestionali delle Piccole e medie imprese.

Sarebbe davvero utile, inoltre, un Osservatorio Regionale delle imprese che, a partire dai dati importanti e utili delle Camere di Commercio e della varie Associazioni Datoriali, strutturi un lavoro di ricerca e di approfondimento con interviste alle singole imprese relativamente ai loro bisogni e alle loro aspettative. Certamente è importante conoscere le situazioni economiche e finanziarie, ma è altrettanto necessario conoscere quelle produttive, di mercato, di investimenti, dell’occupazione e dei profili professionali di ogni singola realtà.

E’ necessaria una alleanza sia con il sistema bancario più internazionalizzato che con il sistema bancario locale, per rendere davvero possibile l’internazionalizzazione delle nostre piccole e medie imprese. Si possono sperimentare dei parternariati con le banche già presenti nei Paesi più dinamici e interessanti anche per ricercare partner industriali e partner finanziari internazionali. Resta ovviamente fondamentale un approfondimento del legame, peraltro già in essere, con le banche locali per cogliere le opportunità di finanziamento anche pubblico e per gestire al meglio la partita finanziaria.

La Segreteria della Cisl di Udine non pensa, insomma, che sia buona cosa affidarsi ai regali fatti spontaneamente dal mercato perché non vede nella congiuntura attuale e nel prossimo futuro alcuna indicazione rassicurante di tal genere. Ritiene, quindi, necessario il riordino degli strumenti finanziari pubblici (Friulia, Mediocredito, Finest) affinché non drenino risorse ma sostengano lo sforzo di ricapitalizzazione, di ammodernamento e di internazionalizzazione del sistema manifatturiero regionale. Questi strumenti debbono essere posti a servizio del rilancio dell’economia regionale a partire dal settore manifatturiero.

L’anno che sta finendo non è stato un anno positivo per il lavoro e l’economia. Impegniamoci, tutti, perché il 2016 sia davvero l’anno della ripresa.

Roberto Muradore
Roberto Muradore
archivio

altre risorse: