La patrie dal Friul

Settembre 2014

 

La specialitât e va praticade, no predicjade.

Roberto Muradore

Lis impresis furlanis no stan ben, par nuie.

In provincie di Udin, intal periodi che al va dal 2009 al 2013, a àn sierât 379 aziendis dal manifaturîr su lis 886 pierdudis in Regjon. Simpri in provincie di Udin, intal prin semestri di chest an, si son pierdudis 56 impresis des 141 sieradis in Friûl-VJ.

Nol pues duncje consolâ nancje il dât positîf che al rivuarde la nassite di aziendis “start up” che no je fasin a avualâ ni il numar di impresis sieradis e nancje la cuantitât di lavoradôrs pierdûts.

E si indi à pierdûts pardabon tancj in chescj agns di puescj di vore! E ancjemò no je finide, magari cussì no!

Intant che in Italie, intai prins siet mês di chest an, la Casse Integrazion Vuadagns (Cig) e je calade in medie di cirche il 8%, in provincie di Udin, invezit, e je cressude di plui dal 20%!

Ce che al preocupe di plui al è che la Cig Speciâl, cuntun +32,4%, e je in aument fuart, che a son simpri plui numerôs i lavoradôrs folcjâts in cheste vere e proprie strente anticjamare dai licenziaments.

Di Zenâr a Mai dal 2014, i lavoradôrs metûts in mobilitât a son cressûts di plui dal 19% e, finide la mobilitât, a saran tes mans di un marcjât dal lavôr che nol è in stât di ufrîur nissune oportunitât di vore, stant che la soference e rivuarde ducj i comparts, no dome chel manifaturîr.

La stesse aministrazion regjonâl, di fat, e previôt une incressite dal Pil tant plui basse di che che si spietavisi dome cualchi mês indaûr.

Al bisugne dâsi di fâ, chi e cumò, par rilançâ il sisteme produtîf e il lavôr, cence spietâ che - cemût che al è dut câs di podê auspicâ – a cambin di plante fûr lis politichis monetariis e finanziariis de Comunitât Europeane.

Lis energjiis necessariis pe riprese a van cjatadis fûr prin di dut inte impostazion dute furlane dal “dâsi di fâ”, cence spietâsi masse di chei altris.

Se al è vêr che la crisi e je globâl, al è ancjetant vêr che je fasaran a restâ impins chei teritoris che a savaran meti in cjamp propriis e origjinâls progjetualitâts e azions economichis, istituzionâls, sociâls e culturâls. La vie di jessude pal Friûl, duncje, le à di cirî e cjatâ il Friûl stes, viert dal sigûr a un contest nazionâl, european, mondiâl.

Ve alore che la specialitât e la autonomie no van declamadis ma esercitadis in mût virtuôs (a diference di ce che al è stât intai ultins agns), par no alimentâ chê voie di neocentralisim che cumò e va tant di mode.

La Regjon Friûl-VJ e pues, inte sô “specialitât”, rindi la burocrazie amie des impresis e dai citadins ancje cu la future riforme dai ents locâi; acompagnâ lis impresis in gnûfs marcjâts forescj; comedâ lis propriis finanziariis (Friulia, Mediocredito, Finest) e doprâlis a supuart des impresis; promovi oparis publichis su scjale locâl (scuelis, stradis, ambient, e v.i.) par fâ lavorâ lis piçulis e piçulissimis impresis, adeguant cussì il patrimoni coletîf che, cualchi volte, al è deteriorât; soperî ae strente creditizie cul ûs di risorsis comunitariis; promovi ancjemò di plui une formazion smirade dentri di politichis ativis dal lavôr sedi dipendent che autonom; e v.i.

Al va fat pardabon dut il pussibil par che la stagjon triste (ma chê buine no si è viodude) no puarti vie cun se altris aziendis e altris puescj di vore.

 

***************************

 

La specialità va praticata, non predicata.

Roberto Muradore

Le imprese e il lavoro friulano non stanno bene, per niente.

In provincia di Udine, nel periodo che va dal 2009 al 2013, hanno chiuso i battenti addirittura 379 aziende manifatturiere sulle 886 perse in Regione. Sempre in provincia di Udine, nel primo semestre di quest’anno si sono perse 56 imprese delle 141 chiuse in Friuli VG.

Non può, quindi, consolare neppure il dato positivo riguardante la nascita di aziende “start up” le quali non ce la fanno a pareggiare nè il numero di imprese chiuse nè la quantità di occupati persi.

E se ne sono persi davvero tanti in questi anni di posti di lavoro. E non è ancora finita, purtroppo!

Mentre in Italia, nei primi 7 mesi di quest’anno, la Cassa Integrazione Guadagni (Cig) è calata mediamente di circa l’8%, in provincia di Udine, invece, è cresciuta più del 20%!

Ciò che preoccupa maggiormente è che la Cig Speciale, con un +32,4%, è in forte aumento, per cui sono sempre più numerosi i lavoratori stipati in questa vera e propria angusta anticamera dei licenziamenti.

Da gennaio a maggio del 2014 i lavoratori posti in mobilità sono aumentati più del 19% e, finita la mobilità, saranno alla mercé di un mercato del lavoro non in grado di offrire loro alcuna opportunità di lavoro in quanto la sofferenza riguarda tutti i comparti, non solo quello manifatturiero.

La stessa amministrazione regionale, infatti, prevede un incremento del Pil decisamente inferiore rispetto a quello atteso solo qualche mese fa.

Bisogna darsi da fare, qui e adesso, per rilanciare il sistema produttivo e il lavoro senza aspettare che, com’è comunque auspicabile, cambino radicalmente le politiche monetarie e finanziarie della Comunità Europea.

Le energie necessarie per la ripresa vanno rinvenute innanzitutto nell’approccio tutto friulano del “darsi da fare” ,senza aspettarsi poi molto dagli altri.

Se è vero che la crisi è globale, è altrettanto vero che ce la faranno a stare in piedi quei territori che sapranno mettere in campo proprie e originali progettualità ed azioni economiche, istituzionali, sociali e culturali. La via di uscita per il Friuli, quindi, la deve cercare e trovare il Friuli stesso, ovviamente aperto a un contesto nazionale, europeo, mondiale.

Ecco allora che la specialità e l’autonomia non vanno declamate ma esercitate in modo virtuoso (a differenza di ciò che è stato negli ultimi anni) per non alimentare quella voglia di neocentralismo che attualmente va per la maggiore.

La Regione Friuli VG può, nella sua “specialità”, rendere la burocrazia amica delle imprese e dei cittadini anche mediante la futura riforma degli enti locali, accompagnare le imprese in nuovi mercati esteri, riassestare le proprie finanziarie (Friulia, Mediocredito) e utilizzarle a supporto delle imprese, promuovere opere pubbliche su scala locale (scuole, strade, ambiente, ecc.) per far lavorare le piccole e piccolissime imprese adeguando così il patrimonio collettivo che, a volte, è deteriorato, sopperire alla stretta creditizia con l’utilizzo di risorse comunitarie, promuovere ancor di più una formazione mirata all’interno di politiche attive del lavoro sia dipendente che autonomo, ecc.

Va fatto davvero tutto il possibile affinchè la cattiva stagione (ma quella buona non si è vista) non porti via con sé altre aziende e altri posti di lavoro.

Roberto Muradore
archivio

altre risorse: