La patrie dal Friul

Ottobre 2015

 

L’impegn di une racuelte di firmis par sostignî une leç par un fisc ecui e solidâl

La CISL Nazionâl e à promovût la racuelte di firmis a poie di une “leç di iniziative popolâr” par un fisc ecui e just.
La Segretarie de CISL di Udin e à sielt di impegnâsi in cheste iniziative no tant e no dome intai lûcs di lavôr ma e à vût miôr lâ fûr des fabrichis e dai uficis par lâ a cjatâ i citadins furlans intes placis dal nestri teritori.
La CISL e à organizât intai mês passâts desenis di presidis in concomitance cul davuelziment dai marcjâts tradizionâi che si tegnin in tancj paîs dal nestri Friûl.

LIS ADESIONS E IL DIALIC
La CISL, cussì, e à podût no dome racuei ben 2.400 firmis in gracie ancje dai conseîrs e assessôrs comunâi che si son fats disponibii, ma soredut e à podût informâ e dialogâ cun personis che par abitudin no àn nuie a ce fâ cul moviment sindicâl.
L'impegn de CISL suntune cuistion vecje e impuartante come chê fiscâl al à cjatât un gradiment sclet, ancje se no son mancjadis critichis e moments di discussion vive.
Al è just e normâl, dal rest, che il sindicât al stedi tal mieç de int e che al vivi in prime persone lis soferencis, lis inrabiaduris, e che indi patissi i relatîfs bruts umôrs.
Ve, in sintesi, i obietîfs de iniziative.
Al va introdusût un bonus fiscâl di 1.000 euros anuâi pai contribuents cun redit fin a 40.000/€, e un bonus decressint fin ai 50.000/€.

RINFUARÇÂ LIS SANZIONS
A van rinfuarçadis lis sanzions aministrativis e penâls, cressûts i controi, e va introdusude la segnabilitât dai paiaments e l'ûs des cjartis di credit par contrastâ pardabon la evasion fiscâl. Al è indispensabil che al aument de fiscalitât locâl e corispuindi une riduzion dal prelêf fiscâl nazionâl!
E je urgjence di une impueste cressinte su la ricjece nete di là dai 500mil euros, cu la esclusion de prime cjase di abitazion e dai Titui di Stât.

POIE A CONSUMS E LAVÔR
In definitive, par fâ tornâ a partî la economie a van sostignûts i consums e il lavôr cuntune grande operazion redistributive di ricjece che e favorissi i lavoradôrs e i pensionâts, soredut di redit medi bas, e che, invezit, e fasi paiâ plui tassis ae rendite mobiliâr e imobiliâr.
La Italie e je une Republiche. Rifondìnle sul lavôr! Tacant di un fisc che al premi cui che al cree ricjece, che al sedi chest lavoradôr dipendent, autonom, o altri.
Il nestri Friûl al è di simpri fondât su la onestât dal lavôr e no su la furbetât des speculazions e des jentradis. Tornìn a partî di chi.

Paolo Mason, Segretari CISL di Udin

******************

La CISL Nazionale ha promosso la raccolta di firme a sostegno di una “legge di iniziativa popolare” per un fisco equo e giusto.
La Segreteria della CISL di Udine ha scelto di impegnarsi in questa iniziativa non tanto e non solo nei luoghi di lavoro ma ha preferito uscire dalle fabbriche e dagli uffici per andare ad incontrare i cittadini friulani nelle piazze del nostro territorio.
La CISL ha organizzato nei mesi scorsi decine di presidi in concomitanza con lo svolgimento dei tradizionali mercati che si tengono in numerosi paesi del nostro Friuli.
La CISL ha potuto così non solo raccogliere ben 2.400 firme grazie anche ai consiglieri e assessori comunali che si sono resi disponibili, ma soprattutto ha potuto informare e dialogare con persone che abitualmente nulla hanno a che fare con il movimento sindacale.
L’impegno della CISL su una questione annosa e importante quale quella fiscale ha riscontrato un sincero gradimento anche se non sono mancate critiche e momenti di accesa discussione.
E’ giusto e normale del resto che il sindacato stia in mezzo alla gente e che viva in prima persona le sofferenze, le arrabbiature e ne subisca i relativi malumori.
Ecco, in sintesi, gli obiettivi dell’iniziativa.
Va introdotto un bonus fiscale di 1.000 €uro annui per i contribuenti con reddito fino a 40.000/€ e un bonus decrescente fino ai 50.000/€.
Vanno rafforzate le sanzioni amministrative e penali, aumentati i controlli, va introdotta la tracciabilità dei pagamenti e l’utilizzo delle carte di credito per contrastare realmente l’evasione fiscale. E’ indispensabile che all’aumento della fiscalità locale corrisponda una riduzione del prelievo fiscale nazionale!
Urge un’imposta crescente sulla ricchezza netta oltre i 500mila €uro, con l’esclusione della prima casa di abitazione ed i Titoli di Stato.
In definitiva, per far ripartire l’economia vanno sostenuti i consumi ed il lavoro mediante una grande operazione redistributiva di ricchezza che favorisca i lavoratori ed i pensionati, soprattutto di reddito medio basso, e che, invece, faccia pagare più tasse alla rendita mobiliare e immobiliare.
L’Italia è una Repubblica. Rifondiamola sul lavoro! A partire da un fisco che premi chi crea ricchezza, sia questi lavoratore dipendente, autonomo ecc.
Il nostro Friuli è da sempre fondato sull’onestà del lavoro e non sulla furbizia delle speculazioni e delle rendite. Ripartiamo da qui.

Paolo Mason, Segretario CISL di Udine

Paolo Mason
Paolo Mason
archivio

altre risorse: