FIM

Federazione Italiana Metalmeccanici
Via I. Nievo, 14 - Udine
Tel: 0432-227607 - Fax: 0432-220404
E-mail: fim.udine@cisl.it
Sito internet: www.fimudine.galleriaweb.it

La patrie dal Friul

Giugno 2015

 

Une aziende dal teritori a ’nt salve une altre. Il câs (finît ben) de Itlalricambi: ecelence cuasi lade a patràs no par motîfs economics

La Faber, imprese metalmecaniche impuartante de zone di Cividât, e je stade la uniche aziende a vê formalizade une ufierte par cuistâ la Italricambi, ancje cheste realtât metalmecaniche cun propris sîts a Cividât, Flavuigne e Gaiba (Ro).

No son rivadis, di fat, dentri de date fissade dai 6 di Mai dal 2015, altris ufiertis e viersaments di caparis di almancul 500 mil euros.

La Faber, duncje, si è adiudicade, al cost di un milion e 570mil euros, la Italricambi.

In chest mût, si è infin disblocade une situazion tant dificile là che la Federazion Taliane Metalmecanics e à fat in maniere responsabile fin in fonts la sô part, cirint soluzions pai lavoradôrs e impegnantsi pal proseguiment de ativitât aziendâl.

Al va visât cemût che la Italricambi Spa, cu la denominazion “Trattamenti Cividale”, e sedi stade metude in licuidazion e, cun sentence dai 22 di Mai dal 2014, al sedi stât declarât il so faliment.

Intant, il prin di Mai dal 2014, la “Trattamenti Cividale” e veve stipulât doi contrats distints di fit cu lis societâts Early Spa e Ir Srl. Chescj rams di fit a son stâts revocâts, ai 10 di Lui dal 2014, dal Tribunâl di Udin cun oblic di restituzion imediade de aziende.

Di cheste dade al è scomençât un percors di casse integrazion straordenarie par ducj i 95 dipendents (66 a Cividât, 7 a Flavuigne e 22 a Gaiba).

Chê de Italricambi di Cividât e Flavuigne e je stade une vicende pardabon tant, masse confondude.

Che si pensi che cheste aziende e rapresente une ecelence, a nivel internazionâl, inte produzion dai tocs pes machinis di moviment tiere. Cundut achel, prime e à corût il pericul di jessi sierade in maniere incomprensibile cun dutis lis comessis che e veve e, in maniere seguitive, e je finide sot dai rifletôrs par une serie di pleis judiziariis che a àn causade la sospension di ogni ativitât produtive.

Intai ultins mês, infin, si à vivût ancje il paradòs di vê une casse integrazion vuadagns straordenarie za autorizade dal Ministeri dal Lavôr e, inte stesse suaze, di viodi recapitâ ai lavoradôrs bonifics falâts, e duncje no fruibii, par vie di un probleme informatic dal studi di consulence.

Cumò la Fim, infin, si podarà confrontâ cuntune aziende tant che la Faber, note pe serietât fin cumò dimostrade e che e je daûr a impegnâsi ancje in cheste vicende.

Il confront, pûr no facil, al sarà fondât su la concretece.

La Fim e strenzarà i timps par rivâ a acuardis sindicâi che a permetin la riprese produtive in mancul timp pussibil e e cirarà di mantignî cun indurance la difese dai nivei ocupazionâi. I lavoradôrs de Faber a àn vivût su la lôr piel masse inciertecis e umiliazions. Si meretin cualchi ciertece e un pocje di serenitât.

Intal passât, masse dispès in Italricambi al è mancjât cualsisedi confront cu lis proprietâts, stant che a jerin dificilis di intercetâ e di individuâ inte lôr efetive realtât e volontât.

O tornìn a partî cuntune aziende dal teritori intal teritori.

Giorgio Spelat - Fim Cisl Provinciâl di Udin

***********************

La Faber, importante impresa metalmeccanica del Cividalese, è stata l’unica azienda ad aver formalizzato un’offerta per acquistare l’Italricambi, anch’essa realtà metalmeccanica con propri siti a Cividale, Flagogna e Gaiba (Ro).

Non sono arrivate, infatti, entro la data fissata del 6 maggio 2015, altre offerte e versamenti di caparre pari almeno a 500mila euro.

La Faber, quindi, si è aggiudicata, al costo di 1milione 570mila euro, l’Italricambi.

In questo modo si è finalmente sbloccata una situazione molto difficile nella quale la Fim ha responsabilmente svolto fino in fondo la sua parte, cercando soluzioni per i lavoratori e impegnandosi per il prosieguo dell’attività aziendale.

Va ricordato come l’Italricambi Spa, con la denominazione “Trattamenti Cividale”, sia stata soggetta ad una messa in liquidazione e, con sentenza del 22 maggio 2014, sia stato dichiarato il suo fallimento.

Nel frattempo, in data 01 maggio 2014, la “Trattamenti Cividale” aveva stipulato due distinti contratti di ramo d’affitto con le società Early Spa e Ir Srl.

Questi rami d’affitto sono stati revocati, in data 10 luglio 2014, dal Tribunale di Udine con obbligo di restituzione immediata dell’azienda.

Da tale data è iniziato un percorso di cassa integrazione straordinaria per tutti i 95 dipendenti di cui 66 a Cividale, 7 a Flagogna e 22 a Gaiba.

Quella dell’Italricambi di Cividale e Flagogna è stata una vicenda davvero molto, troppo confusa.

Si pensi che questa azienda rappresenta una eccellenza, a livello internazionale, nella produzione dei pezzi di usura per le macchine di movimento terra.

Nonostante ciò, prima ha corso il rischio di essere chiusa incomprensibilmente con le commesse che abbondavano e, successivamente, è finita sotto i riflettori per una serie di risvolti giudiziari che hanno causato la sospensione di ogni attività produttiva.

Negli ultimi mesi, infine, si è vissuto anche il paradosso di avere una cassa integrazione guadagni straordinaria già autorizzata dal Ministero del Lavoro e, contestualmente, di veder recapitare ai lavoratori bonifici errati, perciò non fruibili, a causa di un disguido informatico dello studio di consulenza.

Ora la Fim, finalmente, si potrà confrontare con un’azienda come la Faber, nota per la serietà finora dimostrata e che si sta impegnando anche in questa vicenda.

Il confronto, pur non facile, sarà improntato alla concretezza.

La Fim stringerà i tempi per giungere ad accordi sindacali che permettano la ripresa produttiva nel minor tempo possibile e perseguirà con tenacia la salvaguardia dei livelli occupazionali.

I lavoratori della Faber hanno vissuto sulla loro pelle troppe incertezze e umiliazioni. Si meritano qualche certezza e un po’ di serenità.

Nel passato troppo spesso in Italricambi è mancato qualsiasi confronto con le proprietà poiché erano difficili da intercettare e individuare nella loro effettiva realtà e volontà.

Ripartiamo con un’azienda del territorio nel territorio.

Giorgio Spelat - Fim Cisl Provinciale Udine

Giorgio Spelat
Giorgio Spelat
archivio

la federazione:

altre risorse: