La patrie dal Friul

Maggio 2015

 

La specialitât no dome nus covente par aministrâsi ben, ma ancje par sfrutâ la gnove posizion gjeopolitiche de Regjon

Lis declarazions dal President de Regjon Toscane su lis Regjons Speciâls a sunin ofensivis pal Friûl-Vignesie Julie e a alimentin ancjemò di plui chê voie di neocentralisim che e je daûr a lâ za in grant.
Come se nol fos propit dal faliment dal centralisim che si è gjenerade chê sburtade federaliste che, par altri, e je restade irealizade.
A dîle dute, ancje la nestre Regjon no à decentrât i propris podês e si è tignude ben strente “la borse” a discapit di chei altris nivei aministratîfs.
La specialitât e riclame temis storics, economics e politics e argoments tant che la teritorialitât, la autonomie, il federalisim e la identitât.
Su la Autonomie Speciâl de nestre Regjon, o stimi impuartant sotlineâ ciertis cundizions essenziâls pe sô stesse reson di esisti.
Par prime robe, e va rimarcade cun fuarce la coesistence di plui lenghis e identitâts.
Pluriculturalisim, duncje, di promovi.
O soi dacuardi cu la conseire regjonâl Alessandri Colautti cuant che e dîs di no capî cui che si sdegne pai tais ae culture e si dîs, invezit, dacuardi cui tais al insegnament de lenghe furlane.
Parcè, il furlan no ise culture?
Al è determinant ancje il posizionament gjeopolitic economic dal Friûl-VJ. Intal passât la Regjon no jere apetibile e interessante, pe economie, par vie de vicinance cui paîs comuniscj.
Cumò e je simpri prossime ai stes Paîs che a son i nestris simpri plui motivâts gnûfs concorints e contindints ma a rapresentin ancje potenziâi gnûfs marcjâts.
La gnove colocazion tal centri de Europe e va fate rindi. La Regjon e pues jessi une crosade determinante intai flus dai oms e des marcjanziis e chest al puartarès beneficis economics aes comunitâts locâls.
Duncje, e va miorade e coordenade la portualitât, fat deventâ plui eficient il sisteme feroviari e doprât a plen l'as Adriatic-Baltic (Pontebane). Il posizionament de nestre regjon al è une “unicitât” di valorizâ e al è pardabon une esclusive dal Friûl-VJ.
E je impuartante ancje une gjestion aministrative virtuose, come che al è stât par decenis.
Intal ultin periodi, però, nol è stât propri cussì ancje se, dut câs, e je lade tant miôr che in altris Regjons, sedi ordenariis che speciâls.
No son propit il massim de virtuositât sedi il sviliment des partecipadis regjonâls che la cjare e no finide cuistion dal Compart Unic. Lis partecipadis a àn di cjatâ fûr une mission che no sedi la autoconservazion semplice, tornant a jessi buinis pes impresis e pai citadins.
Cence altri, e va fate une riforme istituzionâl e aministrative che e agreghi (no che e fondi) i Comuns in areis largjis, plui largjis di chês previodudis, par delegâur compits e risorsis.
I nivei sub regjonâi, duncje, adeguâts par dimension e funzions par evitâ il tramai dal neocentralisim regjonâl.
A van valorizadis lis professionalitâts dai nestris dipendents publics ancje midiant chê mobilitât, dal sigûr contratade, rindude pussibile propit dal Compart Unic.
Ancje se dut chest, e altri ancjemò, al fos fat, nol sarès dut câs suficient par mantignî la nestre specialitât parcè che par contrastâ cheste gnove derive centraliste (ancje autoritarie e oligarchiche?) al è pardabon necessari che i atôrs politics, economics e sociâi regjonâi a sedin dutun, unîts e solidaris.
Dome cussì o podarìn fâje.

Roberto Muradore - Segretari Gjenerâl Cisl Udin

**********************************

La Specialità non solo ci serve per amministrarci bene, ma anche per sfruttare la nuova posizione geopolitica della Regione

Le dichiarazioni del Presidente della Regione Toscana inerenti le Regioni Speciali suonano offensive per il Friuli Venezia Giulia e alimentano ancor di più quella voglia di neocentralismo che sta andando già andando alla grande.
Come se non fosse proprio dal fallimento del centralismo che si è generata quella spinta federalista che, peraltro, è rimasta irrealizzata.
A dirla tutta anche la nostra Regione non ha decentrato i propri poteri e si è tenuta ben stretta “la borsa” a scapito degli altri livelli amministrativi.
La specialità evoca temi storici, economici e politici e argomenti quali la territorialità, l’autonomia, il federalismo e l’identità.
Circa l’Autonomia Speciale della nostra Regione ritengo importante sottolineare alcune condizioni essenziali per la sua stessa ragion d’essere.
Per prima cosa va rimarcata con forza la coesistenza di più lingue e identità.
Pluriculturalismo, quindi, da promuovere.
Sono d’accordo con il Consigliere Regionale Alessandro Colautti quando dice di non capire chi si indigna per i tagli alla cultura e si dice, invece, d’accordo con i tagli all’insegnamento della lingua friulana.
Perché, il friulano non è cultura?
E’ determinante anche il posizionamento geopolitico economico del Friuli VG.
Nel passato la Regione non era appetibile e interessante, per l'economia, a causa della vicinanza con i paesi comunisti.
Ora è sempre prossima agli stessi Paesi che sono i nostri sempre più agguerriti nuovi concorrenti e competitori ma rappresentano anche potenziali nuovi mercati.
La nuova collocazione al centro dell’Europa va messa a frutto.
La Regione può essere un crocevia determinante nei flussi degli uomini e delle merci e ciò porterebbe benefici economici alle comunità locali.
A tal fine va migliorata e coordinata la portualità, efficientato il sistema ferroviario e utilizzato pienamente l’asse Adriatico-Baltico (Pontebbana).
Il posizionamento del Friuli Venezia Giulia è una “unicità” da valorizzare ed è davvero una esclusiva del FVG.
E’ importante anche una gestione amministrativa virtuosa così come è stato per decenni.
Nell’ultimo periodo, però, non è stato proprio così anche se, comunque, è andata molto meglio che in altre Regioni sia ordinarie che speciali.
Non sono proprio il massimo della virtuosità sia lo svilimento delle partecipate regionali che la costosa incompiuta del Comparto Unico.
Le partecipate devono ritrovare una missione che non sia la mera autoconservazione, ritornando ad essere utili per le imprese e i cittadini.
Senz’altro va realizzata una riforma istituzionale e amministrativa tale da aggregare (non fondere) i Comuni in aree vaste, più vaste di quelle previste alle quali delegare compiti e risorse.
I livelli sub regionali, perciò, adeguati per dimensione e funzione per evitare la trappola del neo centralismo regionale.
Vanno valorizzate le professionalità dei nostri dipendenti pubblici anche attraverso quella mobilità, ovviamente contrattata, resa possibile proprio dal Comparto Unico.
Anche se tutto questo, ed altro ancora, fosse realizzato non sarebbe comunque sufficiente per mantenere la nostra specialità perché per contrastare questa deriva neo centralista (anche autoritaria e oligarchica?) è davvero necessario che gli attori politici, economici e sociali regionali siano coesi, uniti e solidali.
Solo così’ potremo farcela.

Roberto Muradore - Segretario Generale Cisl Udine

Roberto Muradore
archivio

altre risorse: