Messaggero Veneto

Giovedì 28 Aprile 2011

 

Primo Maggio in piazza pensando alla crisi

Cervignano, il programma della manifestazione.
I sindacati: qui siamo uniti.
Il sindaco Paviotti: «Ci saranno anche i trattori per ricordare le nostre origini».
Una tradizione nata nel dopo guerra.

Una lunga storia: dal dopoguerra ad oggi, tutti gli anni, a Cervignano si festeggia la "Festa dei lavoratori". Giuseppe Zigaina, nel 1953, ha dedicato a questo evento il lungometraggio "Primo maggio a Cervignano", diffuso dalla Rai.

«Questa festa - spiega il sindaco Pietro Paviotti - è dedicata da sempre ai lavoratori. Si ricorda le lotte dei braccianti e lo sviluppo industriale di quest'area, in particolar modo della grande fabbrica di Torviscosa». Il sindaco di Cervignano ricorda anche la presenza dei trattori. «Il Primo maggio - spiega il primo cittadino - è anche la festa dei lavoratori agricoli. Per noi è un onore ospitare una delle manifestazioni più importanti in regione dedicate al lavoro». (e.m.)

La crisi occupazionale che sta mettendo a dura prova molti lavoratori e molte aziende anche nella Bassa friulana sarà il tema principale della Festa del Lavoro che, come da tradizione, si terrà a Cervignano domenica Primo maggio, in piazza Indipendenza. L'evento è stato condiviso da numerose amministrazioni comunali della Bassa friulana, dai sindacati (Cgil, Cisl, Uil e Cia) e dalle associazioni di categoria (molte adesioni stanno ancora arrivando). Anche quest'anno è prevista la partecipazione dei trattori, una presenza importante, ricorda il sindaco, perché «la Festa del Primo Maggio è nata come rivendicazione dei diritti dei salariati, del mondo agricolo, dei mezzadri e dei lavoratori della terra».

Il corteo partirà alle 9.30 da via Garibaldi. Attorno alle 10.30 i partecipanti raggiungeranno piazza Indipendenza. Oltre al sindaco e ad un rappresentante della Cia, prenderà la parola anche Enrico Panini, segretario nazionale Cgil, il quale parlerà anche a nome di Cisl e Uil. Alle 11, nell'ambito di "Musica ribelle", iniziativa promossa dal circolo Arci Sandro Pertini di Cervignano, in collaborazione con Coop Consumatori Nordest, ci sarà invece un concerto del gruppo vicentino "Gli idraulici del suono".

«A differenza di altre parti d'Italia - commenta Roberto Muradore, segretario provinciale Cisl - in provincia di Udine si festeggerà il Primo Maggio in modo unitario e questo è un valore aggiunto». Aggiunge il sindaco di Cervignano: «Tutti assieme abbiamo ritenuto che, di fronte ad un momento di straordinaria crisi economica, fosse necessario riaffermare il diritto al lavoro. I problemi non sono risolti e l'utilità di confermare un'azione comune permane».

Precisa Paviotti: «I motivi che lamentiamo sono noti: una politica economica e fiscale che non premia i lavoratori e le imprese ma piuttosto le rendite finanziarie e quelle di posizione e una burocrazia che troppe volte diventa ostacolo allo sviluppo di investimenti produttivi senza esercitare quel giusto ruolo di controllo necessario in una società moderna e civile. Alla fase dei ricorsi alla cassa integrazione sta facendo purtroppo seguito la cessazione di attività delle aziende, la messa in mobilità o disoccupazione delle maestranze se non il fallimento. Una condizione diffusa che non risparmia nessuno dei settori più rilevanti della nostra economia». Conclude il primo cittadino: «L'emergenza economica e sociale denunciata dalle statistiche sulla disoccupazione e precarietà giovanile ci indicano che il percorso di modernizzazione deve investire sul futuro anche dal punto di vista generazionale». Il sindaco ricorda che in piazza Indipendenza, piazza San Girolamo e via Marcuzzi sarà istituito il divieto di sosta con rimozione. Il mercatino dell'usato organizzato dalla Pro Loco, rende noto il presidente Patrizio Cadetto, domenica 1 maggio sarà allestito in via Marcuzzi e in piazza San Girolamo per consentire lo svolgimento della manifestazione.

Come ogni anno alla manifestazione giungeranno lavoratori da tutta la Bassa, dal Monfalconese e da altre aree della Regione.

Elisa Michellut

argomenti collegati

02-05-2011

Lavoro, acqua e Tav: la Bassa in piazza.

In migliaia alla manifestazione del Primo maggio a Cervignano.
L'allarme dei sindacati: la crisi non è ancora finita.

Cgil Cisl Uil
Cgil Cisl Uil
archivio

altre risorse: