La patrie dal Friul

Luglio 2015

 

La crisi dai ultins agns e à acentuât ancje chi di nô in Friûl problematichis e disparitât, par altri za esistentis, tra oms e feminis

La pierdite dai puescj di vore e à prejudicât plui lis feminis. Lis paiis si son ribassadis ancjemò di plui a pet di chês dai coleghis oms. L'ecuilibri, za precari, tra vite familiâr e lavôr al è deventât ancjemò plui fragjil. La precarietât intai rapuarts di lavôr e je a nivei record. Dut chest al à otignût ancje il risultât negatîf di un ritîr “spontani” di tantis feminis dal marcjât dal lavôr.

Tantis, masse feminis, viodudis lis paiis pardabon miserabilis e lis discriminazions, a àn decidût di fâsi di bande par stâur daûr ai propris fîs e ai anzians no autosuficients che a àn in famee.

In Friûl-Vignesie Julie, tra il 2011 e il 2013, lis dimissions di neu maris, validadis des Direzions Teritoriâls dal Lavôr, a son stadis 1.625 cuintri dome 5 paris. E la robe e continue…

Ancje in Regjon lis feminis a pain il cont plui salât ae crisi.

In Friûl-VJ, di fat, lis feminis disocupadis, stant ai dâts Istat, a son in cressi. Il tas di ocupazion feminine al è calât ancjemò di plui, dal 55,8% al 54,8%, e il tas di disocupazion feminine si ateste al 10,3%.

Secont cierts studis increditâts, un numar plui grant di feminis ocupadis al varès un impat une vore positîf su la produzion di ricjece, sul famôs Pil. A nivel nazionâl, par esempli, 100 mil feminis ocupadis lu aumentaressin dal 0,3% e se lis feminis impleadis a fossin tantis dai oms, il Pil al aumentarès fintremai dal 13%.

Si à di impegnâsi, ancje in Friûl, par che aes feminis a sedin ricognossudis lis stessis oportunitâts economichis, sociâls e politichis e par che a vegnin ricognossudis pussibilitâts efetivis di conciliazion di timps e spazis di vite e di lavôr. In chest cjamp, la contratazion di secont nivel, duncje aziendâl e teritoriâl, e pues pardabon fâ tant par definî struments concrets di conciliazion vere, di flessibilitât orarie e di timp parziâl.

Il timp parziâl al ven definît di tancj un orari “feminin”. In efiets, ancje in Friûl-Vignesie Julie la cuote di feminis dipendentis che a doprin il timp parziâl e je dal 35,5%, intant che i masclis a son dome il 5-6%. Ma la domande che si à di fâsi e je: il timp parziâl isal dut volontari, “family frendly” e reversibil? Magari cussì no, nol è cussì. Tancj timps parziâi, intes impresis privadis, a son imponûts par efiet de crisi cun impats pesants sul redit familiâr.

Al va zontât che i servizis ufierts pe prime infanzie (asîl nît, braçule) a àn coscj masse alts par tantis fameis. I fruts di 0 a 2 agns che a frecuentin un asîl nît a son, inte nestre Regjon, il 18,2% e in Emilie Romagne il 24,4%. Nus vûl une conciliazion efetive dal lavôr cu la cure dai fîs e une flessibilitât plui grande dal congjêt parentâl. Ancje par curâ i familiârs disabii o no autosuficients. Che si fasin sieltis politichis e sociâls necessariis che a promovin la jentrade de femine intal marcjât dal lavôr e di chel altri a tutelin la famee, ben masse preziôs par disgregâlu.

Al à di jessi finalmentri valorizât chel grant serbatori di impegn e di talent propri des feminis.

Renata Della Ricca, responsabile dal Coordenament Feminis USR CISL Friûl-Vignesie Julie

******************

La crisi degli ultimi anni ha accentuato anche da noi in Friuli problematiche e disparità, peraltro già esistenti, tra uomini e donne.

La perdita dei posti di lavoro ha danneggiato maggiormente le donne. Gli stipendi si sono ulteriormente ribassati rispetto a quelli dei colleghi uomini. L’equilibrio, già precario, tra vita famigliare e lavoro è diventato ancora più fragile. La precarietà nei rapporti di lavoro è a livelli record. Tutto questo ha conseguito anche il risultato negativo di un ritiro “spontaneo” di molte donne dal mercato del lavoro.

Tante, troppe donne, visti gli stipendi davvero miserabili e le discriminazioni in essere, hanno deciso di farsi da parte per seguire i propri figli e gli anziani non autosufficienti che hanno in famiglia.

In Friuli Venezia Giulia, tra il 2011 e il 2013, le dimissioni di neo madri, convalidate dalle Direzioni Territoriali del Lavoro, sono state 1.625 contro soli 5 padri. E continua ………………

Anche in Regione le donne pagano il conto più salato alla crisi.

In Friuli VG, infatti, le donne disoccupate, stando ai dati Istat, sono in aumento. Il tasso di occupazione femminile è calato ulteriormente, dal 55,8% al 54,8%, e il tasso di disoccupazione femminile si attesta al 10,3%.

Secondo alcuni accreditati studi, un numero maggiore di donne occupate avrebbe un impatto estremamente positivo sulla produzione di ricchezza, sul famoso Pil. A livello nazionale, ad esempio, 100mila donne occupate lo accrescerebbero dello 0,3% e se le donne impiegate fossero tante quante gli uomini il Pil accrescerebbe addirittura del 13%.

Ci si deve spendere, anche in Friuli, perché alle donne siano riconosciute pari opportunità economiche, sociali e politiche e affinchè vengano finalmente riconosciute effettive possibilità di conciliazione di tempi e spazi di vita e di lavoro. In questo campo la contrattazione di secondo livello, quindi aziendale e territoriale, può davvero fare molto per definire concreti strumenti di conciliazione vera, di flessibilità oraria e di part time.

Il part time viene da molti definito un orario “femminile”. In realtà anche in Friuli Venezia Giulia la quota di donne dipendenti che utilizza il part time è del 35,5%, mentre i maschi sono solo il 5-6%. Ma la domanda che ci si pone è: il part time è tutto volontario, “family frendly” e reversibile?

Purtroppo non è così. Parecchi part time, nelle imprese private, sono imposti per effetto dalla crisi con impatti pesanti sul reddito familiare.

Va aggiunto che i servizi offerti per la prima infanzia (asilo nido, baby sitter) hanno costi troppo elevati per molte famiglie. I bambini da 0 a 2 anni che frequentano un asilo nido sono, nella nostra Regione, il 18,2% e in Emilia Romagna il 24,4%. Ci vuole una effettiva conciliazione del lavoro con la cura dei figli ed una flessibilità maggiore del congedo parentale. Anche per accudire i familiari disabili o non autosufficienti. Si rendono necessarie scelte politiche e sociali che promuovano l’ingresso della donna nel mercato del lavoro e dall’altro tutelino la famiglia, bene troppo prezioso per disgregarlo.

Va finalmente valorizzato quel grande serbatoio di impegno e di talento proprio delle donne.

Renata Della Ricca - Responsabile Coord. Donne USR CISL Friuli Venezia Giulia

Renata Della Ricca
Renata Della Ricca
archivio

altre risorse: