La patrie dal Friul

Dicembre 2014

 

LA VÔS DE CISL.

Fotovoltaic: beneficis fiscâi e tassazion

La instalazion di un implant di fotovoltaic al compuarte diviersis consecuencis di ordin fiscâl.

DETRAZION FISCÂL. Dopo de risoluzion 22/E dai 2 di Avrîl dal 2013 e je stade dade la pussibilitât di usufruî de detrazion fiscâl pe ristruturazion dal 36%, cressude cumò al 50% fin ai 31 di Dicembar dal 2014, cun propueste di proroghe ai 31 di Dicembar dal 2015 (stampon Leç di Stabilitât 2015).

La risoluzion e aferme che ancje il fotovoltaic al pues jessi cjapât dentri tra lis oparis finalizadis al otigniment di sparagns energjetics, cun rivuart particolâr ae instalazion di implants basâts sul implei des fonts rinovabilis di energjie, e duncje al pues beneficiâ de detrazion di impueste.

La detrazion e compet ancje se al è presint il mecanisim dal scambi sul puest e dal ritîr dedicât. Invezit, e je la improibizion di ingrumâ la eventuâl tarife di incentivazion cun determinadis altris misuris (e duncje ancje cu la detrazion che si à dit parsore).

Intai ultins timps, la tarife di incentivazion e je cuasi lade a zero (il cussì clamât contribût GSE) rindint tant plui conveniente la detrazion fiscâl, soredut dal moment che la detrazion e je passade dal 36% al 50%, cuntun limit di spese che al è passât di 48.000 a 96.000 euros.

Par podê beneficiâ de detrazion, la instalazion dal implant fotovoltaic e à di jessi fate essenzialmentri par fâ front ai bisugns energjetics de abitazion (ven a stâi par ûs di cjase, di iluminazion, alimentazion di aparâts eletrics e v.i.) e duncje l’implant al à di jessi metût in maniere direte al servizi de abitazion dal utent e nol à di vê potence superiôr a 20 kw.

La documentazion di conservâ par vê dirit ae detrazion e je chê che e comprove l’acuist e/o la instalazion dal implant a servizi di un edifici residenziâl (fature).

Intal câs di lavôrs in economie, si pues ancje detrai il sôl acuist dal materiâl.

Al è necessari ancje conservâ la ricevude dal bonific dal paiament de spese, fat ai sens dal art. 16-bis, TUIR, là che al va ripuartât il codiç fiscâl dal sogjet che al vûl gjoldi de detrazion e la partide IVZ / codiç fiscâl dal sogjet che al è fat a so favôr il bonific (cussì clamât bonific “feveladôr” o “speciâl”: doprâ la modulistiche specifiche di ogni istitût bancjari o ufici postâl).

REDIT DIVIERS. La tarife di incentivazion (definide “cont energjie”) erogade intai agns passâts pai varis “Conts Energjie” (fin al cuart) e je francje di tassazion, stant che e ven assimilade a un contribût a fonts pierdût.

Al contrari, la eventuâl cuote di “vendite” (cession in rêt de energjie prodote in ecès daûr paiament di un corispetîf pai implants di potence ≤ 20 kw cun contrat di vendite o cession in rêt) si configure tant che un redit diviers e e va declarade e tassade.

Il gnûf “Cuint Cont Energjie” al previôt la erogazion di doi diviers incentîfs:

1. “Tarife omnicomprensive”, pe energjie introdote in rêt che e derive di implants di potence fin a 1 MW; e rapresente l’incentîf che al ven erogât dal GSE in relazion ae energjie introdote in rêt e e cjape dentri une cuote che di incentivazion e il corispetîf pe vendite de energjie al GSE. Cheste tarife si configure tant che corispetîf, e e va declarade e tassade.

2. “Tarife premi” pe energjie nete consumade in sît, che e à il fin di sburtâ il produtôr a doprâ la energjie prodote, incressint il sparagn che il stes al oten za cence cuistâ energjie eletriche. Si pues ecuiparâlu ae tarife di incentivazion dai precedents conts energjie e par chest e je francje di tassazion pai implants fin a 1 MW no destinâts al esercizi di une ativitât di imprese, art o profession.

Marianninna Rocco, Responsabile Fiscâl CAF CISL Udin

***********************

FOTOVOLTAICO: BENEFICI FISCALI E TASSAZIONE

L’installazione di un impianto di fotovoltaico comporta diverse conseguenze di ordine fiscale.

DETRAZIONE FISCALE. A seguito della Risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 è stata data la possibilità di usufruire della detrazione fiscale per la ristrutturazione del 36%, attualmente aumentata al 50% fino al 31 dicembre 2014 con proposta di proroga al 31 dicembre 2015 (bozza Legge di Stabilità 2015).

La risoluzione afferma che anche il fotovoltaico può essere ricompreso tra le opere finalizzate al conseguimento di risparmi energetici con particolare riguardo all’installazione di impianti basati sull’impiego delle fonti rinnovabili di energia e quindi può beneficiare della detrazione d’imposta.

La detrazione compete anche se presente il meccanismo dello scambio sul posto e del ritiro dedicato. Mentre vi è il divieto di cumulo della eventuale tariffa incentivante con determinate altre misure (e quindi anche con la detrazione di cui sopra).

Negli ultimi tempi la tariffa incentivante si è quasi azzerata (c.d. contributo GSE) rendendo molto più conveniente la detrazione fiscale, soprattutto dal momento in cui la detrazione è passata dal 36% al 50% con un limite di spesa che è passato da 48.000 a 96.000 euro.

Per poter beneficiare della detrazione in esame l’installazione dell’impianto fotovoltaico deve avvenire essenzialmente per far fronte ai bisogni energetici dell’abitazione (cioè per usi domestici, di illuminazione, alimentazione di apparecchi elettrici ecc.) e quindi l’impianto deve essere posto direttamente al servizio dell’abitazione dell’utente e non deve avere potenza superiore a 20 kw.

La documentazione da conservare per aver diritto alla detrazione è quella comprovante l’avvenuto acquisto e/o installazione dell’impianto a servizio di un edificio residenziale (fattura).

Nel caso di lavori in economia è anche detraibile il solo acquisto del materiale.

E’ necessario anche conservare la ricevuta del bonifico effettuato per il pagamento della spesa, eseguito ai sensi dell’art. 16-bis, TUIR nel quale va riportato il codice fiscale del soggetto che intende fruire della detrazione e la partita IVA / codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato (c.d. bonifico “parlante” o “speciale” – utilizzare la modulistica ad hoc di ogni istituto bancario o ufficio postale).

REDDITO DIVERSO. La tariffa incentivante (c.d. “conto energia”) erogata negli anni passati per i vari “Conti Energia” (fino al quarto) è esente da tassazione in quanto viene assimilata a un contributo a fondo perduto.

Al contrario l’eventuale quota di “vendita” (cessione in rete dell’energia prodotta in eccesso dietro pagamento di un corrispettivo per gli impianti di potenza ≤ 20 kW con contratto di Vendita o Cessione in Rete) si configura come un reddito diverso e va dichiarato e tassato.

Il nuovo “Quinto Conto Energia” prevede l’erogazione di due diversi incentivi:

1. “tariffa omnicomprensiva”, per l’energia immessa in rete derivante da impianti di potenza fino a 1 MW; rappresenta l’incentivo che viene erogato dal GSE in relazione all’energia immessa in rete e incorpora una quota incentivante e il corrispettivo per la vendita dell’energia al GSE. Questa tariffa si configura come corrispettivo e va dichiarata e tassata.

2. “tariffa premio” per l’energia netta consumata in sito che ha lo scopo di spingere il produttore ad utilizzare l’energia prodotta incrementando il risparmio che lo stesso già consegue non acquistando energia elettrica. E’ equiparabile alla tariffa incentivante dei precedenti conti energia e come tale è esente da tassazione per gli impianti fino a 1 MW non destinati all'esercizio di un’attività di impresa, arte o professione.

Mariannina Rocco - Responsabile Fiscale - CAF CISL UDINE

Caf Cisl Udine
Caf Cisl Udine
archivio

altre risorse: