La patrie dal Friul

Aprile 2014

 

Instalazion di implants: la crisi che e colpìs cence fâ rumôr

A metât strade tra la metalmecaniche e la edilizie, e cun carateristichis in cierts câs assimilabilis aes societâts di servizis, lis aziendis che si ocupin de instalazion di implants a son daûr a vivi il periodi plui neri che al vedi cognossût chest setôr.

I implants che si fâs riferiment a son chei eletrics, termoidraulics ma ancje di videocontrol, telecomunicazion e trasmission di informazions digjitâls. Se la crisi di grande part de industrie des manifaturis e je scomençade intal 2008, pes aziendis di instalazion di implants de Provincie di Udin i prins segnâi a son rivâts intal 2011.

Il 2012 al è l'an li che si è confermade la gravitât de situazion: tacant dal faliment de JOB IMPIANTI Srl - impuartante realtât produtive cun sessante agns di ativitât aes spalis - che al à causade la pierdite dal lavôr a di une sessantine di dipendents.

I ven daûr un 2013 là che realtâts industriâls impuartantis tant che la DOME Srl di Martignà e la FC IMPIANTI TECNOLOGICI SpA di Sant Zorç di Noiâr a falissin dutis dôs intal mês di Mai.

La prime, specializade te instalazion di implants di videocontrol, setôr che al someave in cuintritindince fuarte, dulà che a jerin impleâts une cuarantine di lavoradôrs che, di là di vê pierdût il puest di vore, cumò a son impegnâts a recuperâ dal faliment lis tantis mesadis indaûr che a vevin cumulât e che a van a pericul di pierdi. La seconde, une realtât che di plui di vincj agns e operave inte instalazion di implants eletrics e termoidraulics, dulà che a jerin a vore cincuante di lôr.

In dutis chestis crisis aziendâls il sindicât al à podût ativâ i amortizadôrs sociâi par ridusi il discomut sui lavoradôrs, stant che al è stât pussibil ricori ae casse integrazion straordenarie e ae mobilitât; struments chescj, che nol è stât pussibil meti in at inte plui part dai câs intes piçulis e piçulissimis aziendis dulà che si à podût intervignî, cuant che si à podût, dome cu la casse integrazion in deroghe.

Ancje intal 2014 no si viodin lûs al orizont. Lis gruessis realtâts produtivis dal setôr a sofrissin ancjemò e a àn di lâ indevant a ricori ae casse integrazion par no pierdi lis professionalitâts dai propris dipendents, evitant cussì i licenziaments.

Tra lis causis principâls di cheste situazion, insiemi cuntune crisi gjenerâl de edilizie, e je la assence totâl di apalts publics.

Se pes gruessis ditis a son dificoltâts, pes piçulis aziendis artesanis - che no son struturadis par frontâ grancj volums ma che a son plui sveltis a rispuindi aes esigjencis plui piçulis dal marcjât - lis robis no van miôr.

Intes ditis che a dan di lavorâ a pocjis unitâts di dipendents, chescj - simpri plui dispès - no vegnin retribuîts par mês e mês, e a acetin la promesse, simpri deludude, di un futûr paiament des mesadis indaûr parcè che a son cussients che no son alternativis di ricolocazion.

Cemût che si viôt, chest setôr, che mai al veve cognossude crisi, cumò al è in plene contrazion e si scuvierç che a son centenârs e centenârs i lavoradôrs che a àn patît e che a van indevant a patî lis consecuencis dal rosari infinît di crisis aziendâls.

Di dut chest, fale in câs sporadics, no si sint a fevelâ, ma ancje chest al è un fenomen che al contribuìs a distruzi il tiessût economic e produtîf dal nestri Friûl.

Fabiano Venuti - Operadôr sindacâl FIM-CISL

 
 

*************************

 
 

Installazione di impianti: la crisi che colpisce senza far rumore.

A metà strada tra la metalmeccanica e l’edilizia e con caratteristiche in certi casi assimilabili alle società di servizi, le aziende addette all’installazione di impianti stanno vivendo il periodo più nero che abbia conosciuto questo settore.

Gli impianti ai quali si fa riferimento sono quelli elettrici, termoidraulici ma anche di videosorveglianza, telecomunicazione e trasmissione di informazioni digitali. Se la crisi di gran parte dell’industria manifatturiera è iniziata nel 2008, per le aziende d’installazione di impianti della Provincia di Udine le prime avvisaglie sono arrivate nel 2011.

Il 2012 è l’anno in cui si conclama la gravità della situazione: a partire dal fallimento della JOB IMPIANTI Srl, importante realtà produttiva con sessant’ anni di attività alle spalle, che causa la perdita del lavoro a una sessantina di dipendenti.

Segue un 2013 in cui realtà industriali importanti come la DOME Srl di Martignacco e la FC IMPIANTI TECNOLOGICI SpA di San Giorgio di Nogaro falliscono entrambe nel mese di maggio. La prima specializzata nell’ installazione di impianti di videosorveglianza, settore che sembrava in forte controtendenza, dove erano impiegati una quarantina di lavoratori che, oltre ad avere perso il posto di lavoro, attualmente sono impegnati a recuperare dal fallimento le molte mensilità in arretrato che avevano accumulato e che rischiano di perdere. La seconda, una realtà che da oltre vent’anni operava nell’installazione di impianti elettrici e termoidraulici, dove erano occupati cinquanta lavoratori.

In tutte queste crisi aziendali il Sindacato ha potuto attivare gli ammortizzatori sociali per ridurre il disagio sui Lavoratori, in quanto è stato possibile ricorrere alla cassa integrazione straordinaria e alla mobilità; strumenti questi che non è stato possibile mettere in atto nella maggior parte dei casi nelle piccole e piccolissime aziende dove si è potuto intervenire, quando si è potuto, solo con la cassa integrazione in deroga.

Anche nel 2014 non si vedono luci all’orizzonte. Le grosse realtà produttive del settore soffrono ancora e devono continuare a ricorrere alla cassa integrazione per evitare di perdere le professionalità dei propri dipendenti, evitando così i licenziamenti.

Tra le principali cause di tale situazione , assieme ad una generale crisi dell’edilizia, c’è la totale assenza di appalti pubblici.

Se per le grosse ditte ci sono difficoltà, per le piccole aziende artigiane, che non sono strutturate per fronteggiare grandi volumi, ma sono più veloci a rispondere alle più piccole esigenze del mercato, le cose non vanno meglio.

Nelle ditte che occupano poche unità di dipendenti questi, sempre più spesso, non vengono retribuiti per mesi e mesi e accettano la promessa, sempre disattesa, di un futuro pagamento delle mensilità arretrate perchè consapevoli che non ci sono alternative di ricollocazione.

Come si vede, questo settore, che mai aveva conosciuto crisi, ora è in piena contrazione e si scopre che sono centinaia e centinaia i lavoratori che hanno subito e che continuano a subire le conseguenze dell’infinito rosario di crisi aziendali.

Di tutto ciò, tranne in sporadici casi, non si sente parlare, ma anche questo è un fenomeno che contribuisce a distruggere il tessuto economico e produttivo del nostro Friuli.

Fabiano Venuti - Operatore Sindacale FIM-CISL

Fabiano Venuti
Fabiano Venuti
archivio

altre risorse: