FISASCAT

Federazione Italiana Addetti Servizi
Commerciali, Affini e del Turismo
dell'Udinese e della Bassa Friulana
Via T. Ciconi, 16 - Udine
Tel. 0432-246451 - Fax 0432-246450
E-mail: fisascat.udine@cisl.it

La patrie dal Friul

Luglio 2014

 

Il drame des impresis di servizis in apalt

La situazion che si è creade, in chescj ultins agns, tai apalts publics di servizis in gjenerâl e di puliziis in particolâr, al è pardabon preocupant. Ancje tal nestri Friûl. Chest setôr al è caraterizât di garis di apalt che a son adiudicadis cun ribàs incomprensibii su la base di aste, e assegnâts ae ufierte plui vantazose dal pont di viste economic.

Cuasi simpri, lis aziendis che a vincin l’apalt a cirin di recuperâ i margjins magris di profit ridusint lis oris di vore e domandant aes lavoradoris e ai lavoradôrs il stes impegn di prime. L’orari e il salari a calin une vore, ma i compits e i obietîfs assegnâts a restin chei istès.

Si sa benon che tal setôr dai servizis il cost plui alt al è propit chel dal lavôr, duncje si interven cuasi dome su chest. Al è pardabon inacetabil che chestis lavoradoris e lavoradôrs, che za no son ben paiâts, a vedin di patî altris riduzions.

Chescj tais a son tacâts, agns fa, tai servizis di puliziis di cualchi caserme de provincie di Udin, cun fuarpeadis al orari di lavôr adiriture dal 30-50%. Po dopo, cu la crisi e cu la leç di revision de spese, in tancj altris apalts lis maestrancis a àn patidis impuartantis contrazions dal orari di vore. In particolâr, tal apalt dai servizis di puliziis de Universitât di Udin, afidât ae Colser di Parma, lis oris a son stadis taiadis dal 13%.

Po dopo, ancje l’apalt dai servizis des puliziis tal Ospedâl Civîl di Udin Sante Marie de Misericordie, afidât ae Markas dal Sud Tirôl, al à viodût un tai des oris dal 15%.

Tal afidament dal gnûf apalt pai servizis di traspuart dai pazients, simpri tal Ospedâl Civîl di Udin, la dite Dussmann Service e à declarât ben 30 lavoradôrs in plui. Al è clâr che l’impegn dal sindicât al sarà massim e al smirarà a limitâ plui pussibil l’impat sociâl.

Di fat, il setôr dai servizis nol à amortizadôrs sociâi, e duncje si à doprade, là che al è stât pussibil, la Casse Integrazion in Deroghe par compensâ almancul un pôc lis pierditis di salari derivadis de riduzion di orari. Si à di capî che chescj tais a van a penalizâ personis cuntune paie za cetant basse e cun dificoltâts seriis di ricolocazion!

La tant famose ma ancje teribil revision de spese publiche e à di tocjâ ducj i aspiets organizatîfs, a 360 grâts, e no colpî massime o dome lis fassis za penalizadis e debilis.

A àn di finî chescj tais malacuarts di orari, di salari e di puescj di lavôr, razionalizant la gjestion dai apalts e eliminant lis straçariis par miorâ, invezit, la cualitât dai servizis furnîts des ditis in apalt e tornâ a dâ considerazion e dignitât aes lavoradoris e ai lavoradôrs che a lavorin in chest setôr.

Athos Di Stefano FISASCAT CISL di Udin (setôr Cumierç, Terziari, Servizis)

**************************

La situazione che si è creata, in questi ultimi anni, negli appalti pubblici di servizi in generale e di pulizie in particolare è davvero preoccupante. Anche nel nostro Friuli. Questo settore è caratterizzato da gare di appalto che vengono aggiudicate con ribassi incomprensibili sulla base d’asta e assegnati all’offerta economicamente più vantaggiosa.

Quasi sempre le aziende che vincono l’appalto cercano di recuperare i risicati margini di profitto riducendo le ore di lavoro e chiedendo alle lavoratrici e ai lavoratori stessi il medesimo impegno di prima. L’orario ed il salario calano considerevolmente, ma i compiti e gli obiettivi assegnati restano gli stessi.

E’ cosa nota che nel settore dei servizi il costo maggiore è proprio quello del lavoro, quindi si interviene quasi esclusivamente su questo. E’ sul serio inaccettabile che queste lavoratrici e lavoratori, di già non ben retribuiti, subiscano ulteriori riduzioni.

Questi tagli sono iniziati, anni fa, nei servizi di pulizia di alcune caserme della provincia di Udine, con sforbiciate all’orario di lavoro addirittura del 30-50%. Con la crisi e con la legge di revisione della spesa, poi, in molti altri appalti le maestranze hanno patito significative contrazioni dell’orario di lavoro. In particolare nell’appalto dei servizi di pulizia dell’Università di Udine, affidata alla parmense Colser, le ore sono state decurtate del 13%.

Successivamente anche l’appalto dei servizi delle pulizie nell’Ospedale Civile di Udine Santa Maria della Misericordia, affidato alla alto atesina Markas, ha visto un taglio delle ore del 15%.

Nell’affidamento del nuovo appalto per i servizi di trasporto pazienti, sempre nell’Ospedale Civile di Udine, la ditta Dussmann Service ha dichiarato ben 30 esuberi. E’ ovvio che l’impegno del sindacato sarà massimo e mirato a limitare il più possibile l’impatto sociale.

Il settore dei servizi è, di fatto, privo di ammortizzatori sociali per cui si è utilizzata, dove possibile, la Cassa Integrazione in Deroga per compensare almeno un po’ le perdite di salario conseguenti alla riduzione di orario.

Và compreso che questi tagli vanno a penalizzare persone con una paga già molto bassa e con serie difficoltà di ricollocazione!

La tanto famosa quanto famigerata revisione della spesa pubblica deve riguardare tutti gli aspetti organizzativi, a 360 gradi, e non colpire soprattutto o solamente le fasce già penalizzate e deboli.

Si ponga fine a queste sconsiderate rasoiate di orario, di salario e di posti di lavoro razionalizzando la gestione degli appalti ed eliminando gli sprechi per migliorare, invece, la qualità dei servizi resi dalle ditte in appalto e ridare considerazione e dignità alle lavoratrici e lavoratori che vi operano.

Athos Di Stefano FISASCAT CISL di Udine (settore Commercio, Terziario, Servizi)

Athos Di Stefano
Athos Di Stefano
archivio

la federazione:

altre risorse: