FIM

Federazione Italiana Metalmeccanici
Via I. Nievo, 14 - Udine
Tel: 0432-227607 - Fax: 0432-220404
E-mail: fim.udine@cisl.it
Sito internet: www.fimudine.galleriaweb.it

La patrie dal Friul

Febbraio 2014

 

Il storic laminadôr di Sant Zorç di Noiâr picjât a di un fîl

Francesco Barbaro - sindacalist de FIM CISL di Udin

Evraz Palini e Bertoli S.p.a. al è un laminadôr che dal 1992 al opare a Sant Zorç di Noiâr (UD).

Al prodûs lamarins di tren cuart di açâl e al è, intal so setôr, la realtât produtive plui grande dal centri-nord Italie, vint une capacitât produtive di 500.000 toneladis par an, cuntune grande sielte par cualitât e par dimension. Intal 2005, la holding internazionâl Evraz Holding, di proprietât dal grant maiorent rus Roman Abramovich, al à acuisît il control de societât.

Al somearès, duncje, pardabon dut positîf pal futûr ocupazionâl dai 146 lavoradôrs, cuasi ducj residents intai comuns de basse furlane.

La trancuilitât e dure dome siet agns, vâl a dî fin cuant che la Palini e rapresente un “afâr” pai rus. Intal 2012, la crisi di setôr e colpìs ancje la stesse Evraz: e je masse ufierte e pocje domande.

Intal Fevrâr dal 2013, dilunc di une tratative pal rinovament dal premi di risultât aziendâl, il gnûf aministradôr delegât Dimitri Sucka, inviât dai rus, nus comuniche cierts dâts preocupants di belanç. Une vere e proprie glaçadure. E lis pierditis a van indevant a cumulâsi ancje intal 2013.

Magari cussì no, cemût che dispès al sucêt, la responsabilitât sociâl des Multinazionâls e je zero. Lis filiâls tal forest, di fat, a rispuindin al "centri" e a assumin il rûl di semplicis esecutoris di ordins vûts dal alt.

La prime propueste de aziende e je stade chê di taiâ lis retribuzions dai lavoradôrs. Une idee balçane, stant che inte siderurgjie i coscj che a fasin la diference a son chei de materie prime, dai traspuarts, de energjie e no dal sigûr chei dal lavôr.

Intant che al jere in at un confront par cirî lis soluzions pussibilis e idoniis par fâ “cuadrâ i conts”, e rivà une altre glaçadure, stant che l'aministradôr delegât al à decidût di fermâ la produzion, in spiete de riprese dal marcjât dal lamarin. Intai 146 lavoradôrs siderurgjics , usâts a une vite spindude a lavorâ su trê turnis, a chel pont si è insinuât il pinsîr, o miôr la pôre, parcè che “un laminadôr fer al è un laminadôr muart!”.

Siopars, presidis, assembleis, ma - dai 20 di Avost - l'implant di Sant Zorç di Noiâr al è cidin in maniere malinconiche: nissune “melodie” ritmiche di lamarins che a corin intai rodui di trasformazion, nissun “profum” di açâl intai reparts deserts.

A Novembar dal 2013, intant che si tignive une tratative par provâ a recuperâ la situazion, al è stât inmaneât un presidi colorât e partecipât devant de sede di Confindustrie a Udin.

A diference di chês altris voltis, si rivave a formulâ un program di ripartence - cui coscj anetûts - par un gnûf inviament. L'aministradôr delegât Sucka, però, al ripeteve tant che un mantra che la ripartence e pues jessi dome a cundizion che e miori la situazion di marcjât.

Tra cualchi setemane al varès di jessi l'incuintri là che si savarà se la Palini & Bertoli e tornarà a partî o se, al contrari, si assistarà ae sierade di un laminadôr che, in graciis de professionalitât dai lavoradôrs, fin al 2012 al jere il miôr dal grup Evraz.

     
 

***************************************

 
     

Lo storico laminatoio di San Giorgio di Nogaro appeso ad un filo

Francesco Barbaro - sindacalista della FIM CISL di Udine

Evraz Palini e Bertoli S.p.a. è un laminatoio che dal 1992 opera a San Giorgio di Nogaro (UD).

Produce lamiere da treno quarto in acciaio ed è, nel suo settore, la più grande realtà produttiva del centro-nord Italia, avendo una capacità produttiva di 500.000 ton./anno, con ampia gamma qualitativa e dimensionale. Nel 2005 la holding internazionale Evraz Holding, di proprietà del super magnate russo Roman Abramovich, ha acquisito il controllo della società.

Sembrerebbe, quindi, davvero tutto positivo per il futuro occupazionale dei 146 lavoratori, quasi tutti residenti nei comuni della bassa friulana.

La tranquillità dura solo sette anni, esattamente fino a quando la Palini rappresenta un “affare” per i Russi.

Nel 2012 la crisi di settore colpisce anche la stessa Evraz: c’è troppa offerta e poca domanda.

Nel febbraio 2013, durante una trattativa per il rinnovo del premio di risultato aziendale, il nuovo amministratore delegato Dimitri Sucka, inviato dai russi, ci comunica alcuni preoccupanti dati di bilancio.

Una vera e propria doccia fredda. E le perdite continuano ad accumularsi anche nel 2013.

Purtroppo, come spesso accade, la responsabilità sociale delle Multinazionali è pari a zero.

Le filiali all'estero, infatti, rispondono al "centro" ed assumono il ruolo di mere esecutrici di ordini ricevuti dall'alto.

La prima proposta dell’azienda fu quella di tagliare le retribuzioni dei lavoratori. Un’idea balzana in quanto nella siderurgia i costi che fanno la differenza sono quelli della materia prima, dei trasporti, dell’energia e non certamente quello del lavoro.

Nel mentre era in atto un confronto per cercare le possibili e idonee soluzioni per far “quadrare i conti”, arrivò un’altra doccia fredda poichè l’amministratore delegato decise di fermare la produzione, in attesa della ripresa del mercato della lamiera.

Nei 146 lavoratori siderurgici, abituati a una vita spesa a lavorare su tre turni, a quel punto si è insinuata la preoccupazione, o per meglio dire la paura, perchè “un laminatoio fermo è un laminatoio morto!”

Scioperi, presidi, assemblee, ma, dal 20 di agosto, l’impianto di San Giorgio di Nogaro è tristemente silenzioso: nessuna “melodia” ritmica di lamiere che corrono nei rulli di trasformazione, nessun “profumo” di acciaio nei reparti deserti.

A novembre 2013, nel mentre si teneva una trattativa per tentare di recuperare la situazione, si tenne un colorato e partecipato presidio davanti alla sede di Confindustria a Udine.

A differenza delle altre volte si riusciva a formulare un programma di ripartenza comprensivo degli annessi costi di ri-avviamento. L’amministratore delegato Sucka, però, ripeteva come un mantra che la ripartenza è possibile a condizione che migliori la situazione di mercato.

Tra qualche settimana dovrebbe esserci l’incontro nel quale si saprà se la Palini & Bertoli ripartirà o se, al contrario, si assisterà alla chiusura di un laminatoio che, grazie alla professionalità dei lavoratori , fino al 2012 era il migliore del gruppo Evraz.

Francesco Barbaro
Francesco Barbaro
archivio

la federazione:

altre risorse: