La patrie dal Friul

Febbraio 2015

 

Previsions pal an gnûf

Paolo Mason Segretari CISL Udin

Ce sucedaraial tal 2015 intal mont dal lavôr? Lis robis larano in miôr, in piês o restarano tant che intal 2014? Al è clâr che la sfere di cristal no le à nissun e che nancje la CISL di Udin, che par so cont o stoi daûr dal manifaturîr, e je in stât di dî cun ciertece, vuê par doman, cuale che e sarà la realtât economiche e di vore che o vivarìn dilunc dal an.

Ciertis considerazions e previsions, però, la CISL furlane e pues puartâlis indevant, no azardâlis, par vie che e je fuarte de esperience concrete maduride intal lavôr intens cuotidian fat dongje des lavoradoris e dai lavoradôrs e ancje in virtût des analisis e dai aprofondiments che, in maniere periodiche, la CISL teritoriâl e promôf par capî miôr cjapâ il contest e il senari economic e sociâl locâl.

Propit su chest mensîl, tancj sindicaliscj une vore impegnâts “in prime linie” intai varis comparts (siderurgjic, dal len, metalmecanic, dai servizis) a àn vût mût di contâ di impresis singulis, di setôrs e di distrets in crisi profonde e ancje, par fortune, di realtâts che a van ben e che fintremai a cressin.

Al net des aziendis che a àn sierât parcè che a son falidis o a àn fermade la ativitât, e di chês che a àn ridot za il personâl sestantsi a un nivel inferiôr di faturât, a son ancjemò masse lis realtâts in afan e in crisi.

Ancje se i dâts a disin di un miorament lizêr des esportazions, o sin lontans dal recupar di dut ce che in chescj agns al è stât pierdût intai marcjâts forescj di un manifaturîr tant puartât propit pal trafic in esportazion.

Simpri intal nestri teritori si son viertis altris busis enormis tant che la crisi dal cumierç e de distribuzion cooperativistiche.

Simpri in Friûl il turisim di mont al è in cjadude libare e chel maritim nol va par nuie ben.

La Regjon Friûl-VJ, intun cuadri cussì preocupant, e à dut câs savût e podût frontâ e inviâ a soluzion ciertis situazions tant critichis tant che, par esempli, la Electrolux e la Mangiarotti.

La Regjon e à prodot ancje un plan su la economie e il manifaturîr, clamât “rilance imprese”, cul intindiment di razionalizâ, rindi plui eficients e meti a sisteme ducj i struments publics e parapublics che in cualchi mût a àn a ce fâ cul mont des impresis.

Chest al va ben, ma si à di procedi ancjemò di plui inte strade des riformis, rindint plui bon e mancul dispendiôs dut ce che di public al esist in cheste Regjon.

Tornant ae considerazion che la industrie furlane par rilançâsi e à di cjatâ marcjâts forescj, al è di rimarcâ, par esempli, cemût che si imponi une riforme che e semplifichi i numerôs e distacâts ents preponûts ae internazionalizazion des impresis par dâ eficacitât ae lôr azion.

Dut chest al è une cundizion necessarie, ma forsit no ancjemò suficiente, par rianimâ in maniere energjiche il manifaturîr e par creâ gnûf lavôr.

Par invertî il cicli al coventarès un “shock keinesian” ma, magari cussì no, lis risorsis publichis a disposizion no bastin.

I amortizadôrs sociâi, tant che casse integrazion vuadagns ordenarie, straordenarie, in deroghe e i contrats di solidarietât che a tegnin i lavoradôrs ancorâts ae imprese no son eternis.

In plui di cualchi situazion, di fat, a stan par esaurîsi.

Par tantis lavoradoris e lavoradôrs, duncje, la prospetive e je chê di jessi sostignûts intal redit par un periodi ancje chel dal sigûr a tiermin, ma il lavôr al è pierdût in maniere definitive! E vuê cjatâ une gnove ocupazion al è tant che vinci ae lotarie.

*************************

Cosa accadrà nel 2015 nel mondo del lavoro? Le cose andranno meglio, peggioreranno o resteranno come nel 2014? E’ ovvio che la sfera di cristallo non ce l’ha nessuno e che neppure la CISL di Udine, per conto della quale seguo il manifatturiero, è in grado di dire con certezza, oggi per domani, quale sarà la realtà economica e lavorativa che vivremo nel corso dell’anno.

Alcune considerazioni e previsioni, però, la CISL friulana può avanzarle, non azzardarle, perché forte della esperienza concreta maturata nell’intenso quotidiano lavoro effettuato a fianco delle lavoratrici e dei lavoratori e anche in virtù delle analisi e degli approfondimenti che, periodicamente, la CISL territoriale promuove per meglio comprendere il contesto e lo scenario economico e sociale locale.

Proprio su questo mensile parecchi sindacalisti molto impegnati “in prima linea” nei vari comparti (siderurgico, del legno, metalmeccanico, dei servizi) hanno avuto modo di raccontare di singole imprese, di settori e di distretti in profonda crisi e anche, fortunatamente, di realtà che vanno bene e che addirittura crescono.

Al netto delle aziende che hanno chiuso perché sono fallite o hanno cessato l’attività, e di quelle che hanno già ridotto il personale assestandosi ad un livello inferiore di fatturato, sono ancora troppe le realtà in affanno e in crisi.

Anche se i dati dicono di un leggero miglioramento delle esportazioni siamo lontani dal recupero di tutto ciò che in questi anni è stato perso nei mercati esteri da un manifatturiero molto vocato proprio all’export.

Sempre nel nostro territorio si sono aperte altre enormi falle quali la crisi del commercio e della distribuzione cooperativistica.

Sempre in Friuli il turismo montano è in caduta libera e quello marittimo non va per niente bene.

La Regione Friuli Venezia Giulia, in un quadro così preoccupante, ha comunque saputo e potuto affrontare e avviare a soluzione alcune situazioni molto critiche quali, ad esempio, la Electrolux e la Mangiarotti.

La Regione ha anche prodotto un piano relativo all’economia e al manifatturiero, denominato “rilancia impresa”, con l’intenzione di razionalizzare, efficientare e mettere a sistema tutti gli strumenti pubblici e parapubblici che in qualche modo hanno a che fare con il mondo delle imprese.

Questo va bene, ma si deve procedere ancora di più nel cammino delle riforme rendendo più utile e meno dispendioso tutto ciò che di pubblico esiste in questa Regione.

Ritornando alla considerazione che l’industria friulana per rilanciarsi deve trovare mercati esteri, è da rimarcare, ad esempio, come si imponga una riforma che semplifichi i numerosi e scollegati enti preposti all’internazionalizzazione delle imprese per dare efficacia alla loro azione.

Tutto questo è condizione necessaria, ma forse non ancora sufficiente, per rianimare energicamente il manifatturiero e per creare nuovo lavoro.

Per invertire il ciclo servirebbe uno “shock keinesiano” ma, purtroppo, le risorse pubbliche a disposizione non sono sufficienti.

Gli ammortizzatori sociali, quali cassa integrazione guadagni ordinaria, straordinaria, in deroga e i contratti di solidarietà che tengono i lavoratori ancorati all’impresa non sono eterni.

In più di qualche situazione, infatti, stanno per esaurirsi.

Per molte lavoratrici e lavoratori, quindi, la prospettiva è quella di essere sostenuti nel reddito per un periodo anch’esso ovviamente a termine, ma il lavoro è perso definitivamente! E oggi trovare una nuova occupazione è come vincere alla lotteria.

Paolo Mason
Paolo Mason
archivio

altre risorse: