La patrie dal Friul

Novembre 2014

 

LA VÔS DE CISL.

La declarazion di sucession

La sucession e je il strument che al permet ai erêts dal defont (il “de cuius”) di sotentrâ a di chel inte disponibilitât di ce che al à possedût in vite.

La date dal decès e je la date di “viertidure de sucession”, o sedi il trasferiment dai bens (imobils e/o mobii) dal defont ai erêts.

La declarazion di sucession e va presentade dentri di un an de date di viertidure.

Par une compilazion corete i erêts a àn di:
- racuei la documentazion su ducj i bens (atîf ereditari) li che il “de cuius” al veve un dirit reâl (proprietât, usufrut, e v.i.), sedi imobils (fabricâts e terens) che mobii (conts corints, fonts, librets, azions, zoiis, e v.i.);
- documentâ ancje i debits dal defont (passîf ereditari);
- costruî l’“arbul gjenealogjic” dal “de cuius”par identificâ i erêts legjitims su la base dal grât di parintât (si pues rivâ fin al sest grât di parintât), che di là di chel i bens a vegnin destinâts al Stât.

E va verificade la presince di un testament che al disponi volontâts particolârs dal “de cuius”.

Il testament al pues jessi olograf (scrit di propri pugn) o public (scrit in presince di un nodâr e di doi testemonis che no sedin parincj).

In ducj i doi i câs, il testament par jessi bon al va fat publicâ di un nodâr de bande dai erêts e zontât ae declarazion di sucession.

Un erêt al pues decidi in libertât se acetâ une ereditât o se rinunziâ. La rinunzie e va fate li di un nodâr o dal cancelîr dal Tribunâl dal lûc dulà che e je vierte la sucession.

La acetazion de ereditât e pues jessi manifestade invezit in forme “esprimude”, “cidine” o “cun benefici di inventari”.

La acetazion esprimude e pues jessi contignude intun document (declarazion) o ancje dome definintsi “erêt” intai ats aministratîfs come la declarazion di sucession. La acetazion no pues jessi sometude a cundizion o jessi parziâl. Se le manifesti, e sarà par simpri e no si podarà rinunziâ.

La acetazion cidine e je cuant che il sogjet al compìs un at che al presupon par necessitât la volontât di acetâ (par esempli dâ procure a un tierç pe vendite di un ben ereditari).

La acetazion cun benefici di inventari e manten separât il patrimoni dal defont dal patrimoni dal erêt, che duncje al rispuindarà dai debits dal defont dome intai limits dal atîf ereditari. Chest gjenar di acetazion e je obligatorie cuant che l’erêt al è un minôr o un interdet (e je dibisugne di une autorizazion a pueste dal Judiç tutelâr).

A son esentâts de presentazion de declarazion di sucession il coniugât, i fîs, i gjenitôrs e chei altris parincj in linie drete cuant che l’as ereditari nol passe € 25.823,00 e nol cjape dentri bens imobii.

La impueste di sucession e previôt trê alicuotis (e sfrancjaments relatîfs) daûr i grâts di parintât dai erêts:

• coniugât e parincj in linie drete (par esempli fîs, gjenitôrs): 4%, sfrancjament fin a un milion di euros di valôr de ereditât;
• fradis e sûrs, 6%, cun sfrancjament di 100 mil euros;
• altris parincj fin al cuart grât, afins in linie drete (missêrs), afins in linie colaterâl (cugnâts) fin al tierç grât: 6% cence sfrancjament;
• ducj chei altris sogjets, 8% cence sfrancjament.

La sucession di bens imobii (fabricâts e terens) e je dut câs subiete aes impuestis ipotecarie e catasticâl.

Marianninna Rocco, Responsabile Fiscâl CAF CISL Udin

 
 
 

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

La successione è lo strumento che permette agli eredi del defunto (il De Cuius) di subentrare allo stesso nella disponibilità di quanto da lui posseduto in vita.

La data del decesso è la data di “apertura della successione”, ovvero il trasferimento dei beni (immobili e/o mobili) dal defunto agli eredi.

La dichiarazione di successione va presentata entro un anno dalla data di apertura.

Per una corretta compilazione gli eredi devono:
- Raccogliere la documentazione relativa a tutti i beni (attivo ereditario) sui quali il De Cuius aveva un diritto reale (proprietà, usufrutto, ecc.) sia immobili (fabbricati e terreni) sia mobili (c/c, fondi, libretti, azioni, gioielli, ecc.);
- Documentare anche i debiti del defunto (passivo ereditario);
- Costruire l’”albero genealogico” del De Cuius al fine di identificare gli eredi legittimi in base al grado di parentela (si può arrivare fino al 6° grado di parentela), oltre il quale i beni vengono devoluti allo Stato.

Va verificata la presenza di un testamento che disponga volontà particolari del De Cuius.

Il testamento può essere olografo (scritto di proprio pugno) oppure pubblico (scritto alla presenza di un notaio e di due testimoni che non siano parenti).

In entrambi i casi il testamento per essere valido va fatto pubblicare da un notaio da parte degli eredi e allegato alla dichiarazione di successione.

Un erede può decidere liberamente se accettare un’eredità o se rinunciarvi.

La rinuncia va fatta presso un notaio o presso il cancelliere del Tribunale del luogo dove di è aperta la successione.

L’accettazione dell’eredità può essere invece manifestata in forma “espressa”, “tacita” o “con beneficio di inventario”.

L’accettazione espressa può essere contenuta in un documento (dichiarazione) oppure semplicemente definendosi “erede” negli atti amministrativi come la dichiarazione di successione.

L’accettazione non può essere sottoposta a condizione o essere parziale. Se la manifesto sarà per sempre e non sarà possibile rinunciarvi.

L’accettazione tacita si ha quando il soggetto compie un atto che presuppone necessariamente la volontà di accettare (ad esempio dare procura a un terzo per la vendita di un bene ereditario).

L’accettazione con beneficio di inventario mantiene separato il patrimonio del defunto dal patrimonio dell’erede, il quale pertanto risponderà dei debiti del defunto solo nei limiti dell’attivo ereditario. Questo tipo di accettazione è obbligatoria quando erede è un minore o un interdetto (necessità di un’apposita autorizzazione del Giudice tutelare).

Sono esentati dalla presentazione della dichiarazione di successione il coniuge, i figli, i genitori e gli altri parenti in linea retta quando l’asse ereditario non supera € 25.823,00 e non comprende beni immobili.

L’imposta di successione prevede tre aliquote (e relative franchigie) a seconda del gradi di parentela degli eredi:
- coniuge e parenti in linea retta (ad esempio figli, genitori): 4%, franchigia fino a € 1 milione di valore dell’eredità;
- fratelli e sorelle, 6%, con franchigia di € 100 mila;
- altri parenti fino al 4° grado, affini in linea retta (suoceri), affini in linea collaterale (cognati) fino al 3° grado: 6% senza franchigia;
- tutti gli altri soggetti, 8% senza franchigia.

La successione di beni immobili (fabbricati e terreni) è comunque soggetta alle imposte ipotecaria e catastale.

Mariannina Rocco Responsabile Fiscale CAF CISL UDINE

Caf Cisl Udine
Caf Cisl Udine
archivio

altre risorse: