La patrie dal Friul

Dicembre 2013

 

LA VÔS DE CISL. Invistiments forescj e declarazion dai redits

Ognidun che al vedi invistiments tal forest al è subiet di cualchi an in ca a une schiriee di adempiments leâts ae declarazion dai redits e ae tassazion dal invistiment. Obleadis a chescj adempiments, a son dutis lis personis fisichis residentis intal teritori talian che a detegnin imobils o ativitâts finanziariis tal forest, a titul di proprietât o di altri dirit reâl. Duncje, par esempli, il citadin talian che al vîf in Italie e che al à une cjase di feriis in Cravuazie o in Austrie, o che al à fat invistiments in titui forescj o che al à viert un cont corint tal forest, al è subiet a cheste normative. Cussì come il lavoradôr talian che al lavori tal forest, ma che il so centri di interès al resti in Italie (par esempli al à la famee che e vîf in Italie): se al vierç un cont corint o al cuiste un imobil intal paîs forest dulà che al lavore, al à di declarânt la esistence inte declarazion dai redits.

Ancje il sogjet comunitari o extracomunitari che al vîf e al lavore in Italie e che in Italie al paie lis tassis, al è obleât a declarâ la eventuâl esistence di une cjase o di sparagns invistîts intal so paîs di origjin.

Intal tiermin “invistiment forest” a jentrin i imobii (fabricâts e terens), i dipuesits come cont corint o libret, lis azions, lis obligazions e lis assicurazions, ma ancje il possès di oparis di art, zoiis, yacht posseûts tal forest. Se chescj invistiments a son gjestîts di talians intermediaris (par esempli lis bancjis o lis assicurazions), alore al decjât l’oblic di declarâju, stant che l’intermediari talian al è obleât za a comunicâ e tassâ chescj invistiments.

I adempiments relatîfs ai invistiments forescj a son doi:
- Patrimoniâl
- Monitorament fiscâl

La patrimoniâl e je une impueste che e va a colpî la consistence dal invistiment tal forest. Duncje no je leade al fat che l’invistiment al produsi redit o mancul.

La patrimoniâl sui imobii e presente analogjiis cu la impueste municipâl proprie (IMU), che si apliche ai imobii logâts in Italie e, in chest contest, cualchidune des disposizions a cheste aplicabilis e je stade slargjade pai fins de tassazion dai imobii logâts tal forest, par resons di coerence e di uniformitât di tratament.

La patrimoniâl su lis ativitâts finanziaris e derive ancje cheste di esigjencis di coerence dal sisteme, metût che pes ativitâts detignudis li di talians intermediaris e je previodude la aplicazion di une impueste di bol.

La patrimoniâl sui imobii, dite IVIE, si calcole in proporzion ae cuote e ae frazion di an di possès. La alicuote e je dal 0,76% dal valôr dai imobii, cussì come che al è rapresentât dal cost che al risulte dal at di acuist o dai contrats e, in mancjance, dal valôr di marcjât.

La patrimoniâl su lis ativitâts finanziariis, dite IVAFE, si calcole in misure proporzionâl al periodi di detenzion, inte misure dal 0,1% dal valôr pal an 2012, intant che al larà sù al 0,15% a decori dal 2013. Intal câs di dipuesits in cont corint o librets a sparagn, la impueste di paiâ e je fisse, val a dî 34 euros, se la sussistence medie sul cont dilunc dal an e passe il limit di 5.000 euros. Se e je inferiôr, la impueste no si paie. La base imponibile e je costituide dal valôr di marcjât rilevât al tiermin dal an solâr, doprant ancje la documentazion dal intermediari forest, e, in mancjance, dal valôr nominâl o di rimbors.

Di ognidune des impuestis che si à fevelât al sarà pussibil dedusi, fin a concorence, un credit pâr ae eventuâl impueste patrimoniâl paiade intal Stât là che al è logât il ben o la ativitât.

Il secont adempiment al è il monitorament fiscâl. I contribuents residents in maniere fiscâl in Italie a àn di comunicâ la sume dai invistiments tal forest detignûts dilunc di dut l’an prime. Di pôc, la normative e je stade cambiade in maniere di otignî une armonizazion cu la normative su la patrimoniâl.

Chest adempiment al esist dal 1990, ma nol è mai stât cjapât in considerazion cun serietât fin al moment che e je stade dade la pussibilitât di ripuartâ in Italie i invistiments forescj cul cussì clamât “scudi fiscâl”.

Di chel moment, la sanzion pe mancjade comunicazion dal totâl dal invistiment tal forest e je stade ingriviade in maniere pesante, causant une code di polemichis e di posizions. Cu la semplificazion resinte, il gnûf regjim sanzionatori al è stât tornât a modulâ sensibilmentri, mantignint purpûr un nivel di gravitât plui grande a pet des sanzions par mancjât viersament de patrimoniâl, stant che la base di calcul no je la impueste lassade fûr (intal monitorament no son impuestis di paiâ, ma dome impuarts di comunicâ), ma la sume dal invistiment. Duncje, par esempli, la gnove sanzion minime dal 3% - se aplicade a un valôr di acuist di un fabricât tal forest, par esempli di 100.000 euros - e corispuint a une sanzion di 3.000 euros. Dal sigûr plui basse de alicuote minime di prime dal 10% (duncje intal nestri esempli l’impuart di meti al sarès stât 10.000 euros), ma dut câs impuartante par cualsisedi contribuent.

Confrontant lis sanzions pal mancjât viersament de patrimoniâl, suntun valôr di un imobil tal forest di 100.000 euros, la impueste di paiâ e sarès stade di 760,00 euros; se no paiade, e varès compuartât la spese di une altre sanzion dal 30%, duncje “dome” 228,00 euros. La buine notizie e je che il nestri contribuent che al à invistiments tal forest al pues lâ indevant a elaborâ il model 730 par declarâ i propris redits e compilâ dentri dal mês di Setembar il model Unico dome pe sezion de patrimoniâl e dal monitorament fiscâl. In chest mût si va indevant a usufruî dal sostitût di impueste pes diferencis fiscâls, che in câs di impuarts a credit al permet di otignî il rimbors in timps svelts.

 

Mariannina Rocco
Responsabile fiscâl dal CAF CISL di Udin

 

**************************

 

INVESTIMENTI ESTERI E LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI

Chiunque detenga investimenti all’estero è soggetto da alcuni anni a una serie di adempimenti legati alla dichiarazione dei redditi e alla tassazione dell’investimento. Obbligati a questi adempimenti sono tutte le persone fisiche residenti nel territorio italiano che detengono immobili o attività finanziarie all’estero (a titolo di proprietà o di altro diritto reale). Quindi ad esempio il cittadino italiano che vive in Italia e che ha una casa di villeggiatura in Croazia o Austria, oppure ha fatto degli investimenti in titoli esteri o ha aperto un c/c all’estero è soggetto a questa normativa. Così come il lavoratore italiano che presta servizio all’estero, ma il cui centro di interessi resta in Italia (ad esempio ha la famiglia che vive in Italia) se apre un c/c o acquista un immobile nel paese estero dove lavora deve dichiararne l’esistenza nella dichiarazione dei redditi.

Anche il soggetto comunitario o extra-comunitario che vive e lavora in Italia e in Italia paga le tasse è obbligato a dichiarare l’eventuale esistenza di una casa o di risparmi investiti nel suo paese di origine.

Nel termine “investimento estero” rientrano gli immobili (fabbricati e terreni), i depositi tipo conto corrente o libretto, le azioni, le obbligazioni e le assicurazioni, ma anche il possesso di opere d’arte, gioielli, yacht detenuti all’estero. Se questi investimenti sono gestiti da intermediari italiani (ad esempio le banche o le assicurazioni) allora decade l’obbligo di dichiararli in quanto l’intermediario italiano è già obbligato a comunicare e tassare questi investimenti.

Gli adempimenti relativi agli investimenti esteri sono due:
- Patrimoniale
- Monitoraggio fiscale

La patrimoniale è una imposta che va a colpire la consistenza dell’investimento all’estero. Quindi non è legata al fatto che l’investimento produca reddito o meno.

La patrimoniale sugli immobili presenta analogie con l’imposta municipale propria (IMU) che si applica agli immobili situati in Italia e, in tale contesto, alcune delle disposizioni ad essa applicabili sono state estese ai fini della tassazione degli immobili situati all’estero per ragioni di coerenza e di uniformità di trattamento.

La patrimoniale sulle attività finanziare deriva anch’essa da esigenze di coerenza del sistema, posto che per le attività detenute presso intermediari italiani è prevista l’applicazione di un’imposta di bollo.

La patrimoniale sugli immobili, denominata IVIE, si calcola proporzionalmente alla quota e alla frazione d’anno di possesso. L’aliquota è pari allo 0,76% del valore degli immobili, così come rappresentato dal costo risultante dall’atto di acquisto o dai contratti e, in mancanza, dal valore di mercato.

La patrimoniale sulle attività finanziarie, denominata IVAFE, si calcola in misura proporzionale al periodo di detenzione, nella misura dello 0,1% del valore per l’anno 2012, mentre salirà allo 0,15% a decorrere dal 2013. Nel caso di depositi in c/c o libretti a risparmio l’imposta da versare è fissa pari a euro 34 se la giacenza media sul conto durante l’anno supera la soglia dei euro 5.000. Se inferiore l’imposta non è dovuta. La base imponibile è costituita dal valore di mercato rilevato al termine dell’anno solare, utilizzando anche la documentazione dell’intermediario estero, e, in mancanza, dal valore nominale o di rimborso.

Da ciascuna delle imposte sopra esposte sarà possibile dedurre, fino a concorrenza, un credito pari all’eventuale imposta patrimoniale versata nello Stato in cui è situato il bene o l’attività.

Il secondo adempimento è il monitoraggio fiscale. I contribuenti fiscalmente residenti in Italia devono comunicare l’ammontare degli investimenti all’estero detenuti durante tutto l’anno precedente. Recentemente la normativa è stata modificata in maniera da ottenere una armonizzazione con la normativa sulla patrimoniale.

Questo adempimento esiste dal 1990, ma non è mai stato preso seriamente in considerazione fino al momento in cui è stata data la possibilità di riportare in Italia gli investimenti esteri con il c.d. scuso fiscale.

Da quel momento la sanzione per la mancata comunicazione dell’ammontare dell’investimento all’estero è stata inasprita pesantemente causando una scia di polemiche e prese di posizione. Con la recente semplificazione il nuovo regime sanzionatorio è stato rimodulato sensibilmente, mantenendo comunque un livello di gravità maggiore rispetto alle sanzioni per omesso versamento della patrimoniale, in quanto la base di calcolo non è l’imposta omessa (nel monitoraggio non ci sono imposte da versare, ma solo importi da comunicare), ma l’ammontare dell’investimento. Quindi ad esempio la nuova sanzione minima del 3% se applicata a un valore di acquisto di un fabbricato all’estero, ad esempio pari a euro 100.000, corrisponde a una sanzione di euro 3.000. Sicuramente più bassa della precedente aliquota minima del 10% (quindi nel nostro esempio l’importo da versare sarebbe stato euro 10.000), ma comunque rilevante per qualsiasi contribuente.

Confrontando le sanzioni per omesso versamento della patrimoniale, su un valore di un immobile all’estero di euro 100.000 l’imposta da versare sarebbe stata euro 760,00 che, se omessa, avrebbe comportato l’esborso ulteriore di una sanzione pari al 30%, quindi “solo” euro 228,00. La buona notizia è che il nostro contribuente che possiede investimenti all’estero può continuare a elaborare il mod. 730 per dichiarare i propri redditi e compilare entro il mese di settembre il mod. Unico relativamente solo alla sezione della patrimoniale e del monitoraggio fiscale. In questo modo si continua a usufruire del sostituto d’imposta per i conguagli fiscali, che in caso di importi a credito permette di ottenerne il rimborso in tempi celeri.

 

Mariannina Rocco
Responsabile fiscale dal CAF CISL di Udine

Caf Cisl Udine
Caf Cisl Udine
archivio

altre risorse: