FILCA

Via T. Ciconi, 16 - Udine
Tel. 0432-246441 - Fax 0432-246440
E-mail: filca.udine@cisl.it

La patrie dal Friul

Aprile 2015

 

La crisi che e fâs mâl ancje al modon

La crisi e je l'argoment che si discut plui intai media (gjornâi, televisions, radio e v.i.), intai bars devant di une cjicare di cafè e ancje dilunc dai gustâs e des cenis a cjase proprie.

Un dai setôrs che al à patît di plui, che al è stât colpît in maniere pesante, al è chel de edilizie. Lu dimostrin i dâts ma soredut la realtât.

I doi indicadôrs principâi che nus judin a capî miôr a son: l'Ent Bilaterâl de Casse Edîl di Udin al certifiche l'enesim câl dai assegnâts, e e je calade la presince des gruis in zîr pes nestris citâts e i nestris paîs, a pet di un passât resint là che si podevin viodi un pôc dapardut.

Une vore a son i articui e i intervents su la stampe che a descrivin il stât des robis e al è di podê auspicâ che chest al vedi fat rifleti la politiche, sedi regjonâl che nazionâl.

Cence nissune polemiche e cence ripuartâ numars frêts e percentuâi o ten, però, a esprimi cualchi mê considerazion.

Chest parcè che o soi impegnât ogni dì inte gjestion di situazions aziendâls dificilis che si convertissin in discomut sociâl e in problemis concrets dramatics di singui lavoradôrs e des lôr fameis.

Di cinc agns o ai il rûl di operadôr sindicâl de Filca CISL, e no ai fat altri che gjestî situazions brutis, discutint cuasi in maniere esclusive di amortizadôrs sociâi, di licenziaments, di gjestion dal soreplui di impleâts tal lavôr, e di intarts intai paiaments des retribuzions. O ai vût pardabon pocjis ocasions par contratâ intes impresis acuardis sui premis di risultât aziendâi.

Nol covente jessi economiscj par savê che la edilizie e je un setôr che al tire, stant che al cree un indot tant ampli. La cjase, di fat, di là di jessi costruide e/o ristruturade e va, par esempli, ancje aparade.

A son impuartants i invistiments publics ma bessôi no bastin, stant che lis risorsis a son cetant limitadis. E va rilançade la edilizie residenziâl (soredut la sô ristruturazion) e il sisteme dal credit al à di concedi di plui aes impresis che no rivin plui a sostignî i intarts intai incàs, che si trati di ents publics, aziendis privadis o fameis.

A van continuadis e cressudis lis detrazions fiscâls pes ristruturazions e il sparagn energjetic cul obietîf di creâ, ancjemò plui che intal passât, lavôr. Cun di plui, al va fat in mût che la burocrazie che cumò e ingrivie une situazion za dificile e sedi sveltide.

Al è ancje necessari che lis autoritâts di vigjilance e control e i uficis ispetîfs a garantissin il rispiet des regulis. Chest, a tutele sedi des impresis che a sofrissin di une concorence sleâl che a tutele, dal sigûr, dai lavoradôrs che se di no a saressin iregolârs e sotpaiâts.

Siet agns indaûr, in provincie di Udin, si contavin da siet ai nûf mil edîi. La Casse Edîl vuê e certifiche cuatri mil edîi ocupâts. Chest, par altri, al è un numar destinât a calâ ancjemò di plui, stant che no son previodûts in curt mioraments di nissun gjenar.

Al è, duncje, un pericul concret di dispierdi chês professionalitâts necessariis in prevision di un futûr che al sedi miôr dal nestri presint.
La stragrande maiorance des impresis edîls, inte nestre provincie, a son di dimensions piçulis e mediis, a dan lavôr di cinc a trente di lôr, e al è ancje par chest che al covente incentivâ propit intervents di ristruturazion dal patrimoni abitatîf.

Chescj “piçui” ma cualificâts intervents, a son propit il core business di chestis impresis.

Intun passât ancje masse resint si è costruît masse e ancje mâl. Chest al è dimostrât dal numar di edificis no vendûts e no abitâts. Ve parcè che une riprese dal setôr e passe par fuarce traviers il rifasiment dai edificis publics e privâts par fâju plui sigûrs e mancul energjivars.

O soi convint che, magari cussì no, no si sedi tocjât ancjemò il fonts, ma o soi ancje convint in maniere ferme che a esistin lis capacitâts, la voie, la fuarce e la braùre par lâ fûr di chest brut moment. O vin di partî dal teritori e dal piçul. O vin di agjî cun responsabilitât e cautele, fasint atenzion di no ripeti erôrs dal passât.

Une cjase e va costruide des fondis e no dal cuviert. Par vê une grande cjase a coventin fondis sanis e saldis. O scugnìn, lu ripet, partî dal piçul dal teritori par costruî un futûr miôr e sostignibil.

Admir Musliju – FILCA CISL Friuli V.G.J.

*************************

La crisi è l’argomento del quale si discute maggiormente nei media (giornali, televisioni, radio ecc), nei bar davanti a una tazza di caffè e anche durante i pranzi e le cene a casa propria.

Uno dei settori che ne ha risentito di più, che ne è stato pesantemente colpito, è quello dell’edilizia.

Lo dimostrano i dati ma soprattutto la realtà.

I due indicatori principali che ci aiutano a comprendere meglio sono: l’Ente Bilaterale della Cassa Edile di Udine certifica l’ennesimo calo degli addetti ed è diminuita la presenza delle gru in giro per le nostre città e i nostri paesi rispetto ad un recente passato nel quale erano visibili un po’ dappertutto.

Moltissimi sono gli articoli e gli interventi sulla stampa che descrivono lo stato delle cose ed è auspicabile che ciò abbia fatto riflettere la politica, sia regionale che nazionale.

Senza alcuna polemica e senza riportare freddi numeri e percentuali ci tengo, però, ad esprimere alcune mie considerazioni.

Ciò perché sono quotidianamente impegnato nella gestione di difficili situazioni aziendali che si tramutano in disagio sociale e in concreti drammatici problemi di singoli lavoratori e delle loro famiglie.

Da cinque anni ricopro il ruolo di operatore sindacale della Filca CISL per cui non ho fatto altro che gestire situazioni spiacevoli, discutendo quasi esclusivamente di ammortizzatori sociali, di licenziamenti, di gestione degli esuberi e di ritardi nei pagamenti delle retribuzioni.

Ho avuto davvero pochissime occasioni per contrattare nelle imprese accordi relativi ai premi di risultato aziendali.

Non è necessario essere economisti per sapere che l’edilizia è trainante in quanto crea un indotto molto ampio.

La casa, infatti, oltre che costruita e/o ristrutturata va, ad esempio, anche arredata.

Sono importanti gli investimenti pubblici ma da soli non bastano poiché le risorse sono molto limitate.

Va rilanciata l’edilizia residenziale (soprattutto la sua ristrutturazione) e il sistema del credito deve concedere di più alle imprese che non riescono più a sostenere i ritardi negli incassi, siano essi da enti pubblici, aziende private o famiglie.

Vanno continuate e aumentate le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni ed il risparmio energetico con l’obiettivo di creare, ancor più che nel passato, lavoro.

Inoltre va fatto in modo che la burocrazia che attualmente appesantisce una situazione già difficile sia snellita.

E’ anche necessario che le autorità di vigilanza e controllo e gli uffici ispettivi garantiscano il rispetto delle regole. Questo a tutela sia delle imprese che soffrono di una concorrenza sleale che a tutela, ovviamente, dei lavoratori altrimenti irregolari e sottopagati.

Sette anni fa, in provincia di Udine, si contavano dai sette ai novemila edili.

La Cassa Edile oggi certifica quattromila edili occupati. Questo, tra l’altro, è un numero destinato a diminuire ulteriormente poiché non sono previsti a breve miglioramenti di alcun tipo.

C’è, quindi, un concreto rischio di disperdere quelle professionalità necessarie in previsione di un futuro migliore dell’attuale presente.

La stragrande maggioranza delle imprese edili, nella nostra provincia, sono di piccole e medie dimensioni, occupano dai cinque ai trenta lavoratori ed è anche per questo che necessita incentivare proprio interventi di ristrutturazione del patrimonio abitativo.

Questi “piccoli” ma qualificati interventi sono proprio il core business di queste imprese.

In un passato anche troppo recente si è costruito troppo e anche male.

Ciò è dimostrato dal numero di edifici invenduti e inabitati. Ecco perché una ripresa del settore passa necessariamente attraverso il rifacimento degli edifici pubblici e privati per renderli più sicuri e meno energivori.

Sono convinto che, purtroppo, non si sia toccato ancora il fondo, ma sono anche fermamente convinto che ci siano le capacità, la voglia, la forza e l’orgoglio per uscire da questo brutto momento.

Dobbiamo partire dal territorio e dal piccolo.

Dobbiamo agire con responsabilità e cautela facendo attenzione di non ripetere errori del passato.

Una casa va costruita dalle fondamenta e non dal tetto. Per avere una grande casa servono basi sane e solide.

Dobbiamo, lo ripeto, partire dal piccolo del territorio per costruire un futuro migliore e sostenibile.

Admir Musliju – FILCA CISL Friuli V.G.

Admir Musliju
Admir Musliju
archivio

la federazione:

altre risorse: