La patrie dal Friul

Aprile 2014

 

LA VÔS DE CISL.

Il 730/2014 e lis novitâts

Il 730 e je une declarazion dai redits semplificade che il contribuent al pues precompilâ inte part espositive dai dâts. Al sarà dopo compit dal Caf elaborâ i calcui des detrazions e determinâ il risultât finâl. La presentazion dal model precompilât e je gratuite pal contribuent. Intal câs là che il contribuent al vueli assistence inte compilazion dal mod. 730 al è previodût il paiament di un compens ae societât che e gjestìs il Caf, su la base di un tarifari fat public midiant afission inte proprie sede di lavôr.

Il 730 al pues jessi scrit ancje in forme comune tra coniugâts. La forme comune e je conseade intai câs là che un dai doi coniugâts nol varès lis carateristichis par elaborâ il mod. 730, ma al varès di ripleâ sul mod. Unico. Soredut situazions di declarazions che a finissin cuntun credit: se si dopre il mod. 730 i timps di rimbors a son tant plui svelts stant che il sostitût di impueste al anticipe lis sumis a non dal stât. Mentri che, doprant il mod. Unico, al tocje spietâ i timps dal rimbors diret de bande de aministrazion publiche, a vuê plui o mancul 2 agns.

Grande novitât di chest an, e je la pussibilitât di elaborâ il 730 ancje in assence di sostitût di impueste, o ben cence vê un datôr di lavôr o ent pensionistic che intai mês di Lui – Avost dal 2014 al sedi in stât di fâ lis diferencis (a debit o a credit) che a risultin de declarazion presentade al Caf di Març a Mai.

Il tiermin ultin par presentâ il mod. 730 a vuê al è ai 31 di Mai dal 2014. Intai agns passâts a son stâts frecuents i câs di proroghis fin a metât di Jugn, ma chest an cheste eventualitât no je stade ancjemò ipotizade. Duncje, o conseìn a ducj di ativâsi par rispietâ la scjadince.

Altre novitât e rivuarde lis proprietâts imobiliârs. Su terens e fabricâts e pese la Imu che e à un efiet sostitutîf de Irpef. Ce vuelial dî? Che, se par un teren o un fabricât o pai la Imu (ancje se in misure minôr cemût che al è stât il câs de mini-Imu), chel imobil nol prodûs redit ai fins Irpef e duncje nol fâs grum cun chei altris redits pe tassazion.

Ma intal 2013, e je stade abolide la Imu su la abitazion principâl, cu la ecezion di cualchi comun che al à aplicade la mini-Imu. Si che duncje, se la abitazion principâl no à paiât la Imu, intal mod. 730 chest fabricât al incidarà tant che redit ai fins Irpef.

Ae fin dal 2013, la Leç di Stabilitât e previodeve la esigjence di cuvierzi un deficit di belanç de bande dal stât midiant il tai lineâr des detrazions Irpef dal 19% al 18%, cun efiet retroatîf a dut il 2013. Eventualitât che, par fortune, e je stade evitade par chest an.

Dut câs, in misure limitade, la manarie dal stât si è butade jù su lis detrazions, e plui di precîs su lis assicurazions vite, sbassant il limit di spese di podê detrai di 1.291,14 a 630 euros.

Cheste novitât di fat e fâs ancjemò plui golose la sotscrizion di plans pensionistics complementârs tal puest des polizis vite, stant che la alicuote di rimbors in chescj câs e va dal 23% fin al 43%, e e previôt un limit di spese di 5.146,57 euros.

Ultime novitât pal an di impueste 2013, e je la pussibilitât di detrai al 24% invezit che al 19% lis spesis pes erogazions liberâls (donazions) aes Onlus e ai partîts politics. Dal 2014, la alicuote e larà sù ancjemò di plui al 26%.

Mariannina Rocco - Responsabile Fiscâl Caf Cisl Udin

 
 

******************************

 
 

Il 730/2014 e le novita’

Il 730 è una dichiarazione dei redditi semplificata che il contribuente può precompilare nella parte espositiva dei dati; sarà poi compito del Caf elaborare i calcoli delle detrazioni e determinare il risultato finale. La presentazione del modello precompilato è gratuita per il contribuente. Nel caso in cui il contribuente voglia assistenza nella compilazione del mod. 730 è previsto il pagamento di un compenso direttamente alla società che gestisce il Caf in base a un tariffario reso pubblico tramite affissione nella propria sede di lavoro.

Il 730 può essere anche compilato in forma congiunta tra coniugi. La forma congiunta è consigliata nei casi in cui uno dei due coniugi non avrebbe i requisiti per elaborare il mod. 730, ma dovrebbe ripiegare sul mod. Unico. Soprattutto situazioni di dichiarazioni terminanti con un credito, se si utilizza il mod. 730 i tempi di rimborso sono molto più celeri in quanto il sostituto d’imposta anticipa le somme a nome dello stato. Mentre utilizzando il mod. Unico bisogna aspettare i tempi del rimborso diretto da parte della pubblica amministrazione, a oggi circa 2 anni.

Grande novità di quest’anno è la possibilità di elaborare il 730 anche in assenza di sostituto d’imposta, ovvero senza avere un datore di lavoro o ente pensionistico che nei mesi di luglio – agosto 2014 sia in grado di effettuare i conguagli (a debito o a credito) risultanti dalla dichiarazione presentata al Caf da marzo a maggio.

Il termine ultimo per presentare il mod. 730 a oggi è il 31 maggio 2014. Negli anni passati sono stati frequenti i casi di proroghe fino a metà giugno, ma quest’anno questa eventualità non è stata ancora ipotizzata. Pertanto consigliamo a tutti di attivarsi per rispettare la scadenza.

Altra novità riguarda le proprietà immobiliari. Su terreni e fabbricati grava l’Imu che ha un effetto sostitutivo dell’Irpef. Cosa vuol dire? Che se per un terreno o un fabbricato pago l’Imu (anche se in misura minore come è stato il caso della mini-Imu), quell’immobile non produce reddito ai fini Irpef e quindi non fa cumulo con gli altri redditi ai fini della tassazione.

Ma nel 2013 è stato abolito l’Imu sull’abitazione principale, con l’eccezione di alcuni comuni che hanno applicato la mini-Imu. Pertanto se l’abitazione principale non ha versato Imu, nel mod. 730 questo fabbricato inciderà come reddito ai fini Irpef.

A fine 2013 la Legge di Stabilità prevedeva l’esigenza di coprire un disavanzo di bilancio da parte dello stato attraverso il taglio lineare delle detrazioni Irpef dal 19% al 18% con effetto retroattivo a tutto il 2013. Eventualità che fortunatamente è stata evitata per quest’anno.

Comunque in misura ridotta la scure dello stato si è abbattuta sulle detrazioni, e più precisamente sulle assicurazioni vita abbassando il limite di spesa detraibile da 1.291,14 a 630 euro.

Questa novità di fatto rende ancora più allettante la sottoscrizione di piani pensionistici complementari al posto delle polizze vita in quanto l’aliquota di rimborso in questi casi parte dal 23% fino al 43% e prevede un limite di spesa di 5.146,57 euro.

Ultima novità per l’anno di imposta 2013 è la possibilità di detrarre al 24% invece che al 19% le spese relative a erogazioni liberali (donazioni) verso le Onlus e verso i partiti politici. Dal 2014 l’aliquota salirà ulteriormente al 26%.

Mariannina Rocco - Responsabile Fiscale Caf Cisl Udine