La patrie dal Friul

Maggio 2014

 

La crisi viodude di bande des feminis

Iris Morassi - La Segretarie Regjonâl USR CISL Friûl Vignesie Julie

Al capite dispès che mi domandin, stant che o soi une sindicaliste femine, se in Friûl la crisi e à colpît di plui lis feminis o i oms, par ce che al tocje il lavôr. A vuelin savê, duncje, se a son di plui lis feminis a vê pierdût il lôr lavôr e a jessi metudis in casse integrazion, e v.i.

I numars a disin che il tas di disocupazion des feminis al è plui alt, sedi in Regjon che in Provincie di Udin. Il probleme, di fat, al è che za prime de crisi lis feminis ocupadis a jerin di mancul e che la crisi, dal manifaturîr prime e dai servizis dopo, e à falcidiât lis bassis professionalitâts che a son, magari cussì no, prerogative des feminis.

A tantis di chês che a son inmò ocupadis al è stât imponût, simpri par efiet dal câl dai volums produtîfs, il timp parziâl “obligatori”, ridusint in chest mût ancjemò di plui la lôr paie za plui basse, ancje a paritât di oris lavoradis, di chê dai coleghis oms.

La flessibilitât, e duncje ancje il timp parziâl, diventie pussibile dome cuant che e covente aes impresis? Si, in maniere palese. Lis aziendis a continuin a no capî, o a fâ fente di no capî, che pes feminis al è indispensabil vê un orari di lavôr elastic par conciliâ il timp di lavôr cun chel de proprie vite familiâr. A dî il vêr, nancje lis struturis publichis locâls, par esempli lis scuelis di ogni nivel, a àn oraris “friendly” (amichevui) pes feminis e lis fameis, stant che i oraris a son pensâts une vore pai operadôrs e pôc pai utents! Chest, dal sigûr, al penalize prin di dut lis feminis lavoradoris che su chês, come che si sa, al cjame ancjemò dut il lavôr di pulizie de cjase, di cure e di assistence dai familiârs.

In Friûl, di cualchi an, a son simpri plui numerosis lis feminis che a fasin lis feminis di servizi o lis badantis e che duncje, li di altris fameis, si ocupin dai lavôrs di pulizie, cure e assistence. Al ven iniment, in maniere spontanie, di cuant che lis fantatis e lis feminis furlanis - e a jerin i agns no lontans '50 e '60 - a levin “a servizi” tes fameis sioris de Penisule. Vuê, almancul, e je ricognossude la dignitât di chel lavôr ma al è sigûr retribuît mâl e dispès al ven fat in neri.

Tra i zovins, po dopo, la disocupazion tra oms e feminis e je sù par jù compagne. E e je alte. Tant alte. Masse alte!

O vuei visâ che lis feminis, in medie, si diplomin e si laurein di plui, in mancul timp e cun miôr risultâts. Intal mont dal lavôr, però, a restin intatis lis barieris culturâls che lis penalizin e la crisi e va a pericul di sverdeâ il mai cidinât e tant superficiâl e vagolât lûc comun che i “pôcs” puescj di vore disponibii a vedin di jessi dâts ai oms paris di famee, intant che lis feminis, in fin dai fats, a puedin stâ cun trancuilitât a cjase.

Ancje intal nestri Friûl, di fat, al tocje impegnâsi par che cheste crisi economiche interminabile no fasi torna indaûr la cundizion des feminis inte famee, intal lavôr e inte societât. Che si finissi, infin, di dî che se une femine e vâl e à la stesse pussibilitât di un om, che no servissin leçs a poie des feminis (cuotis rose). La storie, la atualitât e i numars frêts a disin che nol è par nuie cussì, e che ancje intal civîl Friûl al è ancjemò tant, ma tant di fâ.

*******************

Capita spesso che mi chiedano, poichè sono sindacalista donna, se in Friuli la crisi ha colpito di più le donne o i maschi, ovviamente per quanto riguarda il lavoro. Vogliono sapere, quindi, se sono di più le donne ad aver perso il loro lavoro e a essere poste in cassa integrazione guadagni, ecc. I numeri dicono che il tasso di disoccupazione delle donne è più alto, sia in Regione che in Provincia di Udine. Il problema, infatti, è che già prima della crisi le donne occupate erano di meno e che la crisi, del manifatturiero prima e dei servizi poi, ha falcidiato le basse professionalità che sono, purtroppo, appannaggio delle donne.

A molte di coloro le quali sono rimaste occupate è stato imposto, sempre per effetto del calo dei volumi produttivi, il tempo parziale “obbligatorio”, riducendo in questo modo ulteriormente il loro stipendio già più basso, anche a parità di ore lavorate, di quello dei colleghi maschi.

La flessibilità, quindi anche il part time, si rende possibile solo quando serve alle imprese? Si, evidentemente. Le aziende continuano a non capire, o a far finta di non capire, che per le donne è indispensabile avere un orario di lavoro elastico per conciliare il tempo di lavoro con quello della propria vita familiare. A dire il vero neppure le strutture pubbliche locali, ad esempio le scuole di ogni livello, hanno orari “friendly” (amichevoli) per le donne e le famiglie poichè gli orari sono pensati molto per gli operatori e poco per gli utenti! Ciò, ovviamente, penalizza principalmente le donne lavoratrici sulle quali, come noto, grava ancora tutto il lavoro di pulizia della casa, di cura e di assistenza dei famigliari.

In Friuli, da qualche anno, sono sempre più numerose le donne che fanno le colf-badanti e cioè che presso altre famiglie svolgono il lavoro di pulizia, cura e assistenza. Viene in mente, spontaneamente, di quando le fanciulle e le donne friulane, ed erano i non lontani anni ’50 e ’60, andavano “a servizio” presso le famiglie ricche della Penisola. Oggi, per lo meno, è riconosciuta la dignità di quel lavoro ma è decisamente mal retribuito e spesso viene svolto in nero.

Tra i giovani, poi, la disoccupazione tra maschi e donne grossomodo si equivale. Ed è alta. Molto alta. Troppo alta!

Voglio ricordare che le donne, mediamente, si diplomano e si laureano di più, in minor tempo e con migliori risultati.

Nel mondo del lavoro, però, restano intatte le arretratezze e le barriere culturali che le penalizzano e la crisi rischia di rinverdire il mai sopito e tanto superficiale ed errato luogo comune per cui i “pochi” posti di lavoro disponibili debbano essere dati ai maschi capi famiglia, mentre le donne, tutto sommato, possono stare tranquillamente a casa.

Anche nel nostro Friuli, infatti, bisogna impegnarsi affinchè questa interminabile crisi economica non faccia arretrare la condizione delle donne nella famiglia, nel lavoro e nella società. La si smetta, infine, di dire che se una donna vale ha la stessa possibilità di un maschio, per cui non servono leggi a sostegno delle donne (quote rosa). La storia, l’attualità e i freddi numeri dicono che non è per niente così e che anche nel civile Friuli c’è ancora molto, molto da fare.

La Segreteria Regionale
USR CISL Friuli Venezia Giulia
(Iris Morassi)

Iris Morassi
Iris Morassi
archivio

altre risorse: