La patrie dal Friul

Dicembre 2013

 

La identitât e pues rindi ancje in economie

La vicende de aziende siderurgjiche Palini e Bertoli di S. Zorç di Noiâr, cussì come chê de Electrolux, a segnalin cun fuarce la diference tra impresis e, soredut, tra imprenditôrs che a vivin e a progjetin il lôr futûr intal teritori e chei che, invezit, a àn tant che riferiment gjeografic e fisic cualsisedi lûc dal mont.

Pes multinazionâls, di fat, un sît dulà colocâ la ativitât produtive al vâl chel altri e la uniche carateristiche calcolade e preseade dal lûc là che a son lis lôr fabrichis e je chê di podê gjavâ fûr dut il profit che si pues. Chestis grandis impresis sorenazionâls, masse dispès no sintin nancje il sens plui piçul di responsabilitât viers des lavoradoris e dai lavoradôrs, figurìnsi intai confronts dal teritori e de comunitât che ur àn dât acet.

Nol è pussibil, però – viodude ancje la situazion de imprenditorie locâl – rinunziâ a capitâi e ai invistiments forescj. A cundizion che cuant un “font” o un grant grup si propon, a sedin subiets a valutazions e verifichis aprofondidis su la lôr vocazion industriâl reâl, par evitâ disposizions speculativis dal gjenar “beche e scjampe”.

Se po dopo al è fintremai l’aiût public, par chestis realtâts a van metûts palets e regulis par stabilizâ la permanence sul puest par un periodi congrui.

Dut câs, chest nol baste. Il teritori al à di jessi tratîf, ven a stâi al à di jessi apetibil, sedi par cui che al fâs za imprese sedi par cui che al vûl inviânt une gnove.

La politiche regjonâl, duncje, e à di impegnâsi a meti in vore chei fatôrs competitîfs di contest che a facilitin il sucès des aziendis: infostruturis, infrastruturis, ricercje e inovazion intes impresis e cu lis impresis, burocrazie amie e no ostative, formazion professionâl smirade, e v.i.

In plui, si à simpri di visâsi che un teritori al è tant plui tratîf se li si pues ancje vivi ben, se nol è desolât e al ufrìs la pussibilitât di gjoldisi lis bielecis artistichis, paisagjistichis, culturâls, ambientâls e, parcè no, enogastronomichis. Ve parcè, par esempli, l’eletrodot Redipulie-Udin al va intierât!

Al reste il fat che chescj agns di crisi industriâl profonde a àn fat capî, o speri ancje ai liberiscj plui oltranciscj, che la economie e scuen no dome jessi reâl, ma ancje riteritorializade, ripuartade al teritori.

Ancje parcè che intal mont globâl a varan sucès e si fasaran indenant chês regjons e chei teritoris bogns di fâ sisteme, di fâsi ricognossi, di caraterizâsi, di fâ valê - in definitive - lis propriis origjinalitâts e particolaritâts.

Intun mont simpri plui omogjeni e indistint, la identitât - se e je vierte e ben spindude – e je un valôr zontât ancje in economie.

 

Roberto Muradore
Segretari gjenerâl de CISL di Udin

 

**************************

 

La vicenda dell’azienda siderurgica Palini e Bertoli di S. Giorgio di Nogaro, così come quella dell’Electrolux, segnala con forza la differenza tra imprese e, soprattutto, imprenditori che vivono e progettano il loro futuro nel territorio e chi, invece, ha come riferimento geografico, fisico qualsiasi luogo del mondo.

Per le multinazionali, infatti, un sito in cui collocare l’attività produttiva vale l’altro e l’unica caratteristica considerata e apprezzata del luogo in cui insistono i loro opifici è quella di poterne trarre il maggior profitto possibile. Queste grandi imprese sovranazionali troppo spesso non avvertono il benchè minimo senso di responsabilità nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori, figuriamoci nei confronti del territorio e della comunità che li hanno accolti.

Non è possibile, però, vista anche la situazione dell’imprenditoria locale, rinunciare a capitali e investimenti esteri. A condizione che quando un “fondo” o un grande gruppo si propone, siano soggetti a valutazioni e verifiche approfondite circa la loro reale vocazione industriale onde evitare atteggiamenti speculativi mordi e fuggi. Quando, poi, ci fosse addirittura l’aiuto pubblico, per queste realtà vanno posti paletti e regole tali da stabilizzarne la permanenza in loco per un periodo congruo.

Comunque tutto questo non basta. Il territorio deve essere attrattivo, cioè deve essere appetibile sia per chi fa già impresa sia per chi intende avviarne una nuova. La politica regionale, quindi, deve impegnarsi ad attuare quei fattori competitivi di contesto che facilitano il successo delle aziende: infostrutture, infrastrutture, ricerca e innovazione nelle imprese e con le imprese, burocrazia amica e non ostativa, formazione professionale mirata, ecc.

In più, va sempre rammentato che un territorio è tanto più attrattivo se è anche vivibile, se non è devastato e offre la possibilità di goderne le bellezze artistiche, paesaggistiche, culturali, ambientali e, perchè no, enogastronomiche. Ecco perchè, ad esempio, l’elettrodotto Redipuglia-Udine va interrato!

Resta il fatto che questi anni di profonda crisi industriale hanno fatto capire, spero anche ai liberisti più oltranzisti, che l’economia deve non solo essere reale, ma anche riterritorializzata, riportata al territorio.

Anche perchè nel mondo globale avranno successo ed emergeranno quelle regioni e quei territori capaci di fare sistema, di farsi riconoscere, di caratterizzarsi, di far valere, in definitiva, proprie originalità e peculiarità.

In un mondo sempre più omogeneo ed indistinto l’identità, se è aperta e ben spesa, è un valore aggiunto anche in economia.

 

Roberto Muradore
Segretario Generale della CISL di Udine

Roberto Muradore
archivio

altre risorse: