Messaggero Veneto

Mercoledì 04 Settembre 2013

 

«Poco personale all’Inps Cig e Tfr pagati dopo mesi»

La denuncia della Cisl di Udine: «Situazione inaccettabile, subito un incontro».
Il direttore: «Presto esaurito il pregresso. Subiamo il blocco del turn over»

Sei mesi e più di attesa per vedere il pagamento delle casse integrazioni in deroga. Anche otto mesi per riuscire a incassare il trattamento di fine rapporto. Non sono fredde statistiche. Sono i casi vissuti sulla propria pelle anche da centinaia di lavoratori della provincia di Udine sulle migliaia che in questo momento hanno a che fare con il servizio “prestazioni e sostegno al reddito” degli uffici udinesi dell’Inps.

Ci sono, per esempio, i lavoratori di una realtà imprenditoriale di Remanzacco che prima ha cercato di combattere la crisi con il ricorso alla cassa integrazione e poi invece si è arresa, chiudendo tutto, e licenziando i lavoratori che almeno speravano di poter incassare in determinati tempi il Tfr. E poi ci sono impiegati e operai di un’altra azienda alle porte di Udine nord, con personale in Cig a rotazione. Tutti però rimasti per lunghi mesi senza nemmeno l’ombra di un assegno.

«E’ possibile che qualcosa sia fermo anche da marzo. Ma bisogna capire quando sono stati firmati i decreti dalla Regione. Entro il 10 settembre, comunque, dovrebbe essere liquidato tutto il pregresso - assicura il direttore della sede dell’Inps di Udine Claudio Benvenuto -. Ma per capire in che situazione lavoriamo anche noi è giusto che la gente sappia che soltanto dal 26 giugno a oggi abbiamo ricevuto, per la sola provincia di Udine, ben 345 decreti di concessione di cassa integrazione in deroga, per un totale di 1.306 lavoratori, ovvero 355 mila ore e un corrispettivo economico pari a quasi 3 milioni e 500 mila euro. Il fatto è che di tutto questo se ne occupano due persone, come da organico. Vista la situazione a questi dipendenti ne sono state affiancati altri. Ma ricordiamoci che anche l’Inps ha il turn-over bloccato. Anche se è chiaro che gli uffici che si occupano di pratiche relative alle prestazioni e al sostegno al reddito sono quelli che cerchiamo di tenere più coperti possibile, a livello di personale».

Uno sforzo apprezzato dai sindacati, come anche la disponibilità sempre dimostrata da dipendenti e funzionari. Ma ora per qualcuno questo sforzo deve essere seguito da qualcos’altro. «Purtroppo la fine di questa crisi ancora non si vede - denuncia il segretario della Cisl Roberto Muradore - quindi è arrivato il momento che l’Inps si attrezzi per il futuro visto che i ricorsi alla cassa integrazione in deroga certo non finirà, anzi aumenterà. L’anno scorso su questo problema abbiamo già avuto un incontro con l’Inps. A questo punto ne chiederemo un altro. Tempi così lunghi per pratiche così importanti non sono accettabili».

Federica Barella

Roberto Muradore
archivio

altre risorse: