La patrie dal Friul

Agosto 2014

 

Sperant intune riprese autunâl

Pauli Mason, component de Segretarie de UST CISL di Udin

La Zonte Regjonâl e à finalmentri prontât un document di politiche industriâl, pardabon penç, pensât sedi par frontâ la crisi che par rilançâ il manifaturîr. E jere propit la ore che la industrie e tornàs al centri de atenzion de politiche!

Di simpri, la CISL di Udin e veve individuât intal manifaturîr il cûr vîf e che al tire de economie locâl, ma no jere stade scoltade.

E leve di mode, di fat, la convinzion infondade e superficiâl che lis fabrichis a fossin “a pierdi” e il terziari, insiemi a chê che i disin “economie de cognossince”, al sarès stât suficient a rezi la economie e il lavôr.

Fevelâ, o miôr trabascjâ, di new economy al jere “in”, intant che interessâsi di industrie e di economie reâl al jere “out”. E, di fat, vuê si viodin i risultâts di dut chest!

Il Friûl - e lis provinciis di Udin e di Pordenon in particolâr - al à sofiert une vore par vie de disatenzion grave viers dal setôr produtîf. I numars, inte lôr obietivitât crudêl, a son li a dimostrâlu. A cressin fûr di misure i “espuls”, ven a stâi chei lavoradôrs butâts fûr dal circuit produtîf, i “conzelâts”, val a dî chei lavoradôrs che a gjoldin di amortizadôrs sociâi, e i “avilîts”, o ben chei che une ocupazion nancje plui le cirin, pûr jessint disponibii a lavorâ.

In Friûl-Vignesie Julie, intal prin trimestri dal 2014, a son stâts pierdûts altris 3.643 ocupâts, a pet dal periodi corispondent dal 2013, e cuasi 17.000 ocupâts a pet dal trimestri dal 2010!

I disocupâts a son lâts sù a cuote 47.373, cuntun aument dal 36,2% a pet dal 2010. Lis stimis furnidis plui di resint de Regjon a previodin un tas di disocupazion, inte medie anuâl dal 2014, dal 8,5% a pet dal 7,7 dal 2013. Intal prin cuadrimestri di chest an, lis jentradis in mobilitât a cressin dal +34,4%. Intal periodi Zenâr-Jugn dal 2014 la Casse Integrazion Vuadagns e cres dal 17,4% e e passe i 16 milions di oris autorizadis, cuntun aument de Casse Integrazion Speciâl dal 38%. A chest ritmi, la sume totâl di oris autorizadis intal 2014 in provincie di Udin si sestarès a 13,8 milions su base anuâl e a 32,1 milions in Friûl-VJ. Chest al corispuindarès a 8.350 lavoradôrs “conzelâts” in provincie di Udin e a 19.460 in Regjon.

Ve lis resons che par chês la CISL di Udin e stime impuartant che la Regjon e vedi butât jù un plan di intervent sul sisteme produtîf che al conten trê elements positîfs. Il prin al è la cussience che il manifaturîr al è “la” prioritât. Il secont al è che si à aprofondît, analizât, studiât il setôr e chest al puarte a une miôr e necessarie cognossince de situazion. Il tierç al è che si prefigurin rispuestis e soluzions di sisteme a une crisi che e je di sisteme. Al va dit, però, che la politiche nus à, magari cussì no, masse voltis fat sperâ cun anunzis pompôs che po dopo però no ur è vignût daûr un biel nuie. Al è propit par chest motîf che la CISL furlane, come simpri, e valutarà intal merit lis azions dal guvier regjonâl e si doprarà par che i contignûts dal document di politiche industriâl si tradusin in proviodiments concrets.

Fasìn in mût che la riprese autunâl e sedi ancje une riprese de produzion e de ocupazion.

***********************

La Giunta Regionale ha finalmente predisposto un documento di politica industriale, davvero ponderoso, pensato sia per fronteggiare la crisi che per rilanciare il manifatturiero. Era proprio ora che l’industria ritornasse al centro dell’attenzione della politica!

Da sempre la CISL di Udine ha individuato nel manifatturiero il cuore pulsante e trainante dell’economia locale, ma non era stata sufficientemente ascoltata.

Andava di moda, infatti, la infondata e superficiale convinzione che le fabbriche fossero “a perdere” e il terziario, insieme alla cosiddetta economia della conoscenza, sarebbe stato sufficiente a reggere l’economia e il lavoro.

Parlare, o meglio sproloquiare, di new economy era “in”, mentre interessarsi di industria e di economia reale era “out”. E, infatti, oggi si vedono i risultati di tutto ciò!

Il Friuli, le province di Udine e di Pordenone in particolare, ha sofferto tantissimo a causa della grave disattenzione nei confronti del settore produttivo. I numeri, nella loro crudele oggettività, sono lì a dimostrarlo.

Crescono a dismisura gli “espulsi”, cioè quei lavoratori sbattuti fuori dal circuito produttivo, i “congelati”, cioè quei lavoratori che fruiscono di ammortizzatori sociali e gli “scoraggiati”, cioè quanti una occupazione nemmeno più la cercano pur essendo disponibili a lavorare.

In Friuli Venezia Giulia, nel primo trimestre del 2014, sono stati persi ulteriori 3.643 occupati rispetto al corrispondente periodo del 2013 e quasi 17.000 occupati rispetto al trimestre del 2010!

I disoccupati sono saliti a quota 47.373 con un aumento del 36,2% rispetto al 2010. Le più recenti stime fornite dalla Regione prevedono un tasso di disoccupazione, nella media annuale del 2014, pari all’8,5% rispetto al 7,7 del 2013. Nel primo quadrimestre di quest’anno gli ingressi in mobilità aumentano del +34,4%. Nel periodo gennaio-giugno del 2014 la Cassa Integrazione Guadagni cresce del 17,4% e supera i 16 milioni di ore autorizzate con un aumento della Cassa Integrazione Speciale del 38%. A questo ritmo l’ammontare totale di ore autorizzate nel 2014 in provincia di Udine si assesterebbe a 13,8 milioni su base annuale e a 32,1 milioni in FriuliVG. Ciò corrisponderebbe a 8.350 lavoratori “congelati” in provincia di Udine e a 19.460 in Regione.

Ecco le ragioni per le quali la CISL di Udine ritiene importante che la Regione abbia redatto un piano di intervento relativo al sistema produttivo che contiene tre elementi positivi. Il primo è la consapevolezza che il manifatturiero è “la” priorità. Il secondo è che si è approfondito, analizzato, studiato il settore e ciò porta a una migliore e necessaria conoscenza della situazione. Il terzo è che si prefigurano risposte e soluzioni di sistema a una crisi che è di sistema.

Va detto, però, che la politica ci ha, purtroppo, troppe volte fatto sperare con annunci roboanti ai quali è seguito un bel nulla. E’ proprio per questo motivo che la CISL friulana, come sempre, valuterà nel merito le azioni del governo regionale e si adopererà affinchè i contenuti del documento di politica industriale si traducano in provvedimenti concreti.

Facciamo in modo che la ripresa autunnale sia anche una ripresa della produzione e dell’occupazione.

Paolo Mason
Paolo Mason
archivio

altre risorse: