La patrie dal Friul

Luglio 2014

 

LA VÔS DE CISL.

Tasi: ce che e je e cemût che si paie

Tasi al è l’acronim di Tasse dai servizis indivisibii e e je une componente de IUC (Impueste Uniche Comunâl) destinade ai servizis comunâi tant che la anagrafe, il furniment urban e la iluminazion publiche.

A varan di paiâ ducj i fabricâts, lis abitazions principâls, lis impresis e lis areis edificabilis. A saran esentâts i terens agricui.

La Tasi no à cjapât il puest de Imu, abolide dome pes abitazions principâls fale chês di lus (A/1, A/8 e A/9). Duncje, il proprietari al podarès paiâ dutis dôs lis tassis o dome une des dôs daûr chel che ogni singul comun talian al deliberarà dentri dai 18 di Setembar (scjadince di viersament ai 16 di Otubar) o al à deliberât za dentri dai 31 di Mai (scjadince di viersament ai 16 di Jugn).

I sogjets obleâts al viersament a saran i proprietaris dai imobii o cui che al sedi titolâr di un dirit reâl di gjoldiment (usufrut, dirit abitazion, e v.i.).

La novitât a pet de IMU al è che subiets obleâts a saran ancje i incuilins o comodataris par une cuote che no pues jessi plui basse dal 10% o superiôr al 30% di chel che al è dovût. Di consecuence, sul imobil afitât o concedût in comodât il proprietari al metarà dome che la diference (90% - 70%).

Il calcul al pues jessi complès: si partìs de jentrade catasticâl dal imobil, rivalutade dal 5%, e si le moltipliche par un coeficient di 160 intal câs di cjasis e abitazions (80 pai uficis, 55 pes buteghis, 65 pai imobii struturâi). Dopo si metin intal calcul lis alicuotis e lis detrazions fissadis a nivel comunâl.

Tant che in passât pe ICI e pe IMU, la gruesse dificoltât di cheste impueste e je la presince sul teritori talian di vot mil comuns che a àn plene autonomie di legjiferâ cu la consecuence che ogni comun al varà regulis di aplicazion e di calcul diviersis.

Cussì, par esempli, o vin comuns che a aplichin la Tasi dome ae abitazion principâl (che no je subiete ae IMU), intant che altris comuns a aplichin alicuotis diviersis su dutis lis tipologjiis di imobils. Cun di plui, su la abitazion principâl al è pussibil cubiâ une detrazion fisse e in cualchi câs ancje une pe presince di fîs residents. O la detrazion si apliche a scaions decressints cul cressi dal valôr catasticâl dal imobil. Ultin fatôr pussibil di complessitât al è la eventuâl domandade di presentazion dal model ISEE cun indicadôrs sot che a àn di jessi sot ciert nivei par otignî la esenzion de Tasi.

Marianninna Rocco, Responsabile Fiscâl CAF CISL Udin

 
 

*************************

 

TASI: cosa è e come si versa

Tasi è l’acronimo di Tassa dei servizi indivisibili ed è una componente dell’Iuc (imposta unica comunale) destinata ai servizi comunali quali l’anagrafe, l’arredo urbano e l’illuminazione pubblica.

Dovranno pagare tutti i fabbricati, le abitazioni principali, le imprese e le aree edificabili. Saranno esenti i terreni agricoli.

La Tasi non ha sostituito l’Imu, abolita solo per le abitazioni principali eccetto quelle di lusso (A/1, A/8 e A/9). Dunque, il proprietario potrebbe pagare entrambe le tasse o solo una delle due a seconda di quello che ogni singolo comune italiano delibererà entro il 18 settembre (scadenza di versamento 16 ottobre) oppure ha già deliberato entro il 31 maggio (scadenza di versamento 16 giugno).

I soggetti obbligati al versamento saranno i proprietari degli immobili o chiunque sia titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, diritto abitazione, ecc.).

La novità rispetto all’IMU è che soggetti obbligati saranno anche gli inquilini o comodatari per una quota che non può essere inferiore al 10% o superiore al 30% di quanto dovuto. Di conseguenza sull’immobile affittato o concesso in comodato il proprietario verserà solo la differenza (90% - 70%).

Il calcolo può essere complesso: si parte dalla rendita catastale dell’immobile, rivalutata del 5%, e la si moltiplica per un coefficiente pari a 160 nel caso di case e abitazioni (80 per gli uffici, 55 per i negozi, 65 per gli immobili strutturali). Poi si inseriscono nel calcolo le aliquote e le detrazioni stabilite a livello comunale.

Come in passato per l’ICI e l’IMU la grossa difficoltà di questa imposta è la presenza sul territorio italiano di 8mila comuni che hanno piena autonomia legiferativa con la conseguenza che ogni comune avrà regole di applicazione e di calcolo diverse.

Così ad esempio abbiamo comuni che applicano la Tasi solo all’abitazione principale (che non è soggetta all’IMU), mentre altri comuni applicano aliquote diverse su tutte le tipologie di immobili. Inoltre sull’abitazione principale è possibile abbinare una detrazione fissa e in alcuni casi anche una per la presenza di figli residenti. Oppure la detrazione si applicarla a scaglioni decrescenti con l’aumentare del valore catastale dell’immobile. Ultimo possibile fattore di complessità è l’eventuale richiesta di presentazione del modello ISEE con indicatori sotto determinate soglie al fine di ottenere l’esenzione dalla Tasi.

Mariannina Rocco Responsabile Fiscale CAF CISL Udine

Caf Cisl Udine
Caf Cisl Udine
archivio

altre risorse: