La patrie dal Friul

Novembre 2015

 

Un libri nus jude a tornâ a pensâ al “Model Friûl” e a un sium che al covente ancjemò

di Roberto Muradore - Segretari Gjenerâl CISL di Udin

L’impuartant libri “Caro modello Friuli, Economia, Lavoro – Imprese e Credito dopo la crisi 2008 -2014” dal economist Fulvio Mattioni, al è stât volût a fuart de CISL di Udin che, di agns, si impegne par lâ di là dai stereotips, vint miôr cognossi la vere nature e la entitât de sfide in at par condividint la puartade e frontâle in maniere adeguade, cussì come che si à fat intal post taramot dal '76. La sfide, tant che chê volte, no je conzunturâl ma di sisteme, di model, di prefigurazion dal futûr.

VÊ UN SIUM. Di masse timp intal nestri Friûl al mancje un sium coletîf. Un sium tant che chel che al à prodot il “Model Friûl”, bon di creâ procès fantastics inte economie, intal lavôr, intes comunitâts e intes identitâts. Atenzion: fantastics, no fantasiôs. E tant reâi di jessi ricognossûts e preseâts in Italie e intal mont. Intai ultins 25 agns si à vût miôr, invezit, cori daûr ciertis ilusions tant che, par esempli, chê di une economie dute terziari e dute “new”, trascurant la economie reâl.

Si à pensât di rotamâ il setôr industriâl, di podê fâ di mancul di piçulis impresis, dai imprenditôrs e dai zovins. L'opuest dal Model Friûl, insume.

Bisugne bandonâ cun urgjence lis ilusions e al va cjatât fûr un gnûf sium coletîf bon di tornâ a dâi un fin ae nestre autonomie, e va furnide une identitât ricognossibile e spindibile ai risultâts dal lavôr nostran e al teritori, a van costruidis prospetivis pai zovins, cussì come che al à scrit ben il sociolic Bruno Tellia intal saç introdutîf al libri.

UN PIL IN SOFERENCE. Il libri al aprofondìs i aspiets leâts ae capacitât evolutive de economie locâl, fermantsi su la minôr capacitât di produsi redit. Il prodot interni sporc regjonâl, di fat, al è calât dal 12% intai ultins 7 agns. Si individuin inte sotvalutazion culturâl e politiche dal setôr industriâl, di une bande, e inte assence di une politiche industriâl, di chê altre, lis causis principâls de crisi in at: il trafic in esportazion al è calât dal 20%, a son caladis lis presincis turistichis e a son stadis pierdudis plui di 1200 impresis di manifaturis.

Si augurisi un pat strategjic tra gnove politiche industriâl regjonâl e sisteme finanziari locâl pe poie dai invistiments e pe difusion dai servizis finanziaris intes impresis piçulis e mediis, cemût che e pretint la politiche comunitarie.

A PAIN I ZOVINS. Il libri si ferme sui temis dal lavôr e de apartheid dai zovins. A paiâ la crisi a son soredut i zovins, tra i 15 e i 34 agns, cuntun câl di un tierç di chei cjapâts a vore in Friûl Vignesie Julie.

Al riclame lis consecuencis de disocupazion zovine di masse (4 voltis superiôr a chê medie), o sedi il pericul di une mancjade inclusion sociâl.

Al evidenzie la esplosion dai lavoradôrs sospindûts e cuvierts in maniere temporanie dai amortizadôrs sociâi ma a pericul fuart di espulsion dal marcjât dal lavôr. L'insiemi di disocupâts, avilîts e sospindûts, al à passadis lis 100 mil unitâts cuntun tas di disocupazion “slargjât” dal 16%.

Al dîs di une situazion che e à di stimolâ la creazion di aleancis sociâls interessadis a concentrâ lis risorsis disponibilis su la economie reâl, su lis impresis e sui lavoradôrs. E che e à di progjetâ un marcjât dal lavôr dulà che al sedi spazi pai zovins!

Il libri dal economist Mattioni al analize la prestazion economiche e di lavôr dal marcjât de nestre Regjon cence, però, lâ daûr ae rassegnazion e, anzit, al stimole a racuei e a vinci une sfide enorme: fâ i conts cu la realtât dal vuê, impegnant dutis lis energjiis par costruî un futûr miôr. Par fâ chest al covente tornâ a jessi un Friûl industriôs, competitîf e vitâl, bon di rinovament e di ricondusi a nivei sostignibii la burocrazie regjonâl ipertrofiche.

Insume, un Friûl che al sedi di gnûf sburt pal disvilup di dute la regjon e oportunitât pai zovins: un gnûf, ricjatât e rinovât “Model Friûl”.

*******************

Il libro “Caro modello Friuli, Economia, Lavoro – Imprese e Credito dopo la crisi 2008-2014”, dell’economista Fulvio Mattioni, è stato fortemente voluto dalla CISL di Udine che, da anni, si impegna per andare oltre gli stereotipi preferendo conoscere la vera natura e l’entità della sfida in atto per condividerne la portata e fronteggiarla adeguatamente così come si fece nel post terremoto del ’76. La sfida, come allora, non è congiunturale bensì di sistema, di modello, di prefigurazione del futuro.

Da troppo tempo nel nostro Friuli manca un sogno collettivo. Un sogno come quello che ha prodotto il “Modello Friuli” capace di creare processi fantastici nell’economia, nel lavoro, nelle comunità e nelle identità. Si badi bene, fantastici, non fantasiosi. E tanto reali da essere riconosciuti ed apprezzati in Italia e nel mondo. Negli ultimi 25 anni si è preferito, invece, rincorrere alcune illusioni come, ad esempio, quella di una economia tutta terziario e tutta “new”, trascurando l’economia reale.

Si è pensato di rottamare il settore industriale, di poter fare a meno delle piccole imprese, degli imprenditori e dei giovani. L’opposto del Modello Friuli, insomma. Urge abbandonare le illusioni e va ritrovato un nuovo sogno collettivo capace di ridare uno scopo alla nostra autonomia, va fornita una identità riconoscibile e spendibile ai frutti del lavoro nostrano e al territorio, vanno costruite prospettive ai giovani, così come ben scritto dal sociologo Bruno Tellia nel saggio introduttivo al libro.

Il libro approfondisce gli aspetti legati alla capacità evolutiva dell’economia locale, soffermandosi sulla minore capacità di produrre reddito. Il Prodotto Interno Lordo regionale, infatti, è calato del 12% negli ultimi 7 anni.

Individua nella sottovalutazione culturale e politica del settore industriale, da un lato, e nell’assenza di una politica industriale, dall’altro, le cause principali della crisi in atto: l’export è calato del 20%, sono diminuite le presenze turistiche e si sono perse oltre 1200 imprese manifatturiere.

Auspica un patto strategico tra nuova politica industriale regionale e il sistema finanziario locale finalizzato al sostegno degli investimenti e alla diffusione dei servizi finanziari nelle piccole e medie imprese come esige la politica comunitaria.

Si sofferma sui temi del lavoro e dell’apartheid dei giovani. A pagare la crisi sono soprattutto i giovani, tra i 15 e i 34 anni, con un calo di un terzo degli occupati in Friuli Venezia Giulia.

Evoca le conseguenze della disoccupazione giovanile di massa (4 volte superiore a quella media), ovvero il rischio di una mancata inclusione sociale.

Evidenzia l’esplosione dei lavoratori sospesi e coperti temporaneamente dagli ammortizzatori sociali ma a forte rischio di espulsione dal mercato del lavoro. L’insieme di disoccupati, scoraggiati e sospesi ha superato le 100mila unità con un tasso di disoccupazione “allargato” del 16%.

Dice di una situazione che deve stimolare la creazione di alleanze sociali interessate a concentrare le risorse disponibili sull’economia reale, sulle imprese e sui lavoratori. E a progettare un mercato del lavoro dove ci sia spazio per i giovani!

Il libro dell’economista Mattioni analizza la performance economica e mercato lavoristica della nostra Regione senza, però, indulgere alla rassegnazione e, anzi, stimola a raccogliere e vincere una sfida enorme: fare i conti con la realtà dell’oggi impegnando tutte le energie per costruire un futuro migliore. Per fare ciò è necessario ritornare ad essere un Friuli industrioso, competitivo e vitale, capace di rinnovamento e di ricondurre a livelli sostenibili l’ipertrofica burocrazia regionale. Insomma, un Friuli che sia nuovamente traino dello sviluppo dell’intera regione ed opportunità per i giovani: un nuovo, ritrovato e rinnovato “Modello Friuli”.

Il Segretario Generale CISL di Udine - Roberto Muradore

Roberto Muradore
Roberto Muradore
archivio

altre risorse: