FILCA

Via T. Ciconi, 16 - Udine
Tel. 0432-246441 - Fax 0432-246440
E-mail: filca.udine@cisl.it

La patrie dal Friul

Dicembre 2014

 

Une cjadree simpri plui carulade

Dal 2008 o lavori tant che operadore sindicâl intal distret de cjadree. Propit in chel distret une volte siôr e virtuôs clamât “triangul de cjadree”. Mi visi ancjemò cuant che mê mame mi contave de sô esperience di vore, di corieris e corieris che a partivin dai varis paîs de nestre provincie e ancje dal gno paîs di divignince, Pucinie, e des lungjis colonis che si formavin ai semafars, chês che vuê a son tarondis, par rivâ al lûc di lavôr.

Intal 2008 si à scomençât a sintî in mût ancjemò plui pesante la crisi ancje se, in realtât, il setôr de cjadree al à scomençât a cricâ intal 2001. Tant al è vêr che za si jerin doprâts amortizadôrs sociâi tant che la Casse Integrazion Ordenarie, ma cul invît de bande des direzions aziendâls di tignî dut scuindût e segret.

O ai domandât tancj intervents di poie e di assistence ancje pes aziendis artesanis, tant numerosis inte zone e fondamentâls intal sisteme distretuâl par mandâ indenant la produzion. Aziendis, par altri, cence la pussibilitât de cuviertidure di amortizadôrs sociâi.

E je stade une falcidie di licenziaments che, a dut vuê, no si son fermâts. E cetant numerosis che a son lis aziendis che a àn sierât lis antis par vie che a son falidis! Une vore. Masse! Effezeta, Fratelli Costantini, Imex, Ergos export, Forsedia, Idealsedia, e v.i.

Ma dut chest al somee che nol vedi preocupât plui di tant lis istituzions. Ancje lis istituzions locâls no àn fat dut ce che al coventave fâ par che la Regjon si interessàs di plui di cheste situazion grave.

Lis aziendis, par podê restâ sul marcjât, a àn scomençât a diversificâ. Cui che al voleve e al vûl restâ sul marcjât al à puartât la proprie produzion intune fasse di cualitât medi alte, specializant la proprie lavoranzie. Par chês personis che a vevin lavorât par agns e agnorums in lavorazions semplicis e ripetitivis al è stât pardabon problematic tornâ a metisi in zûc. Dut chest, però, al è stât necessari par cjatâ une gnove ocupazion.

La strente creditizie e à agravât la situazion, fasint mancjâ aes aziendis la licuiditât. O soi impegnade cumò intun grant numar di vertencis sindicâls e legâls propit par podê recuperâ lis retribuzions e lis buinis jessudis che a tocjin e che no son mai stadis erogadis.

La robe che plui mi avilìs e je la pesantece de situazion che no fâs traviodi nissune ande di riprese. O sofrìs intal viodi il disconfuart des personis che a cirin dibant un puest di vore, lavôr tant indispensabil inte vite dai singui e des fameis!

A esistin dut câs, par fortune, aziendis di rilêf che a produsin, a invistissin e a dan lavôr ai propris dipendents e ancje ai artesans de zone.

O stimi che al sedi plui che mai necessari pontâ di gnûf i rifletôrs su chê “cjadree” che aromai e criche, par fâle tornâ di gnûf simbul di une virtût produtive tant scjassade di une crisi che e à fat pierdi plui o mancul la metât dai assegnâts al setôr! Al va fat dut il pussibil par costruî un pussibil futûr di lavôr, dant serenitât e prospetive ae nestre int.

Ancje jo, tant che mê mame, un doman o volarès contâ a mê fie une storie fate di lavôr e di benstâ.

Alessia Cisorio Filca Cisl FVG

**************************

Dal 2008 lavoro in qualità di operatrice sindacale nel distretto della sedia. Proprio in quel distretto una volta ricco e virtuoso chiamato “triangolo della sedia”. Ricordo ancora quando mia mamma mi raccontava della sua esperienza lavorativa, delle corriere e corriere che partivano dai vari paesi della nostra provincia e anche dal mio paese di provenienza, Pocenia, e delle lunghe colonne che si formavano ai semafori, quelle che oggi sono rotonde, per raggiungere il luogo di lavoro.

Nel 2008 si cominciò a sentire in modo ancor più pesante la crisi anche se, in realtà, il settore della sedia cominciò a scricchiolare nel 2001. Tant’è vero che già si erano utilizzati ammortizzatori sociali quali la Cassa Integrazione Ordinaria, ma con l'invito da parte delle direzioni aziendali di tenere il tutto nascosto e segreto.

Ho richiesto numerosi interventi di sostegno e di assistenza anche per le aziende artigiane, numerosissime nella zona e fondamentali nel sistema distrettuale per mandare avanti la produzione. Aziende, per altro, senza la possibilità della copertura di ammortizzatori sociali.

C'è stata una falcidia di licenziamenti che, a tutt’oggi, non si sono fermati. E quanto numerose sono le aziende che hanno chiuso i battenti perché fallite! Tantissime. Troppe! Effezeta, Fratelli Costantini, Imex, Ergos export, Forsedia, Idealsedia, ecc... ecc…ecc…

Ma tutto questo sembra non aver preoccupato più di tanto le istituzioni. Anche le istituzioni locali non hanno fatto tutto ciò che era necessario fare affinché la Regione si interessasse di più di questa grave situazione.

Le aziende, per poter rimare sul mercato, hanno cominciato a diversificare. Chi voleva e vuole rimanere sul mercato ha portato la propria produzione in una fascia di qualità medio alta, specializzando la propria manodopera. Per quelle persone che avevano lavorato per anni e anni in lavorazioni semplici e ripetitive è stato davvero problematico rimettersi in gioco. Tutto questo, però, è stato necessario per trovare una nuova occupazione.

La stretta creditizia ha aggravato la situazione facendo mancare alle aziende la liquidità. Sono attualmente impegnata in un gran numero di vertenze sindacali e legali proprio per poter recuperare le retribuzioni e le liquidazioni spettanti e mai erogate.

La cosa che più mi rattrista è la pesantezza della situazione che non fa intravedere alcun cenno di ripresa. Soffro nel vedere lo sconforto delle persone nella ricerca vana di un posto di lavoro, lavoro tanto indispensabile nella vita dei singoli e delle famiglie!

Esistono comunque, per fortuna, aziende di rilievo che producono, investono e danno lavoro ai propri dipendenti e anche agli artigiani della zona.

Ritengo sia più che mai necessario puntare nuovamente i riflettori su quella “sedia” ormai scricchiolante per farla ritornare di nuovo simbolo di una virtù produttiva così scossa da una crisi che ha fatto perdere circa la metà degli addetti al settore! Va fatto tutto il possibile per costruire un possibile futuro di lavoro dando serenità e prospettiva alla nostra gente.

Anch'io, come mia mamma, un domani vorrei raccontare a mia figlia una storia fatta di lavoro e di benessere.

Alessia Cisorio Filca Cisl Fvg

Alessia Cisorio
Alessia Cisorio
archivio

la federazione:

altre risorse: