La Vita Cattolica

Mercoledì 24 Maggio 2017

 

Une sfide di frontâ cu la Peraule

PAR CURE DI PRE RIZIERI DE TINA

O ai let un articul une vore profont, di Roberto Muradore su «la Vite Catoliche» dai 26 di Avrîl. Al piture il timp che o stin vivint cun peraulis che ti scjassin e ti puartin a pensâ. Al fevele dal nestri mût di vivi di cumò, cence passât e cence avignî, intune epoche che no savìn nancje cemût clamâle, come di fat si dîs dome che e je «post-moderne», tant a dî: dopo di chê che o cognossìn. Lui le piture une vore ben e i colôrs che al dopre a son une vore scûrs. Inteletuâi e politics a son distudâts, a cirin di pensâ e di rangjâsi miôr che a puedin e, distirâts sul presint, no cjalin par aiar, ma par tiere. L’unic valôr che al è restât, par ducj, al è chel de convenience. Roberto al scrîf: «Il marcjât al è jentrât tal profont des relazions personâls, parcè che al è jentrât fin dentri de nestre vite!». E po al zonte: «O vin di fermâsi, pensâ, studiâ. E covente une leture di ce che al sucêt. E covente plui culture!».

Leint chestis peraulis mi è vignût tal cjâf Roger Garaudy, un pensadôr francês che, tai ultins agns ‘60, cul consumisim che al stave inviantsi, al veve za viodude la cape mâl taiade e al pensave a un mont che nol fos fat dome di lavôr, bêçs e consum. Lui al proponeve une societât là che ducj a varessin vût di lavorâ doi trê dîs par setemane, par cjapâ une paie di podê fâ une «vite dignitose». Po si tratave di vivi ben il timp libar, che al è chel là che si mangjin i bêçs. Par lui si veve di doprâlu par atindi ai rapuarts umans e cirî di nudrîsi di culture. Al puartave come esempli i Ateniês che, vint za garantide la magnocule dai lôr sclâfs, si son dedicâts ae art, ae filosofie, ae politiche, ae religjon…

Cheste nestre gjenerazion e pues dî di jessi è fin di un mont e, pûr vignint di chest mont che al finìs, e je clamade a inventânt un altri. Intune conference che pre Dino Pezzetta al à fat su Lutero nus diseve che ancje chel al vignive de Etât di Mieç e si è cjatât a jessi sul spirâ di chê epoche, cence savê nuie di chê che e sarès nassude: l’umanisim. Po ben, lui si è rimpinât su la Scriture. E al è propite Crist che al à dite: che dut al passarà, ma no lis sôs peraulis (Mt 24,35). E ancje a nô nus berle a dute vôs: «Se un al à sêt, che al vegni di me e che al bevi. Chel che al crôt in me, come che e dîs la Scriture, des sôs vissaris a spissularan flums di aghe vive» (Gv 7,37-38).

Come glesie al è il moment di tornâ a butâsi di pês su la Sô Peraule: nus al domande il mont intîr e il moment che o vivìn. O viodìn ancje il nestri pape che al cîr di lei il Vanzeli e riviodi lis struturis de glesie a partî di chel. Ancje la pastorâl de nestre glesie, plui che preocupâsi di conservâ il passât e varà di cirî te Peraule la lûs par lâ indevant. Tes nestris parochiis al coventarès un cjap di int che si meti a lei insieme la Peraule di Diu, metintle dongje dai fats che o vivìn par rivâ a viodi, no dome ce che al sta colant, ma ancje ce che al sta nassint, che al è simpri piçul e debul. Lis ideologjiis e lis sigurecis che o vevin a son coladis, cumò a coventin personis, a coventin cristians, che a rivin a impirâ i voi tal scûr dal avignî, cu la fede che al è tes mans di Diu, Paron de storie. E al è cu lis personis che al nassarà il gnûf e lis personis rinovadis a podaran inviâsi a inventâ une epoche gnove.

Pre Rizieri De Tina
Pre Rizieri De Tina
archivio
Roberto Muradore
Roberto Muradore
archivio

altre risorse: