La patrie dal Friul

Agosto 2014

 

LA VÔS DE CISL.

Mod. 730 precompilât: semplificazion fiscâl?

Il Consei dai Ministris al à prontât di pôc il scheme di un gnûf Decret Legjislatîf che al conten novitâts in materie di semplificazion fiscâl. Il scheme dal proviodiment al è rivat cumò li des comissions Parlamentârs competentis pe acuisizion dal parê.

Tra lis novitâts, chê che e je daûr a fâ plui scjas al è il mod. 730 precompilât. Dal 2015 e ven proponude in vie sperimentâl la pussibilitât pal contribuent di otignî in linie de bande de Agjenzie des Jentradis il propri mod. 730 za precompilât in cualchi sezion, par esempli:

- Redits di lavôr o di pension, certificâts dal CUD.
- Interès passîfs e carics relatîfs pai mutuis.
- Premis di assicurazion su la vite, cause muart e cuintri i signestris.
- Contribûts previdenziâi e assistenziâi.
- Contribûts metûts in formis di previdence complementâr.

Il contribuent al podarà acetâ la declarazion come che le à prontade il fisc o al podarà cambiâle.

Impuartantis, par fâ funzionâ dut il mecanisim, a son lis tempistichis: dentri dai 28 di Fevrâr lis bancjis e lis assicurazions a varan di comunicâ ae Agjenzie des Jentradis i premis e i interès paiâts pai mutuis; dentri dai 7 di Març i sostitûts di impueste a varan di fâ ancjetant cui CUD.

E je rimandade al 2016 la acuisizion de bande de Agjenzie des Jentradis dai dâts relatîfs aes prestazions sanitariis (ASL, aziendis ospedalieris, istitûts di ricovar, farmaciis, e v.i.) che a laran a completâ il 730 precompilât.

Intal câs là che il contribuent al aceti la declarazion precompilade e che le spedissi cence modificazions, di fat al varà la esenzion dai controi formâi, stant che a son stadis dopradis informazions furnidis de Agjenzie stesse.

Intal câs invezit che al vueli cambiâ il 730 precompilât variant i dâts za metûts o completantju cun altris informazions, al podarà doprâ simpri il canâl telematic pe spedizion de declarazion cambiade o al podarà indreçâsi a un CAF che, di là de spedizion de declarazion, al fasarà – daûr de disposizion normative - il control formâl e la aposizion dal vistât di conformitât, assumintsi la responsabilitât di eventuâi erôrs intes sezions sometudis a control (a son esclududis lis cundizions subietivis che dan dirit aes detrazions/agjevolazions, tant che par esempli il dirit ae detrazion par familiârs a caric, la sussistence de carateristiche de residence pal mutui, la presince dal stât di disabilitât pe detrazion di cualchi cjame, e v.i.).

Su la cjarte, cheste novitât e rapresente un pas impuartant viers un fisc plui facil pal contribuent.

Par esempli, intai ultins doi agns la mancjade spedizion de bande dal Inps dal CUD in cjarte sedi ai pensionâts che ai sogjets titulârs di prestazions assistenziâls (casse integrâts, disocupâts) e je daûr a creâ problemis di “declarazions infedêls”. Soredut, i sogjets in casse integrazion o in disocupazion no san che il redit erogât dal Inps si pues imponi in maniere fiscâl e duncje al fâs “grum” cun chei altris redits cjapâts dilunc dal an. Si che duncje, sedi inte compilazion de declarazion dai redits che di altris tipologjiis di declarazions (model Isee, autocertificazion par esenzion ticket, e v.i.) al sucêt dispès che chescj redits a sedin lassâts fûr.

Vê la pussibilitât di vê il 730 precompilât cun ripuartât il totâl dai redits cjapâts, al evitarès chescj erôrs leâts ae ignorance pitost che ae malefede.

Però, se pal contribuent cheste e sarès une vere semplificazion, pe Agjenzie des Jentradis un pôc mancul. La pôre e je che si assegnin oblics gnûfs e fadiôs ai uficis tributaris di adempî a paritât di risorsis umanis e finanziariis. Chest al podarès compuartâ dificoltâts operativis e prejudicâ chês altris ativitâts za davueltis de Agjenzie. Insume, il pericul al è che invezit di otignî une semplificazion si otegni un gnûf motîf di confusion pal contribuent.

Marianninna Rocco, Responsabile Fiscâl CAF CISL Udin

 
 

***************************

 

MOD. 730 PRECOMPILATO: semplificazione fiscale?

Il Consiglio dei Ministri ha recentemente predisposto lo schema di un nuovo Decreto Legislativo contenente novità in materia di semplificazione fiscale. Lo schema del provvedimento è ora al vaglio delle competenti Commissioni parlamentari per l’acquisizione del parere.

Tra le novità quella che sta facendo più parlare è il mod. 730 precompilato. Dal 2015 viene proposta in via sperimentale la possibilità per il contribuente di ricevere online da parte dell’Agenzia delle Entrate il proprio mod. 730 già precompilato in alcune sezioni tra le quali:

Redditi la lavoro o pensione certificati da CUD
Interessi passivi e relativi oneri per mutui
Premi di assicurazione sulla vita, causa morte e contro gli infortuni
Contributi previdenziali e assistenziali
Contributi versati alle forme di previdenza complementare

Il contribuente potrà accettare la dichiarazione così come predisposta dal fisco o potrà modificarla.

Importante per far funzionare tutto il meccanismo le tempistiche: entro il 28 febbraio le banche e le assicurazioni dovranno comunicare all’Agenzia delle Entrate i premi versati e gli interessi pagati per mutui; entro il 7 marzo i sostituti d’imposta dovranno fare altrettanto con i CUD.

E’ rinviata al 2016 l’acquisizione da parte dell’Agenzia delle Entrate dei dati relativi alle prestazioni sanitarie (ASL, aziende ospedaliere, istituti di ricovero, farmacie, ecc.) che andranno a completare il 730 precompilato.

Nel caso in cui il contribuente accetti la dichiarazioni precompilata e la invii senza modifiche di fatto avrà l’esenzione dai controlli formali in quanto sono state utilizzate informazioni fornite dall’Agenzia stessa.

Nel caso invece volesse modificare il 730 precompilato, variando i dati già inseriti o completandolo con ulteriori informazioni, potrà utilizzare sempre il canale telematico per l’invio della dichiarazione modificata oppure potrà rivolgersi a un CAF che oltre all’invio della dichiarazione effettuerà come da disposizione normativa il controllo formale e l’apposizione del visto di conformità, assumendosi la responsabilità di eventuali errori nelle sezioni sottoposte a controllo (sono escluse le condizioni soggettive che danno diritto alle detrazioni/agevolazioni come ad esempio il diritto alla detrazione per familiari a carico, la sussistenza del requisito della residenza per il mutuo, la presenza dello stato di handicap per la detrazione di alcuni oneri, ecc.).

Sulla carta questa novità rappresenta un importante passo verso un fisco più facile per il contribuente.

Ad esempio negli ultimi due anni il mancato invio da parte dell’Inps del CUD cartaceo sia ai pensionati che ai soggetti titolari di prestazioni assistenziali (cassa integrati, disoccupati) sta creando problemi di “dichiarazioni infedeli”. Soprattutto i soggetti in cassa integrazione o in disoccupazione non sanno che il reddito erogato dall’Inps è imponibile fiscalmente e quindi fa “cumulo” con gli altri redditi percepiti durante l’anno. Pertanto sia nella compilazione della dichiarazione dei redditi che di altre tipologie di dichiarazioni (mod. Isee, autocertificazione per esenzione ticket, ecc.) succede frequentemente che questi redditi siano omessi.

Avere la possibilità di ricevere il 730 precompilato con riportato il totale dei redditi percepiti eviterebbe questi errori legati all’ignoranza piuttosto che alla malafede.

Però se per il contribuente sarebbe una vera semplificazione per l’Agenzia delle Entrate un po’ meno. Il timore è che si attribuiscano nuovi e gravosi obblighi agli uffici tributari da espletare a parità di risorse umane e finanziarie. Questo potrebbe comportare difficoltà operative e pregiudicare le altre attività già svolte dall’Agenzia. Insomma il rischio è che invece di ottenere una semplificazione si ottenga un nuovo motivo di confusione per il contribuente.

Mariannina Rocco Responsabile Fiscale CAF CISL UDINE

Caf Cisl Udine
Caf Cisl Udine
archivio

altre risorse: